Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

La realtà come antidoto. “A tutto c’è rimedio” di Helen Phillips

La realtà come antidoto. “A tutto c’è rimedio” di Helen Phillips«Ci sono persone che desiderano sapere, e altre che non lo desiderano», così comincia I conoscitori, il primo racconto della raccolta: A tutto c’è rimedio di Helen Phillips (Safarà Editore, tradotto da Cristina Pascotto e Alice Intelisano), anche autrice dell’opera And Yet They Were Happy, nominata tra le migliori raccolte del 2011 da The Story Prize, e de La bella burocrate (Safarà Editore), tra i migliori romanzi del 2016 del «New York Times», vincitrice del Rona Jaffe Foundation Writer’s Award, dell’Italo Calvino Prize in Fabulist Fiction, The Iowa Review Nonfiction Award e del Diagram Innovative Fiction Award.

La raccolta contiene diciotto racconti ma è in questa frase che sembra racchiuso il senso dell’intera opera. Con A tutto c’è rimedio, Phillips ci sta invitando a entrare nel suo mondo. Confortati dalla sua guida e da quel lieto fine già annunciato nel titolo, ci affacciamo su questo universo ambiguo, lontano, strano, popolato da personaggi scossi dalle più bizzarre e profonde inquietudini come il conoscere la data della propria morte, l’innamorarsi di un partner robotico o l’imbattersi in numerose neomamme sosia. Quello che ci presenta Phillips è un mondo nel quale il lettore entra lentamente, come in un sogno, incuriosito da quell’aria sempre più fitta e rarefatta, con la costante sensazione di star compiendo un viaggio necessario quanto esistenziale.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Un mondo che per fortuna all’inizio sembra molto distante dal nostro, ma le cose non sono come appaiono. A ben guardare, man mano che l’aria si infittisce, ci si rende conto che si è persa la strada di casa e quel luogo e i suoi personaggi sono un po’ come gli alieni descritti in Congiunti, diversi dagli umani solo per i contorni un po’ sfocati. È così che quella realtà disorientante e i suoi personaggi sembrano, a un tratto, preoccupantemente simili a noi.

È allora forse che si inizia a riflettere dentro i racconti e con i personaggi. Infatti: conoscere la data della propria morte è tanto diverso da festeggiare il proprio compleanno? Avere la capacità di vedere l’interno di un corpo, con le sue fasce muscolari e le sue ossa, è tanto diverso da ricordare che siamo esseri fragili, umani, mortali? Serve davvero che il tempo si fermi per farci ricordare che gli altri sono vulnerabili quanto noi?

La realtà come antidoto. “A tutto c’è rimedio” di Helen Phillips

Perché allora il collegamento non è immediato? Perché quel mondo dalle cupe e distopiche atmosfere è tanto conturbante da farci pensare, a una prima lettura, che le idee dell’autrice siano originali e lontane dal nostro mondo e da noi?

Forse il merito di Helen Phillips è allora nella piena consapevolezza del proprio ruolo; nella piena consapevolezza che vicino a qualcuno che sceglie di sapere è inevitabile che altri prendano coscienza. E forse allora la differenza è tutta lì, se si è conoscitori o meno.

«Ci sono persone che desiderano sapere, e altre che non lo desiderano. All’inizio Tem mi prendeva in giro con quella sua aria di sufficienza […] se rivendicavo di appartenere ai primi; quando si rese conto che lo volevo davvero iniziò a preoccuparsi […].

«Perché?», mi chiese tra le lacrime nel cuore della notte. Non potevo rispondere. Non avevo una risposta.

«Non riguarda solo te, lo sai» disse. «Coinvolge anche me […]».  Commossa, strinsi la sua mano nell’oscurità. Con riluttanza, ricambiò la mia stretta. Avrei preferito essere come Tem, certo che lo avrei voluto! Se solo avessi saputo che era possibile sapere, e tuttavia accettare l’ignoranza».

 

Come il filo di Arianna, l’incipit de I conoscitori ci accompagna nella lettura degli altri racconti e ci porta a riflettere sui sentimenti, sui pensieri e sulle pulsioni che spesso diamo per scontato e che abbiamo catalogato in tutta fretta sotto l’etichetta: banale, normale.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

E contro questa veloce operazione l’autrice ci mette in guardia: le certezze nascondono un veleno paralizzante. Phillips ci fornisce un antidoto, un rimedio, come ci tranquillizza nel titolo, adatto a ogni persona e a ogni situazione, sia che si scelga di sapere o meno. Tuttavia questi racconti ci fanno riflettere sulla realtà, sulla tendenza che abbiamo di abbellirla. È così che si spiegano le storie surreali che i personaggi vivono, frutto di una mente che si chiede che cosa accadrebbe se guardassimo la realtà per ciò che è, se, per esempio, ci ricordassimo che la pelle è solo un rivestimento e che sotto di essa ci sono fasce muscolari e ossa; se ammettessimo che abbiamo preferito credere a una menzogna e tenerci all’oscuro della verità; se capissimo che siamo infelici perché abbiamo barattato l’autenticità per la comodità.

La realtà come antidoto. “A tutto c’è rimedio” di Helen Phillips

«Eva fece un passo indietro per ammirarli, quel gruppetto di esseri umani immobili, ognuno dei quali aveva attraversato la vita per giungere a quella tavola. Ognuno di loro si era sentito non amato e solo e stupido e goffo e colpevole e ansioso e inadeguato, ognuno di loro si svegliava il mattino e faceva cose, cercava di prendere le decisioni giuste, si lavava i denti e cercava di non vergognarsi di se stesso, si inorgogliva dei propri piccoli traguardi e si sforzava di parlare con autorevolezza di uno o due argomenti. Quanto vulnerabili apparivano ora, intrappolati nei loro gesti più umili, quanto patetici, quanto cari! Si sorprese dolorosamente consapevole dei loro scheletri, del fatto che appena al di sotto della loro pelle si trovavano tendini e intestini e altre cose ripugnanti. Le amava queste persone ‒ la lattuga incastrata tra i denti di uno, la sfilata di brufoli sulla fronte dell’altro, la macchia su una maglietta, gli orli sfilacciati».

 

Forse, come ci suggerisce e ci esorta a fare Phillips con A tutto c’è rimedio, se vedessimo le nostre debolezze, la nostra fragilità, se capissimo che tutti cerchiamo solo di sopravvivere, riusciremmo ad amare e ad amarci.


Per la prima foto, copyright: Marc-Olivier Jodoin su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.