Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

La sorpresa dell’e-book in Italia

e-bookAppena il mondo iniziò a parlare del fenomeno dell’editoria digitale, degli e-reader, dei .mobi, sembrava che da lì a breve gli scaffali delle librerie si sarebbero svuotati dai libri lasciando spazio ai soprammobili. Specie negli USA. In Italia, i pronostici suggerivano un’invasione più rallentata. Anche se il primo Natale, del lontano 2009, avrebbe dovuto far salire alle stelle l’e-book e i rispettivi e-reader.

Volgendo lo sguardo al passato, mantenendo comunque un occhio di riguardo per il presente, si nota, tuttavia, che le attese sono state alquanto disilluse. Sugli scafali i volumi cartacei ci sono ancora. E, per la gioia di chi preferisce sfogliare le pagine nel dolce vecchio stile, lì resteranno almeno per qualche anno ancora.

Un dato, però, attira l’attenzione: gli USA e il mondo e-book. Fino al 2012, la vendita dei libri digitali ha toccato cifre altissime, triplicandosi di anno in anno, subendo poi quasi una battuta d’arresto. 289 milioni di dollari è l’introito riportato in alcune statistiche riferite alla vendita di fiction per adulti, nel 2012. 328 milioni di dollari, nel 2013. L’incremento, sostengono le stesse statistiche, rispetto agli anni precedenti, quest’anno è stato esiguo: 5%.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Sorge il dubbio che, se oltreoceano, dove l’era digitale è stata accolta a braccia aperte, i lettori hanno iniziato a storcere il naso dinanzi al libro virtuale, nel Belpaese la situazione dovrebbe essere una delle peggiori. AIE, tuttavia, ci stupisce con i risultati dei suoi studi: se nel 2009 l’e-book rappresentava solo lo 0,2% dei titoli in commercio, nel 2013 sono 8,3%. Nel mese di marzo, 44,5% dei nuovi titoli sono apparsi anche in formato digitale. E, per soddisfare la curiosità morbosa, sono di più gli uomini a leggere virtualmente rispetto alle donne.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.