Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di scrittura creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di editing

"La seduzione dell'altrove" di Dacia Maraini

La seduzione dell'altroveC'è un gruppo musicale, nato dalle mie parti, che all'inizio rivisitava canzoni di De Andrè, poi è cresciuto e ha creato dei capolavori della canzone italiana. Loro si chiamano Mercanti di liquori e quando ho iniziato "La seduzione dell'altrove" di Dacia Maraini, mi è subito venuta in mente una loro canzone: "Il viaggiatore" (qui il video).

Il ritornello recita così: «il viaggiatore viaggia solo e non lo fa per tornare contento, lui viaggia perché di mestiere ha scelto il mestiere di vento».

Questa frase raccoglie lo spirito con cui la Maraini affronta questo testo. Scordatevi la Dacia Maraini di "Voci" e toglietevi dalla testa di leggere un testo come "Colomba".

Qui l'autrice è carne della sua stessa prosa, è protagonista e narratrice nello stesso istante.

Non avvicinatevi a queste pagine se non volete essere travolti da una voglia irresistibile di partire per qualunque posto. La bravura della scrittrice italiana qui si rivela nella forma più umana e contingente: il documentario. Tutto il libro non è altro che una raccolta di memorie e di riflessioni sui vari viaggi dell'autrice, fatti in tutti gli anni di cui ha memoria. Pochi sanno che Dacia Maraini passò la sua infanzia in Giappone, in fuga con la famiglia da un fascismo che li perseguitò persino nel paese del Sol Levante, quando strinsero alleanza con i nazisti. Partendo da questi primi anni della ragione, Dacia, descrive la sua idea di Altrove, dell'Altro: e mi fa sorridere l'idea che un'italiana possa sognare la sua terra natìa come una qualsiasi esotica terra selvaggia di salgariana memoria.

Eppure il nervo scoperto dell'Altrove, la Maraini lo colpisce perfettamente: il viaggio come conoscenza, come rapporto con se stessi di lotta e di dubbi, come confronto di abitudini e scontro di certezze.

Il mio parere è che quando si è in terra straniera, da soli, si è veramente se stessi e Dacia Maraini qui si racconta attraverso le usanze, gli sguardi e i particolari colti da un occhio poetico come il suo.

È come guardare le foto di una vacanza di un'amica, ma senza sorrisi finti, pose trite e ritrite, senza la falsità del turista.

Una testimonianza incredibile riportata sul libro è quella di un viaggio africano della scrittrice, assieme a Pasolini e Moravia, per un documentario sulla caccia agli ippopotami. Questo racconto mi ha lasciato un senso di angoscia e allo stesso tempo di completezza. Descrivendo un mondo decadente, vinto dal consumismo e dal denaro, non può che darci l'input per un'analisi di ciò che ci circonda. Mi fa l'effetto di un remake di un film che ho già visto: gli attori sono nuovi, le scenografie più belle, ma so già come andrà a finire.

Un libro consigliabile a tutti?

No.

Un libro da passare, mano nella mano, a un certo tipo di persona che sa leggere fra le righe, un lettore allenato che non si ferma alla fotografia che la Maraini ci propone, ma indaga dentro di sé sul subbuglio che le parole hanno portato.

Sono pagine che andrebbero lette su un treno, non sono pagine immobili che lasciano dietro di loro solo qualche colpo di scena o qualche bacio tra amanti. Qui l'unico amore che troverete è quello per il viaggio.

In queste righe, che Dacia Maraini ha scritto e raccolto, ritrovo uno spirito sopito da qualche guerra, da episodi di violenza o da un politico corrotto: l'orgoglio di essere un cittadino del mondo.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.