Corso online di scrittura creativa

Corso online di editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

La nuova schiavitù, dalla Romania fino in Sardegna

La nuova schiavitù, dalla Romania fino in SardegnaTutto il mondo è paese. Ogni regione d’Italia ha la sua croce, il suo penetrante senso dell’ingiustizia sul lavoro. Anche la Sardegna, dove mi trovo per presentare Ghetto Italia, ha il suo principiante caporalato. Non in agricoltura, ma nella pastorizia: dove il disseccamento dell’attività e dell’economia si scarica sempre più su nuovi braccianti rumeni. Ne incrocio uno, che è qui con la famiglia al seguito, richiamato dall’ancestrale potere di un lavoro, quello del pastore, che evoca epoche lontane e scenari biblici.

 

«Come funziona, il sistema?»

Lui gratta per terra con uno scarpone, prima di rispondere. E sputa.

«Io vengo da un posto dove la pastorizia non c’è, ma non c’è nemmeno il lavoro come prima. Quando è finito il comunismo è finito tutto. Ero sposato e dovevo darmi da fare. Un amico sta qui da dieci anni, quasi, e mi ha detto che c’era lavoro. Altri se ne sono andati in Veneto. Ma lì le fabbriche chiudono. Le pecore restano»

 

La crisi pare essere diventato il movente per il ripristino delle vecchie economie (agricoltura, caccia e pesca): il ritorno del passato, anche nelle forme dello sfruttamento.

 

«Di chi sono le pecore?»

«Di un italiano. Lui ha molte greggi, ma non le governa più. È vecchio. Allora ci sono io e altri tre rumeni che facciamo i pastori. Stiamo fuori casa pure dieci o quindici giorni, nella zona di Alghero, e poi torniamo a casa»

 

Brevi transumanze per pascoli in un territorio sempre più abbandonato dal turismo fastoso di un decennio fa. Un paesaggio dove l’industria ha lasciato i suoi ruderi cadenti e i suoi veleni.

 

«Quanto ti paga?»

«Seicento euro al mese, e una parte del latte. Ma mi dà la casa. Me la sto comprando con paga»

«E al tuo amico, quello che ti ha chiamato, hai dato qualcosa?»

Esita. Si guarda intorno. Abbassa la voce e dice: «Mille euro, ma non gli devo più niente»

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Eccolo, infine, il sistema che si afferma. Siamo anche in Sardegna in presenza di un protocaporalato che media con la domanda di lavoro. È una forma illegale e criminale di controllo del mercato del lavoro da parte degli allevatori di ovini e di questi precaporali.

 

«Mi ha dato il lavoro, gli sono grato. Anche quando c’era il comunismo, era così»

Non ho motivo di dubitare della diffusione globale del sistema, perché questa nuova fase economica mondiale non si fonda sulla circolazione dei meriti, ma delle cattive pratiche e dello sfruttamento. Caporalato in tutti i settori pesanti, in tutti quei segmenti produttivi che necessitano di una fatica intensa, spossante. La pastorizia ne è un esempio.

 

«Rimarrai in Sardegna per sempre, allora»

Sì, dice di sì. Ha moglie e figli. Vive lontano dai centri abitati. Fruisce poco dei rari servizi messi a disposizione dalle amministrazioni pubbliche del territorio. La scuola, certo, e qualche volta un medico, ma niente altro. La sua è un’antichissima vita di solitudine, ma senza la poesia di un tempo: quella poesia che sorgeva dalle lunghe meditazioni sotto la luna, tra i nuraghi. La sorte dei sottopastori, così si chiamano in gergo con una punta di spregevole classismo, è affidata al volere dei padroni non meno di quella dei braccianti sparsi per l’Italia.

 

Siamo diventati il Paese europeo della nuova schiavitù: tutto per non rinunciare a un benessere che non esiste più.

 

«Voglio provare a chiamare qualche mio parente», dice e mi parla di un cugino più giovane che ha voglia di lavorare duramente.

«Ma non lo farai passare dal tuo amico»

«Vedremo», fa alzando una mano.

 

Vedremo, appunto, se prevarrà la rapacità del piccolo caporale o il buon senso di questo onesto pastore rumeno.


Segui il nostro speciale I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.