Corso online di scrittura creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di editing

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

La sola salvezza per gli scrittori italiani: farsi non-contemporanei

La sola salvezza per gli scrittori italiani: farsi non-contemporaneiDa diversi anni ormai gli scrittori italiani, quelli, anagraficamente parlando, dell'area TQ in ispecie, sembrano sentire l'obbligo di compiere il loro doveroso atto di responsabilità: un altare all'impegno che affonda le sue radici nella convinzione, oramai divenuta nuovo vangelo, credo, degli intellettuali, di vivere nella stordita dimensione di un presente d'inesperienza, del trauma del "senza trauma"  per citare una volta ancora il Giglioli fresco di stampa (in verità prospettiva sociologica, in Italia, nata vecchia, se si pensa che già nel suo opuscoletto uscito nel 2006 per Bompiani, La letteratura dell'inesperienza, Antonio Scurati ci aveva edotti sul trauma dell'inesperienza, per non dire di Benjamin e degli altri).

 

L'orfananza di traumi reali porterebbe a riprodurre, come esperimenti in laboratorio, condizioni, sfondi, situazioni narrative "estreme", codificandosi in uno stile dell'eccesso che macina insieme e liofilizza, sulla pagina, cronaca e plasticosa aggressività linguistica, assunta a garanzia indubbia di iper-realismo (come dire, avere entrambi i piedi ben piantati nel terreno della nostra Storia presente). Sembra quasi che nessuno degli scrittori sappia svicolare dalla gabbia di un engagement che debba misurarsi con il collage dei soliti usati elementi (si pensi all'ultima di questa serie di narrazioni, Dove eravate tutti di Paolo Di Paolo, che sin dal titolo aspira all'apostrofe inquisitoria, e nella sua costruzione ne realizza pienamente, in chiave più o meno consapevolmente meta-narrativa, il modello). Tutti a rincorrere, in virtù della comune maledizione dei tempi di un immaginario "bloccato", un coercitivo sfondo (imposto e mai concretamente esperito), la fotostatica copia di una storia sempre uguale (nei modi, nei tempi, nel linguaggio): un correre masochisticamente a braccia aperte verso il muro grigio di un presente che, guardato sprezzantemente in faccia, rende miope il nostro scrutare.

 

Risultato: una narratologia che, di variazione in variazione, rimane uguale a se stessa; costretta a galleggiare sull'usato e vischioso fondale della dittatura dei media, dell'exploit dei favolosi anni Ottanta, dell'avvento del berlusconismo (male più recente, tra i molti del nostro Paese, erroneamente e a lungo creduto come corpo estraneo, e invece tara genetica indubbia di una nazione). Ma ciò che davvero preoccupa di questa stagione di "giovanile" irreggimentato neo-impegno intellettuale è il suo lugubre biglietto da visita: il vestire i panni sempre più di un ineluttabile destino, da abbracciare e percorrere.

 

Ma questo, come, nel tentativo di rendere più salubre il clima intellettuale, fa bene a ricordare Vittorio Giacopini ("Pietrificati dalla Medusa d'oggi", Sole24ORE, 2 ottobre 2011), non è il solo dei possibili destini, «non è un percorso obbligato», ma si può anche fare (si deve) altrimenti, «si può sempre».

 

Questo rinfrescare la memoria rispetto a una condizione sentita come obbligata e in realtà derivata da una masochistica e depotenziante autocastrazione, mi pare oggi più che mai un monito sacrosanto. Dismettere i panni del cronista, abbracciare uno sguardo traverso sul nostro presente, squarciare la camicia di forza neo-verista: tornare a quello strabismo (Giacopini chiama in causa il mito della Medusa che pietrifica e di Perseo col suo scudo che riesce a non soccombere) che sappia frapporre, fra noi e la realtà, un diaframma, segnare un punto di dialettico distanziamento: tornare per vie altre, davvero, a raccontarla, perché «farsi non-contemporanei vuol dire stare ai propri tempi, senza subirli».

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (4 voti)

Commenti

Ma tutto questo - già prima di V. Giacopini - non era nelle "Lezioni americane" (la leggerezza) di Italo Calvino?

Certamente. Calvino ne parla nel memo dedicato al valore della "leggerezza", da cui (presumibilmente) Giacopini desume la ripresa del valore emblematico, riflesso sul piano letterario, dell'episodio mitico dello scudo di Perseo e della Medusa.
Anzi, la vicenda intellettuale di Calvino, di quello per intenderci dallo Scrutatore in poi, ha pagato pesantemente la legittima vocazione a non subire passivamente i tempi in cui veniva scrivendo: ha pagato lo scotto, voglio dire, di essere per sempre frainteso (da certa critica, anche recente e recentissima), proprio in nome di quella "leggerezza" intesa in chiave antitetica rispetto all'impegno ingaggiato dall'intellettuale con la Storia. Risultato, il miope ignorare quanto, in effetti, sostanzi la ricerca letteraria del secondo Calvino, la cui parabola muove dalle storie Cosmicomiche e giunge alle prose del signor Palomar. La lezione di Calvino, tanto abusata e invocata sul piano dello stile, bisognerebbe essere introiettata e tesaurizzat, ergo recuperata, anche e soprattuto sul piano dell'atteggiamento conoscitivo...

Pezzo molto interessante.

Io credo che l'autore, soprattutto se "fresco", debba assolutamente seguire il suo istinto. Ha poco altro a cui affidarsi. Se l'istinto gli dice di immergersi dentro la palude iper-narrata dei drammi italici, che lo faccia. Se sa scrivere bene, verrà fuori un capolavoro anche dal visto e dallo stravisto.

Certo, c'è, come si fa notare in quest'articolo, un'inflazione di argomenti tutti troppo simili. Lo si vede anche il cinema. E questo causa un dramma che, lo ammetto, io vivo appieno: un pregiudizio nei confronti dell'autore italiano.

La via d'uscita a tutto ciò?

Non lo so per gli altri. Per me è "vivere l'estero", uscire dall'Italia. Non so a cosa questo porterà. Ma appunto, non posso far altro che seguire il mio istinto.

Perfettamente e militantemente d'accordo con il pezzo! Vivere all'estero è una soluzione, ma anche leggere più letterature per sottrarsi all'endogamia. C'è un mondo di possibilità formali e umane là fuori. Le comunità chiuse degenerano

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.