Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

“La politica nell’era dello storytelling” di Christian Salmon

Christian Salmon, La politica nell’era dello storytellingUn piccolo grande racconto: si potrebbe definire così La politica nell’era dello storytelling di Christian Salmon, edito da Fazi nella collana «Le terre» che ospita, fra gli altri, Michel Onfray, Franco Cardini, Gianni Vattimo, Jacques Attali.

Piccolo per il suo limitato numero di pagine, La politica nell’era dello storytelling, ma grande perché riesce, con poche e icastiche battute, a delineare il quadro di grande complessità che è venuto a generarsi in ambito politico in maniera progressiva nel corso dell’ultimo decennio. Si legge tutto d’un fiato, il volume di Salmon, in non più di qualche ora, grazie a un’impostazione vivace sebbene non frammentaria e un linguaggio rapido, divertente, che la traduzione di Nicola Vincenzoni lascia “vedere” con chiarezza.

Il saggio, organizzato in tre capitoli e un preambolo, si muove con agilità fra sociologia e politologia, storia della comunicazione e letteratura contemporanea. Ed è proprio nel preambolo, intitolato Dell’insovranità, che Salmon mette a fuoco il filo rosso steso attraverso il suo scritto: quelli che lui chiama «segnali di un processo di autodivoramento dell’homo politicus». Siamo dunque di fronte a una serie di passi che hanno configurato un processo di «decostruzione della funziona politica». Alla base di questo processo, per il nostro autore, vi è «una doppia rivoluzione». È così che Salmon rivolge il suo sguardo all’annosa problematica dello svuotamento della sovranità statale del suo contenuto, a causa della doppia rivoluzione di cui sopra, sostanziatasi nell’intervento combinato di neoliberismo e nuove tecnologie. Il proposito dell’autore è perciò quello di «abbozzare un ritratto collettivo» di alcune figure politiche di grande rilievo, emerse proprio da questo scenario di «“deperimento” dello Stato», da Clinton a Sarkozy, attraverso Bush Jr., Blair, Berlusconi e Obama.

Quest’ultimo è il “protagonista” del primo, e forse più importante, capitolo del libro, «È la performance, idiota!». In tal senso, il punto di avvio del racconto, dolente e divertito allo stesso tempo, è la convention nazionale democratica del 28 agosto 2008 a Denver, nel Colorado, convention in cui Barack Obama tenne il proprio discorso di accettazione della candidatura a presidente degli Stati Uniti. Ciò che l’autore mette in evidenza più di ogni altra cosa è proprio l’utilizzo di uno storytelling articolatissimo, con riferimento al «“narratore” di Obama», David Axelrod. L’incontro fu occasione per decine di migliaia di persone, di convergere in un’unica “grande narrazione”, nella quale ciascuno si poteva sentire, ed era anzi pienamente legittimato a sentirsi, parte di «qualcosa di imminente e di fatale».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+Pinterest e YouTube]

Christian SalmonLa performance di quello che sarebbe diventato il primo afroamericano presidente degli USA è stata la proposta di una storia, di un racconto, non il propinare un’ideologia vuota; secondo Salmon, la forza di Obama è stata proprio quella di offrire a tutti «una sintassi diversa, quella delle assonanze e della conciliazione, quella delle identità meticce e delle variazioni». In un’ottica del genere, la convention ha, per Salmon, sincronizzato quattro età mediatiche diverse: «l’età tribunizia dell’arringa pubblica», «l’età della radio e delle “conversazioni al caminetto” inventate da Franklin Delano Roosevelt», «l’età della televisione e della telepresenza dei corpi e dei volti» e, infine, «l’età di Internet, che assorbe le tre età precedenti immergendole nell’interattività».

La politica nell’era dello storytelling non è, però, solo un saggio su Obama. Christian Salmon, infatti, destreggiandosi fra contenuti di diversa natura, oltre che trovando appoggio tanto in Jeffrey Alexander quanto in John Austin e persino in Don DeLillo, compie un vero e proprio viaggio, da Obama alla “cerimonia cannibale” celebrata dalla politica odierna, tanto statunitense quanto europea, passando da Sarkozy e Hollande per giungere alla “politica spettrale”, protagonista dell’ultimo paragrafo del libro. Si potrà dunque concludere, secondo il ricercatore francese, che «l’uomo politico, che non è mai stato tanto visibile, tanto esposto nei media, costantemente telepresente, questo uomo politico che conosciamo bene da almeno due secoli è a rischio di estinzione».

L’uomo politico dipinto da Christian Salmon in La politica nell’era dello storytelling è, in ultima analisi, «uno spettro rischiarato da quelle stesse fiamme che si accingono a divorarlo».

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.