Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

La poesia come grido. “Dolore minimo” di Giovanna Cristina Vivinetto

La poesia come grido. “Dolore minimo” di Giovanna Cristina VivinettoPuntata n. 36 della rubrica La bellezza nascosta

 

«L’altra nascita portò con sé la distanza degli alberi – la verde solitudine dei tronchi. A noi parve – per così tanto tempo – di non toccarci mai, mai raggiungerci – per quanto ci protendessimo l’uno fra i rami dell’altra […] ci vollero diciannove anni per prepararsi alla rinascita, per trasformare la distanza tra noi in spazio vitale, il vuoto in pieno, il dolore in malinconia – che altro non è che amore imperfetto.»

 

Siamo il nostro corpo, siamo sicuramente la nostra carne, le ossa, siamo gli organi che ci muovono dentro; camminiamo con il ritmo che ci impongono le pulsazioni cardiache, respiriamo e parliamo stando attenti al comando della gabbia toracica e della gola. Siamo il nostro corpo, ma non solo: possediamo varchi immensi, voragini grandi che vengono riempite dalle emozioni; siamo una voce che ci parla dall’interno, due voci, un movimento che parte dallo stomaco e con una contrazione diventa paura o tristezza o forse rabbia.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Siamo soprattutto quello che non si vede, piccoli spostamenti interiori che ci possono dare un brivido o un attimo di felicità; e poi, può accadere, che ci si scopra estranei, che ci si senta stranieri in quel paesaggio di carne e pelle che è il nostro corpo, quel riflesso nello specchio. E quindi, forse, il nostro aspetto esteriore è solo la punta di un iceberg, che da lontano magari nemmeno si vede bene; tutto quello che non si vede, molto spesso, resta oscuro anche per noi, ma poi magari un giorno, nella grotta gonfia di tenebra, troviamo un fiammifero, lo accendiamo, e la lucina, debole ed enigmatica, ci apre la porta di qualcosa che non credevamo nemmeno di possedere.

La poesia come grido. “Dolore minimo” di Giovanna Cristina Vivinetto

Giovanna Cristina Vivinetto è nata a Siracusa nel 1994, la raccolta di poesie Dolore minimo è stata pubblicata dalla casa editrice Interlinea.

Queste poesie sono un viaggio, un cammino interno ed esterno che la nostra poetessa ci mostra come fossero, nel loro insieme, una mappa emotiva, una cartina fatta di strade e sentieri e boschi e case, una cartina densa, piena di rabbie e tristezze, piena di attimi sereni e momenti che colano terrore.

«Noi eravamo fra quelli chiamati contro natura. Il nostro esistere ribaltava e distorceva le leggi del creato. Ma come potevamo noi, rigogliosi nei nostri corpi adolescenti, essere uno scarto, il difetto di una natura che non tiene? Ci convinsero, ci persuasero all’autonegazione. Noi, così giovani, fummo costretti a riabilitare i nostri corpi, obbligati a guardare in faccia la nostra natura e sopprimerla con un’altra. A dirci che potevamo essere chi non volevamo, chi non eravamo. Noi gli unici essere innocenti. Gli ultimi esseri viventi, noi, trapiantati nel mondo dei morti per sopravvivere.»

 

LEGGI ANCHE – Tutte le puntate di La bellezza nascosta

 

Ogni pagina possiede livelli di buio e di luce, ogni riga sembra poterci tagliare, graffiare, entrarci nella pancia come un pugno; Vivinetto non ci risparmia nulla del suo percorso, mettendoci davanti alla faccia tutto quello che ha pensato e che, magari, ha fatto uscire dalla gola, bruciandosela.

La poesia come grido. “Dolore minimo” di Giovanna Cristina Vivinetto

E ci sono luoghi, in questa raccolta, che fanno soffocare, che ti violentano i muscoli; posti oscuri in cui la nostra poetessa tenta di mettere luce, riuscendoci con una delicatezza importante.

«Col tempo divenni nient’altro che un pallido riflesso di quel che ero. Lei, la Natura, si era appropriata di tutto: ogni cosa ormai iniziava a portare il suo nome. Il suo muto inganno. Fui poi rinnegato, ridotto al vuoto. Poco a poco, vidi scivolarmi davanti le ore, i volti, le strade. pensai che era meglio agire quando ancora potevo. Stare allora nel corpo era come indugiare in una stanza in cui non si può restare.»

 

L’intero libro è un grido, è come una voce che per troppo tempo ha dovuto trattenersi, che dopo aver raccolto tutta la forza e tutto il fiato esplode come una stella, rendendo il lettore partecipe e complice. La penna di Giovanna Cristina Vivinetto è gentile a tratti, precisa, pulita; come fosse un bisturi che recide senza lasciare margini di errore.

«Il corpo transessuale è un ritorno al feto e alla pancia. Un salto all’indietro verso la confusione acquorea delle forme del buio imprecisato della madre. Chiamatemi bambina, chiamatemi creatura risucchiata nel grembo e rinata. Abortita in eterno. Chiamatemi adulta due volte per queste mani che hanno mutato sensibilità. Per questa carne che del gioco ha svelato l’inganno e le catene che non si vedono…»

La poesia come grido. “Dolore minimo” di Giovanna Cristina Vivinetto

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Quindi la vita è spesso come una stanza, mura nelle quali siamo capitati senza che ci chiedessero il permesso, senza avere la possibilità di scegliere la mobilia, gli oggetti, il colore delle pareti. Ci hanno mesi dentro una stanza, e ci hanno detto cosa essere e come esserlo.

Ma c’è chi non accetta l’ordine, chi non accondiscende a una Natura che forse di naturale possiede solo dei dogmi. E allora, in quella stanza, con le unghie, ci si apre un varco, si scava nel muro, si suda, si sanguina e ci si maledice, e poi, con abnegazione è costanza, si riesce nella fuga, e una volta fuori, l’aria è diversa, il cielo ferreo pesa meno e finalmente, scegliere diventa elemento naturale, le catene di una costrizione atavica svaniscono.


Per la prima foto, copyright: Morgan Basham.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.4 (7 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.