Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

La storia di Taranto. “Fino alla fine. Romanzo di una catastrofe” di Angelo Mellone

La storia di Taranto. “Fino alla fine. Romanzo di una catastrofe” di Angelo MelloneFino alla fine – Romanzo di una catastrofe è il libro scritto da Angelo Mellone e pubblicato da Mondadori, che parla di Taranto, dei suoi veleni e della speranza perduta.

Se c’è una protagonista, in questo libro, è proprio la città pugliese, la stessa che da decenni produce e ingloba tossicità. Quella fabbrica è da sempre stata un enorme punto interrogativo, produce lavoro, ricchezza e nello stesso tempo fa aumentare vertiginosamente il numero di malati di tumore.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Non è facile vivere e convivere con un mostro che, improvvisamente, rende il cielo nero e l’aria irrespirabile, che toglie il fiato, il futuro, che condanna migliaia di bambini e di giovani a una vita diversa dalle altre.

«Qual è il tuo sogno del giorno dopo?» gli chiese. Smantellare la fabbrica e impiantare una foresta tropicale, una succursale di Disneyland, un parco acquatico? Cosa cazzo aveva in testa, il solito birignao del futile e dell’inutile? «Piano con gli insulti, mo’» reagì Chiodo, e il Professore lo assicurò che no, non lo stava insultando, non c’era niente di offensivo nelle sue parole. Era solo un modo diretto e amichevole per spronarlo ad accendere il cervello e ragionare. Non doveva prenderla sul personale: la stima, l’affetto e il rispetto rimanevano identici, gli disse, ricevendo da Chiodo un segno d’assenso.»

La storia di Taranto. “Fino alla fine. Romanzo di una catastrofe” di Angelo Mellone

Dindo, Claudio e Valeria sono oramai adulti, ma hanno vissuto tutta la loro esistenza pensando cosa sarebbe successo se quell’industria non fosse mai esistita. Divergenze e visioni politiche diverse hanno portato i personaggi verso esistenze altrettanto differenti. L’arroganza degli anni giovanili ha ceduto il posto a decisioni più pacate, anche se raccontate con la stessa veemenza di chi ha vent’anni e sta vedendo il proprio futuro sfumare davanti ai propri occhi.

Ci sarà ancora Taranto? Cosa significa quella catastrofe riportata nel titolo del romanzo? Fino alla fine vuole essere un monito, ma nello stesso tempo rappresenta uno sguardo di insieme, al di là delle apparenze, oltre i confini e le mentalità ottuse. Non è facile vedere la propria terra avvelenata, non è facile descriverla in maniera così cruda, senza quel minimo di relativismo che farebbe cambiare la storia.

«Si devono prendere paura, quei bastardi» lo pressò Dante. «Se noi trasformiamo la città in un condominio di stelle filanti, se la rendiamo insicura insomma... se facciamo capire che se si avvicinano a Taranto succede il patatrac, esplode il conflitto sociale... nessuno comprerà la fabbrica, chi è il pazzo che si va a infilare in una condizione di guerriglia permanente? Nemmeno lo Stato e quei criminali del Blocco nazionale che vogliono riportare la fabbrica ai tempi dell’Italsider.» «E i disoccupati?» «Ah già, i tuoi amici operai... i soldi che vogliono buttare per il Siderurgico serviranno a programmare un piano di sussidi, così nessuno morirà di fame. Si devono prendere paura.» «Dante, lo sai quello che stai dicendo?» «Certo.» «E se a farsi male sarà anche qualcuno dei nostri?» «Meglio.» «Meglio...» «Avremo un martire.»

La storia di Taranto. “Fino alla fine. Romanzo di una catastrofe” di Angelo Mellone

Restare umani, si può rimanere uomini, quando la propria vita viene “venduta”? Quando non si ha più la dignità di esistere, quando il denaro supera qualsiasi cosa? Affari e affaristi, il racconto di chi, spesso, è disposto a tutto pur di riuscire a vincere, pur di essere il migliore, senza pietà o meglio senza dignità.

Le barricate possono essere ancora costruite e poco importa se vengono fuori dall’odio o dall’amore, dalla passione o dall’abitudine, ciò che conta davvero è che abbiano un significato, che trasmettano una presa di coscienza che non si può più negare, neppure a se stessi. Non è più possibile lavarsene le mani, ora ci sono di mezzo figli, ora c’è una famiglia nella quale credere e per la quale combattere, riuscire a cambiare ciò che ancora si può modificare, anche se è poco, anche se spesso si ritiene che non ne valga la pena.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Crescere e affrontare la vita è un’impresa, soprattutto per chi non vuole farlo, soprattutto per chi non ha capito che il tempo è passato e bisogna arrendersi a esso, o forse bisogna davvero, sempre e comunque, lottare fino alla fine?


Per la prima foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.