Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Editing

La parola che tutti capiscono

ParolaÈ stata scoperta la parola più universalmente comprensibile! Se state pensando a "mamma" o a "pizza", non avete indovinato.

La parola magica è "huh".

Per quanto possa sembrare frivolo e insignificante, "huh" è il termine maggiormente capibile al mondo. Secondo i ricercatori del Max Planck Institute for Psycholinguistics dei Paesi Bassi, questa sillaba composta da una vocale centrale è comune, oltre all’inglese, ad almeno altre dieci lingue. Tra queste vi sono: l'olandese, l'islandese, lo spagnolo, il cinese mandarino, il Siwu parlato nell'Africa occidentale (Ghana), il Lao parlato in Laos, Tailandia e Cambogia e il Murriny Patha, una lingua aborigena australiana. Naturalmente, l'italiano fa parte di questo gruppetto.

La comunanza non è solo fonetica, ma vi è anche accordo sul significato del termine "huh". In tutti gli idiomi presi in esame risulta essere un'espressione interrogativa che manifesta una richiesta di chiarificazione, in sostituzione, ad esempio, dei nostri "come?" o "cosa?".

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Lo studio si basa sull’analisi fonetica di registrazioni audio in cui emergono 196 usi del termine “huh” all’interno di discorsi informali nelle dieci lingue approfondite dalla ricerca.

Di primo acchito "huh" sembrerebbe più un verso che una parola; eppure, secondo i ricercatori, non è da considerarsi un suono innato, come potrebbero essere il pianto e le urla di dolore. "Huh" ha una precisa valenza sociale e linguistica sviluppata come strumento di comunicazione. Questo è supportato anche dal fatto che vi sono leggere variazioni volontarie nella pronuncia, a seconda dell'idioma, come noterete da questo video: Paese che vai, "huh" che trovi.

Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.