In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

“La regina di Pomerania e altre storie di Vigata” di Andrea Camilleri

La regina di Pomerania e altre storie di Vigata, Andrea CamilleriÈ un Andrea Camilleri ancora una volta in forma smagliante, quello che ci presenta le otto, coinvolgenti storie contenute ne La regina di Pomerania.

Edito da Sellerio, La regina di Pomerania e altre storie di Vigata — questo il titolo completo — è un libro che racconta momenti di vita quotidiana della provincia siciliana, vicende che si svolgono a cavallo tra 1893 e il 1950 nell’ormai noto paesino del commissario Montalbano.
Camilleri, senza abbandonare il suo classico stile, ironico e pungente, tratteggia i contorni di una cittadina che, pur essendo frutto della sua fantasia, presenta personaggi talmente curati e definiti da apparire più che tangibili. L’autore descrive, come sempre in modo arguto, le caratteristiche dei cittadini di Vigata, sia quelli del popolo che quelli dell’alta società e dell'aristocrazia, dipingendone lati positivi e negativi, eroismi, meschinità, tradizioni e abitudini. Ogni storia risulta tutt’altro che scontata, mentre lo spunto narrativo parte da un dedalo di situazioni che portano sempre a un finale sorprendente e tutt'altro che scontato.

Il primo degli otto racconti è Romeo e Giulietta. Un divertente aneddoto, ambientato in un singolare ballo in maschera, organizzato dal comune di Vigata per salutare l’arrivo del ventesimo secolo. Qui, un improbabile Romeo si vede rifiutato da un’impudente Giulietta sullo sfondo di una piccante festa di pirandelliana memoria, in cui si susseguono scambi di coppie, occhiate intense e incontri furtivi.
Si muove a cavallo tra l’ilarità e la commozione il secondo racconto, I duellanti, dove in un susseguirsi di zuffe e tradimenti, due rivali in amore si sfidano in una gara sullo sfondo di una festa di paese. All’epilogo della contesa, il vincitore scoprirà nell’altro, e nella loro infinita contrapposizione, la sua vera linfa vitale.
Il terzo dissacrante racconto, Le scarpe nuove, vede protagonista un asino dall’intelligenza prodigiosa. Il suo padrone, fervente antifascista, l’ha voluto chiamare Mussolini. L’apertura del racconto, come i due precedenti, descrive una tipica e chiassosa festa di paese, questa volta in onore del santo patrono.
La storia che dà il nome al libro, La Regina di Pomerania, vede protagonista un singolare console di un piccolo ignoto Stato, alle prese con una vicenda di malaffare in cui a farne le spese sono, ancora una volta, gli ingenui abitanti di Vigata.
La lettera anonima, invece, si ispira alle malelingue paesane che feriscono più delle percosse, mentre la fanno da padrone le gelosie e i bassi risentimenti tra fratelli ne La seduta spiritica, vero e proprio spaccato sulla grettezza umana alla base di rapporti famigliari impostati sulla menzogna.
Il sesso portato all’estremo è l’elemento su cui poggia la pungente comicità alla base della storia narrata ne L’uovo sbattuto, il cui finale si rivelerà decisamente imprevisto.
Nell’ultimo racconto, Di padre ignoto, la commovente e grottesca ricerca del padre del protagonista riscatta l’ingenuità materna, e gli vale l’acquisizione di cinque padrini. Le riflessioni esistenziali di donna Amalia colpiscono per l'inattesa profondità di un personaggio tanto umile.

Ogni storia è scritta con sorprendente fluidità e prende spunto dalla bonaria follia di personaggi ingenui o, talvolta, assai scaltri, dove la meschinità e il gioco antico degli equivoci la fanno da padroni.

La regina di Pomerania e altre storie di Vigata è un libro che dimostra la bravura del maestro Camilleri e gli fa meritare un posto d’onore nel piccolo firmamento della letteratura italiana moderna. E non è un’esagerazione. L’ideatore del commissario Montalbano ha dato vita a un’altra ammirevole opera letteraria. Certo, è una considerazione che vale per chi apprezza lo stile del maestro, fatto di vocaboli dialettali, infarcito con personaggi coloriti e ben costruiti e ricco di situazioni a volte assurde e paradossali ma, almeno per loro, questo libro è da considerarsi un piccolo, grande capolavoro.

Il tuo voto: Nessuno Media: 1 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.