Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

La rivalità tra Matisse e Picasso. Storia di un’amicizia tormentata

La rivalità tra Matisse e Picasso. Storia di un’amicizia tormentataLa rivalità tra grandi artisti è all’ordine del giorno. Come dimenticare la concorrenza che si fecero Leonardo e Michelangelo? Entrambi, già nel pieno del loro successo, parteciparono alla gara per decorare il Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze. Chi ebbe la meglio? Entrambi risultarono vincitori, ma nessuno portò a termine il compito, in quanto dovettero ritirarsi in itinere per cause di forza maggiore.

E come ci racconta Sebastian Smee, nel suo Artisti rivali edito in Italia da Utet nella traduzione di Violetta Bellocchio, nemmeno l’area contemporanea è esente da screzi. Un esempio? La tormentata amicizia tra Matisse e Picasso che Smee ci illustra con ricchezza di particolari, a partire da alcuni aneddoti molto singolari su Henri Matisse che, non avendo denaro sufficiente per acquistare nuove tele, raschiava via la pittura dai quadri che aveva già dipinto e li riutilizzava, e che decise di distruggere una sua opera dopo che la madre la vide e frastornata urlò: «Questa non è pittura».

L’incontro tra Picasso e Matisse, riporta Smee, avvenne nel 1906, presso lo studio dell'artista spagnolo, quando questi aveva ventiquattro anni, mentre l'amico francese trentasei. Matisse era sposato felicemente, Picasso era circondato ogni giorno da belle donne. Prima fra tutte Fernande Olivier, con cui Pablo ebbe una lunga relazione. La donna dichiarò persino di detestare lo squallore delle condizioni del compagno e di sentirsi turbata dalle continue manifestazioni di gelosia. Ciò, del resto, è in linea con quanto riportato in La mia vita con Picasso da Françoise Gilot, compagna per dieci anni e dalla quale l'artista ebbe due figli.

La rivalità tra Matisse e Picasso. Storia di un’amicizia tormentata

LEGGI ANCHE – L’arte è una bugia che realizza la verità. Intervista a Picasso

 

Matisse, sebbene soffrisse di profonde insicurezze che sfociavano spesso in attacchi di panico, risultava a prima vista un uomo pacato, dalle buone maniere, colto. Picasso, invece, in apparenza poteva sembrare un artista di successo, orgoglioso, ma dietro questi aspetti celava profonde insicurezze. L'amicizia con Matisse smuoveva in Picasso sentimenti competitivi, tanto da trasformarsi nel tempo in vera e propria ossessione, che decise di sfogare con la manifestazione pittorica che lo rese noto universalmente e con la quale avrebbe voluto "sorpassare"in notorietà il suo collega: Les Demoiselles d'Avignon. L'intento era quello di riprodurre un'opera fuori dagli schemi, avendo come idea iniziale quella di presentare un'allegoria sulle malattie veneree e sul prezzo del peccato. Evidente fu il legame con la letteratura dell'epoca: fonte d'ispirazione fu infatti il romanzo pornografico scritto dall'amico Guillaume Apollinaire, Le undici verghe, che lo scrittore gli fece leggere prima della pubblicazione.

La rivalità tra Matisse e Picasso. Storia di un’amicizia tormentata

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

La competizione tra i due (sentita più da Pablo che da Matisse) non si limitava solo al campo artistico, ma trovava forma anche in ambito affettivo, verso la figlia di Matisse, Marguerite, presente il giorno del primo incontro tra i due.

Matisse era molto legato a Marguerite ancor più in seguito al tragico evento che rischiò di portargliela via per sempre. Affetta da difterite, malattia che colpisce le vie aeree superiori, ebbe un giorno una forte crisi tanto che le fu praticata una trachetomia d'emergenza sul tavolo da cucina, mentre il padre la teneva immobile. E come se non bastasse, durante la lunga convalescenza in ospedale, contrasse il tifo. Fortunatamente le condizioni migliorarono poco per volta e il rapporto con il padre diventò sempre più forte. In quel fatidico incontro Marguerite fu accolta con calore in casa Picasso, in particolar modo da Olivier, che la vedeva come la figlia che avrebbe tanto voluto avere.

Solo poco tempo dopo, anche la famiglia del tombeur de femmes adottò una bambina, Raymonde, coetanea di Marguerite, tanto da sollevare l'ipotesi di un'evidente "gelosia" genitoriale. La figlia, però, fu riportata presto all'orfanotrofio non appena Olivier notò che l'interesse del compagno si era tramutato in morbosità e andava oltre quello che lei riteneva dovesse essere un rapporto tra un padre e una figlia.

La rivalità tra Matisse e Picasso. Storia di un’amicizia tormentata

In quel tanto atteso incontro del 1906 i due artisti si scambiarono un'opera: Matisse scelse una natura morta dell'amico, mentre Picasso decise di tenere con sé proprio il ritratto che il pittore francese aveva fatto all'amata figlia Marguerite. Forse per colmare l'assenza di quest’ultima. Unica cosa certa è che gli amici di Picasso raccontarono successivamente che quel dipinto fu utilizzato durante le cene in compagnia per spegnere mozziconi di sigaretta e come bersaglio per giocare a freccette.

 

LEGGI ANCHE – Henri Matisse e il suo odio per Raffaello. Un’intervista possibile

 

Aneddoti accattivanti si mescolano tra le pagine di Artisti rivali che ci portano a riflettere sull'originario significato della parola rivalità: un sentimento in apparenza di competizione malsana, ma che se analizzato cela un'accezione più profonda. Rivale deriva infatti dal latino rivalis che significa "ruscello" e propriamente "colui al quale appartiene l'altra riva del ruscello (e del quale si è naturalmente gelosi)".

La rivalità tra Matisse e Picasso. Storia di un’amicizia tormentata

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Due sponde, e quindi due artisti, che viaggiano su un percorso comune di un fiume che è l'arte, verso la quale ognuno aspira e cerca di farsi largo con ogni mezzo possibile.

Una forma di rivalità sana che portò gli artisti ad amplificare il loro talento: una manifestazione di determinazione a volte da prendere come esempio. 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (4 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.