Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

“La resistibile ascesa di Arturo Ui”: metafora della metafora

Umberto Orsini in "La resistibile ascesa di Arturo Ui"Bertolt Brecht scrisse La resistibile ascesa di Arturo Ui nel 1941, mentre si trovava in Finlandia. Nel dramma che racconta l’ascesa al potere del gangster Arturo Ui nella Chicago degli anni Trenta, è innervata, e rappresentata, per “analogia”, la storia della conquista del potere da parte di Adolf Hitler. Tuttavia, il dramma non sarà messo in scena, per la prima volta, che nel 1958, ben due anni dopo la morte del suo autore.

 

L’allegoria potentissima di Brecht è di estrema attualità, in questi giorni. Il drammaturgo nato in Baviera è stata una delle voci, insieme a poche altre del teatro del Novecento, che hanno cantato la stupidità e l’arroganza del potere costruito sulle storture, facendolo con commovente leggerezza.

 

E attuale è quindi lo spettacolo di Claudio Longhi, con la drammaturgia di Luca Micheletti e Umberto Orsini nei panni di Arturo Ui; in tournée dalla primavera del 2011, si tratta di una rappresentazione che mostra in pieno la coscienza della portata del teatro brechtiano, e della sua vocazione didattico-pamhplettistica.

 

Tanto espressionista quanto pedagogico, tanto politico quanto lirico. E del resto, forse che oggi possa sentirsi di meno il bisogno di un “teatro epico”?

 

Al contrario, crediamo. Molte voci, soprattutto dal cosiddetto teatro di narrazione, si alzano, coi vari Baliani, Celestini, Paolini, Vacis, fino al talento di Daniele Timpano. Voci che raccontano misteri (le stragi di Ustica e del Vajont, il rapimento di Aldo Moro, tra gli altri), che scavano nelle ombre, narrando in prima persona, e parodiando a volte.

 

Proprio come ci insegna Brecht parlando dell’ascesa, sì, ma resistibile, appunto, di Arturo Ui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.