In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

"La scena perduta" di Abraham B. Yehoshua

La scena perdutaForse ognuno di noi ha una scena perduta. Come la interpreta Yehoshua nel suo romanzo (tradotto da Alessandra Shomroni) però: un momento che ci ricorda e ci ossessiona. Vorremmo tornare lì, in quell’interstizio spazio-temporale, ma se anche potessimo, ne cambieremmo qualcosa? Il tempo, in questo romanzo, è solo apparentemente lineare. All’inizio ci troviamo a Santiago di Compostela, dove Yair Moses, un regista israeliano, è stato invitato per presenziare ad una retrospettiva organizzata in suo onore. Ad accompagnarlo c’è Ruth, l’attrice dei suoi film: entrambi sono uniti dal passato comune, da una relazione di affetto, attrazione e autonomia reciproci. Il tempo percepito dal lettore. Un tempo che sembra fermarsi per sempre a Santiago di Compostela, perché Yehoshua accompagna il lettore nel racconto dettagliato dei film di Moses, e affonda la penna nelle emozioni inaspettate con cui l’anziano regista dovrà fare i conti. Perché ad ogni visione riaffiorano le situazioni da cui è nata la regia, ritornano a distanza i rapporti tra regista e attori e, soprattutto, il connubio ormai troncato con uno sceneggiatore, un certo Trigano: «Per un istante Moses è inorridito nello scoprire che lo sceneggiatore con cui ha rotto i ponti così tanti anni fa è noto in questo luogo lontano e straniero, ma subito si rammenta che appare nei titoli dei primi film in programmazione oggi, perciò si tranquillizza, concedendosi di tesserne le lodi.»
A complicare il tutto interviene la suggestione di un quadro, presente nella stanza d’albergo che Moses divide con Ruth, un dipinto dal titolo Caritas romana, del cui autore non si sa quasi nulla, a parte che per la luce e la posizione dei personaggi si è ispirato a Rembrandt. Nessun mistero legato al quadro in sé, ma al fatto che è molto simile alla scena di un film che Moses ha girato in passato con Trigano e Ruth, che poi lui stesso ha cancellato per paura di offendere l’allora giovane attrice con la crudezza dell’azione.
Non è opportuno anticipare più di questo, non tanto perché ci siano misteri nella trama, quanto perché nel vissuto del protagonista in quei pochi giorni a Santiago si compie una sorta di viaggio interiore: Moses si sottoporrà, lui ebreo israeliano, ad un’autentica confessione cattolica. Poi, al ritorno in Israele, il viaggio interiore continua e tutto appare diverso. La figlia grande, la ex-moglie, poi la stessa Ruth, cha da attrice passa a regista. Tutto viene visto con occhi nuovi. Come se la riconsiderazione del passato portasse con sé nuove sfumature sul presente, sulle relazioni con gli affetti più vicini. Intanto l’ombra dello sceneggiatore, Trigano, riappare qua e là: nominato da altri, ricordato, indirettamente legato agli eventi in cui Moses si imbatterà una volta tornato a casa. Poi ci sono le scelte da fare, le decisioni al bivio: lasciar decantare le emozioni e i ricordi, o riprendersi quel passato con coraggio, con insistenza e impudenza al limite della dignità? Fare i conti con la propria età significa rendersi realmente conto che il tempo non è assoluto, ma relativo alle proprie scelte, per cui ogni attimo può caricarsi di nuovi significati, se non di rimedi al passato.
Adoro il realismo poetico di Abraham B. Yehoshua. La sua crudeltà impietosa con i personaggi, l’umanità dei loro piccoli grandi difetti, carne e sangue di anime che vorrebbero  essere migliori di quello che sono. Le descrizioni delle loro case, delle strade apparentemente quiete ma minacciate da una guerra senza termine. La storia di Israele che fa da sfondo. Si può perdonare allora a uno scrittore così grande aver voluto mettere tutto, ma proprio tutto in questo romanzo. Tutta la sua maturità di scrittore e di uomo, a prezzo di un certo didascalismo, di un intellettualismo che trapela nei dialoghi, come se non avesse voluto dare niente per scontato. Come se non avesse voluto sottintendere nulla, ma spiegare ogni cosa, con il suo stile che si muove in un equilibrio inarrivabile tra il realistico-quotidiano e l’introspezione più raffinata.
Forse perché, come per il suo protagonista, che in fondo è un regista, un creatore di storie, anche per lo scrittore è giunto il momento di dire ogni cosa. Per non lasciare spazio, una volta per tutte, all’ennesima “scena perduta” e alle sue ossessioni.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (16 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.