Corso online di scrittura creativa

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di editing

La Puglia allo specchio: il sole, il mare, l’eternit

Pantanagianni, PugliaIl footing è un’attività che mi piace praticare soprattutto d’estate, all’alba, quando il sole si leva sull’Adriatico, a meno di tre chilometri dall’oasi di Torre Guaceto. Mi sveglio, mi preparo un caffè, trascuro di fumare la prima sigaretta, indosso pantaloncini, maglietta e scarpe, ed esco dal villino di mia madre senza far rumore. Saluto il vigilante – questa strana creatura da residence, un po’ guardiano un po’ guardone – e lui mi risponde augurandomi il buon giorno con malcelata ironia. Lui s’è fatto la notte in guardiola, io lottando tra calura e zanzare. Siamo entrambi stanchi.

Appena fuori del villaggio – tra due contrade che costituiscono Pantanagianni, frazione di Carovigno, comune da sempre dentro il territorio reale della Sacra Corona Unitasaluto gli schiavi neri e bianchi che da un’ora almeno raccolgono verdura e pomodori, strizzo l’occhio a quell’omone che riposa alla guida di un furgoncino – il caporale – e comincio lentamente a muovere le gambe. Percorro uno stradone, supero una decina di alberi di fichi e mi inoltro nelle contrade dove gli alberi nascondono piccole grotte naturali colme di spazzatura. Sono dieci anni che frequento questi posti e ho visto spuntare come funghi ville, parcheggi, lidi, un resort, un albergo e distese di fotovoltaico dove millenni fa già c’era una civiltà antichissima.
Mi stupisce, invece, trovarmi a correre su una strada più larga del solito, dove adesso si son messi a costruire nuovi muretti a secco al posto dei vecchi in mattoni e cemento. Trovo su un campo di erbacce metri accatastati di asfalto vomitato come fosse il reperto di un’era preistorica, pezzi sparsi di lamiere di eternit e di mattoni, tubi sottili di cemento, telai di ferro e ringhiere, copertoni bruciati sotto alberi di fico. Mi guardo intorno, ci sono troppe case in costruzione per capire da dove venga quel materiale.

- Lo gettano la notte.
Una voce, alle mie spalle. È un uomo, dall’accento uno di qui. Mi volto e lo guardo. Ha più o meno cinquant’anni, un asciugamano e una sacca.

- Va al mare?
- Prima che arrivi la folla… A quest’ora il mare è uno spettacolo.
Non posso che essere d’accordo.
- Ma perché gettano qui ‘sta roba?, gli domando, quasi intenzionato ad andare a fare un bagno con lui.
- Lo fanno per risparmiare. Sono quelli di qua e di altri comuni. I muratori, poi qui le ville appartengono… ci siamo capiti. Si sono messi in testa che devono allargare le vecchie case. Si fanno le villone, i lidi. Guarda qua.
Mi indica una villa con annesso lido-parcheggio che l’anno scorso non c’era e che ora ci obbliga e una deviazione dal percorso naturale che porta al mare.

- Hanno intenzione di affittare ai turisti o di farsi una bella casa grande da vendere chissà quando. Qualcuno prende pure i soldi dal comune per ristrutturare.
- Ma così distruggono tutto!
L’uomo, che deve averne viste tante in questo pezzo di Puglia, fa di sì con la testa e sbuffa.

- Qui c’è eternit, ci sono mattoni…, dico.
- Manca la testa, risponde fermandosi dopo aver battuto più volte l’indice sulla tempia.
Siamo sotto una duna e, prima di inerpicarci, mi invita a guardare indietro. Lo spettacolo è bellissimo. Campi verde oro, alberi, piccole discese e l’accenno di una lama.

- In Puglia ti devi avvicinare alle cose per capire dove sta il problema.
È proprio vero. Da lontano questa terra è un paradiso, ma basta avvicinarsi, aguzzare la vista e magari incontrare una guida come lui, per cogliere piccole e grandi increspature che ammazzano un pezzo di paesaggio. Saliamo sulla duna, una sabbia sottile che s’insinua nelle pieghe delle mie scarpe ginniche. Non mi capitava dalla mia ultima passeggiata nel Sahara, dieci anni fa. Come Proust, torno indietro nel tempo. Allora vedevo il sole morire nella sabbia, adesso sorge dalle acque come un dio.

- Ma il mare è pulito?
Per tutta risposta lui si tuffa e comincia a nuotare andando incontro al sole. Almeno il mare deve essere pulito. Torno sui miei passi, risalgo la duna al contrario e riprendo a correre. Adesso incontro qualche bottiglia, un televisore e una lavatrice: i cascami del progresso che fu negli anni Ottanta. Quando arrivo sullo stradone, mi accorgo che per impedire il parcheggio libero ai villeggianti hanno usato ammassi di mattoni a chiudere gli ingressi. Tra cumuli di terreno, tutte le bocche del vecchio parcheggio – tutte salvo quella presidiata dal nuovo parcheggiatore abusivo del lido – sono state ostruite dai mattoni. E anche qui qualche sparuto cimelio di lamiera, di eternit, e due pseudo vigili che sonnecchiano. Hanno le facce antiche della Puglia che non c’è più e quelle moderne di un’indolenza tutta italiana. Così procedo senza fermarmi, col sudore sulla fronte e tanta amarezza nel mio cuore di pugliese.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.9 (7 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.