Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

"La politica è una cosa seria", protagonisti politici di ieri e di oggi raccontati da Andrea Scanzi

"La politica è una cosa seria", protagonisti politici di ieri e di oggi  raccontati da Andrea ScanziAndrea Scanzi, giornalista de «Il Fatto quotidiano», scrittore, autore teatrale e volto noto della televisione, torna in libreria con La politica è una cosa seria (Rizzoli), una galleria di ritratti di personaggi che, nel bene e nel male, hanno dominato la scena politica italiana dal dopoguerra a oggi.

Il sottotitolo, Da Berlinguer a Salvini, dieci motivi per cacciare i pagliacci, spiega già in poche parole l'impostazione del libro, diviso tra "come siamo" e "come eravamo", in un confronto decisamente impietoso: se per il passato brillano quattro figure positive (Parri, Pertini, Berlinguer e Caponnetto) a fronte di una sola negativa (Andreotti), per il presente il rapporto si inverte, con il solo Rodotà a fronteggiare i ritratti negativi di Berlusconi, D'Alema, Renzi e Salvini, con un Bersani sospeso a metà strada.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Scanzi ci racconta le figure che ammira da sempre e quelle che non l'hanno mai convinto, con un linguaggio diretto, spesso divertente e "cattivo" al punto giusto, fornendoci un quadro vivace, anche se nel complesso sconfortante, del mondo politico attuale oltre a qualche suggerimento per affrontare il futuro.

Abbiamo intervistato Andrea Scanzi a Milano subito dopo l'uscita del libro.

"La politica è una cosa seria", protagonisti politici di ieri e di oggi  raccontati da Andrea Scanzi

Quali sono stati i criteri di scelta, nel bene e nel male, proprio di questi politici e non di altri?

Li ho scelti tenendo presenti due aspetti. Il primo è stato quello letterario, perché ho deciso di parlare di quei personaggi che stimolavano la mia penna e non di quelli che non la stimolavano per niente: quando scrivi un libro devi avere degli stimoli, un'ispirazione. Pensando a Pertini, ad esempio, potevo immaginare un capitolo che si sarebbe scritto praticamente da solo, mentre pensando a uno come Fanfani, anche se io sono aretino come lui, sapevo che avrei fatto molta fatica a parlarne.

La seconda motivazione è stata del tutto emotiva, empatica e passionale. Questo è un libro in cui mi racconto più che in altre occasioni, perché dichiaro apertamente quali sono i personaggi che mi mancano, quelli che ho amato, quelli che a volte mi hanno deluso, oppure i personaggi nettamente respingenti. Volevo creare una separazione tra "politici belli", che hanno giustificato l'amore per la cosa pubblica e ci hanno fatto appartenere a un ideale, e quelle figure che finiscono per farci rimpiangere ancora di più i politici che ci mancano. Guardi i politici attuali, poi ti volti indietro, vedi Pertini e ti chiedi "come abbiamo fatto a diventare così?"

 

Anche per questo non parla dei Cinque Stelle?

So che me lo chiederanno spesso, soprattutto perché io ero stato uno dei primi a parlare dei Cinque Stelle anche prima che vincessero le elezioni, perciò può sembrare strano che li abbia esclusi. C'è una motivazione temporale: quando racconti un personaggio politico devi avere a disposizione anni da raccontare, deve esserci tanto da dire. I Cinque Stelle sono fugaci, a partire dal fatto che sono vincolati dal limite del doppio mandato. Emergono un po' solo Di Maio e Di Battista, ma il secondo si è in pratica già ritirato uscendo di scena, mentre per il primo c'è una seconda motivazione: sebbene io sia stato uno dei pochi a capire fin dall'inizio pregi e difetti del movimento Cinque Stelle, adesso faccio fatica a fotografarli.

Se racconto Renzi, so che incarna una politica che mi è estranea. Se racconto Salvini, lo stesso, Berlusconi non ne parliamo. Se racconto Berlinguer, parlo di uno che mi manca. Se oggi racconto Di Maio, parlo di uno che non sono in grado di mettere a fuoco con precisione. È un mio limite sui Cinque Stelle: a volte li vedo chiari nelle loro idee, il giorno dopo non riesco a capirli.

"La politica è una cosa seria", protagonisti politici di ieri e di oggi  raccontati da Andrea Scanzi

Ma non sono forse diventati meno leggibili da quando sono al governo?

Senza dubbio. Fino al 2018 avevo delle idee chiare su di loro, tendevo a collocarli tra i buoni, o quasi buoni, ma adesso tutto mi appare molto confuso. Il cambiamento che gli italiani volevano con le elezioni del 4 marzo 2018 ha determinato l'unione di due forze politiche molto distanti tra loro, col rischio di deludere una buona parte dei loro elettori. A volte mi capita, quando partecipo ai dibattiti televisivi, di pensare di sapere bene cosa dire, ma in altre occasioni mi rendo conto di non avere per nulla le idee chiare riguardo a ciò di cui si parla. E se non ce le ho io, non oso pensare allo smarrimento del cittadino comune.

Ho scritto questo libro proprio per chiedermi, e chiedervi, cosa sta succedendo alla politica, se sia sempre stata così o se in passato fosse più facile dire "noi" invece di "io". Oggi mi sembra che tutti dicano "io", ma senza mitizzare troppo il passato mi sembra che prima ci fossero delle persone più belle di oggi. Prendete Berlinguer: potevate non essere d'accordo con le sue idee, ma è stato una figura straordinaria, eroica e romantica. Lui è il più alto, ma forse ci mancano anche le mezze figure di una volta.

 

Tempo fa mi è capitato di ascoltare il suo direttore Marco Travaglio in televisione, mentre si discuteva sul caso Diciotti e sulla mancanza di dissenso della base dei Cinque Stelle riguardo al salvataggio di Salvini. Lui ha detto che questa è una questione di principio e che sembra che ultimamente dei principi non importi più nulla a nessuno, né ai politici, né ai cittadini. Ci ho ripensato leggendo questo libro e mi sembra che si parli proprio di persone che procedevano seguendo i principi. È una lettura corretta?

Più che una domanda, questa mi sembra una meravigliosa recensione, per cui faccio fatica ad aggiungere altro: è esattamente quello che penso. I politici di oggi non hanno quasi mai a cuore l'etica, la cosiddetta "questione morale", mentre in passato c'era chi (anche se non tutti, naturalmente) era mosso da valori altissimi. I principi sono decaduti, sono fuori moda.

Il voto sulla Diciotti è emblematico, perché i Cinque Stelle hanno vinto le elezioni insistendo sulla questione morale, che è qualcosa di ancora più alto dell'onestà. Poi però li vedi far assolvere Salvini per un puro tornaconto, per restare al potere, e una persona che ha seguito il loro percorso non può non sentire molti campanelli d'allarme. Molti cittadini sono rimasti male, come me, anche del fatto che questa decisione dei Cinque Stelle non abbia generato un grande dibattito: la loro base, la stessa che sei anni fa voleva Rodotà presidente, non ha detto nulla.

 

Ma come s'inverte questa tendenza? Venendo dagli studi classici parto purtroppo dalla Grecia antica, dove la politica è un onore che ti avvicina agli dei, e confrontare un politico di quel mondo con quelli attuali genera un contrasto stridente.

Gaber, che io cito spesso e volentieri, in una delle sue canzoni dice «vorrei dire a Platone che un politico è sempre meno un filosofo e sempre più un coglione», e lo diceva nel 1980. Non che stessero benissimo nemmeno ai tempi della Prima Repubblica, però adesso c'è davvero tanta confusione.

Io non ho una ricetta, se l'avessi sarei il primo a consegnarla e mi piacerebbe se qualcuno sapesse dirmi come si fa a uscirne, perché mi sembra che siamo in una fase di stanca e di rassegnazione. La politica appare involuta e servirebbe una spinta che sparigli le carte, ma io non la vedo all'orizzonte. Le elezioni possono portare solo a una crescita dell'astensione e la maggior parte delle persone ha la sensazione di non capire più nulla della politca attuale.

"La politica è una cosa seria", protagonisti politici di ieri e di oggi  raccontati da Andrea Scanzi

Qual è il meccanismo che ha facilitato la regressione della classe politica? La cultura o la sua mancanza hanno inciso tanto?

Premesso che trent'anni fa avremmo potuto ritrovarci come oggi a criticare la classe politica di allora, perché di fronte a gente profondamente respingente come Gava, Sbardella o Cirino Pomicino persino Di Maio sembra un intellettuale, il confronto rimane: tempo fa, in un dibattito, mi sono ritrovato insieme a Martelli, che non ho mai amato né votato in passato, ma che quando parla rispetto ai politici attuali ha la statura di un Kennedy o di un Adenauer. Andando in televisione, spesso ho l'impressione di parlare col nulla, che dall'altra parte manchino proprio i fondamentali. Il livello è spesso di una bassezza di contenuti indescrivibile.

Però dobbiamo dire che, come nello sport o nel vino, ci sono annate e generazioni che vengono meglio e altre che vengono peggio, perché dipendono dall'humus culturale in cui crescono. Pensate cos'è stato crescere nel dopoguerra: negli anni Sessanta e Settanta è stata composta la musica più bella in assoluto, almeno per me che amo i cantautori. Erano tutti più ricettivi, più stimolati... C'è stato uno svilimento un po' di tutto, dalla musica alla letteratura, al cinema, e calando i contenuti in generale è calata anche la politica.

Cosa possono darvi come modelli culturali Salvini, Renzi o Di Maio? Ci sono tante brave persone in politica, ne conosco di destra e di sinistra, ma il livello rimane basso. Il berlusconismo ci ha segnato profondamente e non è certo scomparso.

 

Perché le donne sembrano essere scomparse dalla politica? Non servirebbe, più ancora che qualche donna in più, una maggiore sensibilità femminile in generale?

Riguardo alle donne concordo sul fatto che manca una sensisibilità femminile, però bisogna stare attenti a non sopravvalutare certe persone solo perché donne... Non possiamo paragonare la Boschi e Tina Anselmi. Mancano figure femminili notevoli, perché anche lì c'è uno svilimento. Trovatemi cinque donne in politica oggi che vi convincano davvero, ma anche cinque uomini.

 

Lei mescola politica e cultura pop. Mette la musica in apertura di ogni capitolo, parla spesso per immagini: ad esempio, di Berlinguer parla della sua morte e del suo funerale più che della sua politica. Perché?

Tendo sempre ad associare ogni vita a una musica, per cui la musica non poteva non esserci. Per me tutto ha una colonna sonora, sono associazioni che mi vengono naturali anche perché io ho un passato da critico musicale. Detesto tutto ciò che è verboso, prolisso e autoreferenziale, per cui mi va bene essere pop: se c'è una cosa che ha allontanato il cittadino dalla politica è l'idea che si debba usare un linguaggio da iniziati. A me fa piacere se un ragazzo che dice di non capire nulla di politica viene a dirmi di aver capito un trenta per cento in più leggendo i miei articoli.

Su Berlinguer ha ragione, ma credo che su di lui esistano almeno trecento libri e non c'era bisogno di un altro capitolo scritto da me. Ho cercato di raccontare persone offrendone dei flash, partendo da un particolare, ma purtroppo, nel caso di Berlinguer, non riesco a non pensare alla sua morte in diretta: per uno come lui la politica giustificava il sacrificio fino alla fine. Ancora adesso non riesco a rivedere il filmato del suo ultimo discorso, in cui vedi tutto il suo dramma personale e la volontà di arrivare alla fine nonostante stesse male.

Nessuno mi toglie dalla testa che se si fosse fermato prima avrebbe avuto qualche possibilità di salvarsi, ma lui questa possibilità se l'è negata. Ne ho parlato proprio per sottolineare il dislivello tra la politica di allora e la robetta attuale. Del resto, guardate il sottotitolo di questo libro: accostare Berlinguer a Salvini suona come accostare i Pink Floyd a Povia.

 

Non per abbassare il livello, ma di Renzi cosa ci può dire?

Che è sempre stato sopravvalutato, e fin dal principio questo si poteva capire. Abbiamo la stessa età e amici comuni, veniamo da due città vicine e quindi io ho iniziato a osservarlo molto presto.

 

C'è una differenza tra Berlusconi, Salvini e Renzi?

Tra Berlusconi e Renzi c'è la differenza che c'è tra maestro ed allievo, ma il maestro rimane migliore dell'allievo come l'originale è sempre meglio della copia. Renzi ha fatto sue le ricette della destra pur di far vincere il PD e per un po' ha funzionato, ma poi è crollato tutto.

Berlusconi è bravo: ha vinto come imprenditore, come sportivo, come politico, mentre Renzi resta un personaggio debole e marginale.

Salvini è diverso: non ha molto in comune con Berlusconi, come Renzi è fanfarone e non ammette mai di sbagliare, ma è diverso perché ha un'idea differente della destra, un'idea che bisogna comprendere per affrontarlo. Non è propriamente nazista o fascista, per combatterlo devi stanare e dimostrare tutte le sue lacune: è uno che sguscia come un'anguilla e sa parlare, ma concretamente non ha fatto nulla. Se guardate alle sue mosse politiche, sono nulle, a partire dal decreto sicurezza che aumenta il rischio della criminalità e della clandestinità. Per non parlare della legittima difesa, della legge Fornero che vuole smantellare da sei anni, delle accise sulla benzina che non ha tolto... Salvini è uno che in nove mesi non ha fatto niente, ed è questo che dovrebbe essergli continuamente rinfacciato.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Quando gli italiani capiranno i bluff di Salvini?

Questo governo non è destinato a durare, perché Lega e Cinque Stelle sono diversissimi, ma è nato perché non c'erano alternative, e non ci sono nemmeno adesso. Se il governo cade, non ho più Nenni, Parri o Pertini, e rischio di beccarmi Salvini con Berlusconi e con la Meloni, ed è questa la mia grande paura.

L'operazione per uscire da questa situazione sarà molto lunga, perché deve crescere una vera alternativa, che per ora non c'è: la disillusione degli italiani da Renzi è stata molto veloce, quella da Salvini temo che durerà un po' di più.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Per la prima foto, copyright: Marco Oriolesi su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.