Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

La sottile speranza di ritrovare se stessi. “Piove deserto” di Ciro Auriemma e Renato Troffa

La sottile speranza di ritrovare se stessi. “Piove deserto” di Ciro Auriemma e Renato TroffaGrazie a un’ormai collaudata collaborazione, Ciro Auriemma e Renato Troffa offrono al pubblico di lettori Piove deserto (DeA Planeta editore), un racconto drammatico che lascia però respirare un sottile anelito di coriacea e originaria speranza, quella di ritrovare se stessi. Piove deserto è un romanzo che riesce ad amalgamare accortamente la suspense e la scorrevolezza da noir intrigante, uno sguardo acceso sulla crisi di alcune aziende sarde e un doloroso monologo interiore del protagonista, inerte osservatore della sua vita.

Ci troviamo nell’isoletta sarda di Carloforte, paradiso naturale dove tutti gli abitanti si conoscono, dove il passato rimane come potente e immutabile marchio, dove i ricordi non svaniscono, ma restano aggrappati al presente e si espandono. Pantaleo Mari, dopo anni di assenza, ritorna su quest’isola con uno scopo ben preciso: spiegare il motivo della scomparsa del suo migliore amico, Davide.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Il protagonista deve però confrontarsi con una pressante domanda: è lì perché gli preme la verità rispetto alla vicenda che ha tragicamente coinvolto l’amico o perché questo è il compito che gli viene affidato dall’assicurazione per la quale lavora, incaricata di saldare il costo della scomparsa di Davide? Un dubbio che calza perfettamente come emblema della personalità di Mari, sempre diviso fra affetto sincero e compromesso, fra speranza e disillusione, fra amore per la sua famiglia e odio verso se stesso. Il suo passato di alcolista ritorna come un boomerang nel flusso dei suoi pensieri, come un macigno incancellabile, che lo spinge e schiaccia a terra, portandolo a considerarsi meno di una nullità. Questo ritorno all’origine, però, lo forza a interfacciarsi con ciò da cui era scappato. I luoghi della sua memoria, così cari e simultaneamente veicolo di tormento, lo confrontano costantemente con se stesso. Ex poliziotto incapace di sottrarsi al richiamo dell’alcool; padre assente della dolce Eleonora, che nonostante tutto ancora gli vuole bene; marito scostante e immeritevole; figlio dimentico del padre, morto solo in quell’isola negli anni in cui Mari era scappato da se stesso.

La sottile speranza di ritrovare se stessi. “Piove deserto” di Ciro Auriemma e Renato Troffa

E improvvisamente questo groviglio da districare nelle sue mani, questa missione che lo guida verso la scoperta di verità sempre meno piacevoli, sempre più scottanti, in un puzzle di indizi sconclusionati che gradualmente cominciano ad assumere una forma. Fino alla verità. E di fronte alla verità, Mari sarà costretto a prendere una decisione. Lui, incapace di vivere, incapace di essere qualcuno, in questo percorso di indagine rispetto alla vicenda di Davide e, allo stesso tempo, di analisi interiore, dovrà fare una scelta morale fondamentale. Giustezza e giustizia, riflette il protagonista, non sempre coincidono. Solo l’onestà verso se stessi e il riuscire infine a scegliere qualcosa conferiscono dignità a una vita, e aprono la possibilità di ritrovare una sottile speranza dimenticata.

La sottile speranza di ritrovare se stessi. “Piove deserto” di Ciro Auriemma e Renato Troffa

Piove deserto ci offre una panoramica sulla situazione di questa piccola isola e sulla Sardegna in generale, portando a galla uno degli attuali problemi che l’affliggono: quella della crisi delle fabbriche e delle pesanti conseguenze nelle vite degli operai e degli sciacalli che se ne approfittano. Ciro Auriemma e Renato Troffa ci lasciano intravedere tutto ciò non senza deliziarci con la rappresentazione dei paesaggi sardi, del sole che arrossa la pelle e dell’azzurro mare, culla e ristoro per il nostro protagonista. Unico rimarco negativo è la talvolta eccessiva presenza di figure retoriche come similitudini e metafore che, quando sono forzate, deconcentrano il lettore e appaiono come un tentativo costruito di conferire al romanzo una patina letteraria.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Tutto sommato, nondimeno, Ciro Auriemma e Renato Troffa hanno dato il meglio di sé in un noir che non si limita a essere tale, ma si dirama in varie direzioni e offre innumerevoli spunti di riflessione. Il messaggio profondo di Piove deserto è che, solo riuscendo ad affrontare il peggio di ciò che si è stati e di ciò che si è ancora, si può arrivare a ritrovare se stessi.


Per la prima foto, la fonte è qui.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Nessun voto finora
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.