In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

“La stella nera di New York” di Libba Bray

La stella nera di New York, Libba BrayLibrerie e biblioteche sono invase da letteratura di genere fantastico, in parte riservata a un pubblico adolescente; spesso anche gli appassionati faticano a trovare qualcosa di valido. Libba Bray, autrice americana, era già sembrata a molti una scrittrice  da tenere d’occhio, quando, alcuni anni fa, uscì per la Elliot la trilogia di Gemma Doyle, romanzi urban fantasy di ambientazione vittoriana tutt’altro che liquidabili come narrativa superficiale per ragazzine in cerca di emozioni tra vampiri e dintorni.
Sul finire del 2012, edita da Fazi e con la traduzione di Donatella Rizzati, esce la fatica più recente di Libba Bray, La stella nera di New York, storia tra horror e gotico, ricca di elementi interessanti, curata, interessante e non solo ascrivibile alla mera evasione a cui spesso tende il genere.

Gli Stati Uniti negli anni Venti, all’indomani della carneficina del primo conflitto mondiale, sono una società contraddittoria e affascinante: il proibizionismo impedisce la vendita ufficiale di alcolici che sono poi disponibili ad ogni angolo; la voglia di vivere è alle stelle, ma un ragazzo di colore rischia il linciaggio se si avvicina a una donna bianca; i giovani, spesso fratelli e sorelle minori di ragazzi morti nelle trincee della lontana Europa, hanno voglia di vivere e di divertirsi, oltre che di scandalizzare genitori legati a un altro modo di vivere.
In questo mondo, in cui, per la prima volta, si afferma la modernità, dal conflitto tra generazioni diverse a un immaginario basato su cinema e musica, vive Evie O’Neill, 17 anni, che, dopo l’ennesima bravata, viene  trasferita dai genitori dalla sua città natale a New York, ospite dello zio Will, curatore del Museo dell’Occulto.
Per la verità, tutto questo sarebbe per lei più un premio che una punizione, visto che nella Grande Mela c’è più da divertirsi che altro, ma Evie si troverà presto nei guai per via di un potere sanguinario e spaventoso, che  ha richiamato in vita senza volerlo, quello di un assassino morto mezzo secolo prima che deve finire un rituale per rievocare le forze delle tenebre.

L’autrice sa padroneggiare bene l’intreccio horror, tra suggestioni di varie culture e leggende metropolitane, e il libro piacerà agli appassionati del genere, con reminescenze anche di Stephen King e, per fortuna, niente vampiri innamorati dell’eroina di turno. Evie è un personaggio decisamente frivolo e poco attendibile, una maschietta con decisamente poco spessore, non una paladina contro le forze del male, e questo la rende simpatica.
La vera forza de La stella nera di New York sta nel saper immergere il lettore nella società rutilante e piena di voglia di vivere degli anni Venti, che tanto ha influenzato l’oggi e in cui si parlò, per la prima volta, di divertimento, adolescenza, ruolo delle donne e dei giovani, annichilita dal massacro della guerra ‘15-‘18, sospesa tra il dramma del crollo della borsa del Ventinove, l’avvento dei fascismi in Europa e  la Seconda Guerra Mondiale: un mondo che rivive nitidamente nelle pagine di un libro che funziona sia come romanzo horror che come romanzo storico e cronaca di gioventù perdute, di ragazze che, come Evie, sognavano e volevano libertà e una vita senza quelle  guerre che avevano distrutto la generazione precedente. Il finale è aperto, e senz’altro ci saranno degli sviluppi su questa eroina per caso, tra forze del male e la voglia di vivere senza freni che la possiede, più forte di qualsiasi presenza maledetta.

Nessun voto finora
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.