In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

“La Nebbiosa”: lo sguardo di Pasolini su una Milano ormai scomparsa

Pasolini, La nebbiosaDopo aver dato alle stampe nella sua collana Le Silerchie il testo di una sceneggiatura per un film ambientato a Milano, da cui il titolo La Nebbiosa, scritta da Pasolini e rimasta sconosciuta ai più per decenni, la casa editrice Il Saggiatore, in collaborazione con il Comune di Milano e il suo Polo Musei Storici e Archeologici, presenta dall’8 maggio al 14 settembre, presso Palazzo Moriggia (sede del Museo del Risorgimento), un’iniziativa molto interessante che prende spunto dal testo pasoliniano.

Si sa che Pier Paolo Pasolini nel 1959 visse per alcune settimane a Milano, percorrendola in lungo e in largo in cerca degli scenari dove ambientare la storia a cui stava pensando, basata sulle scorribande di alcuni teddy boys, come venivano chiamati allora quei ragazzotti che vestivano in jeans e giubbotto di pelle come James Dean, Marlon Brando e altri attori dei film americani dell’epoca sulla “gioventù bruciata”, e ambientata nella notte di Capodanno del 1959, momento di passaggio dagli anni Cinquanta ai Sessanta.

Lo scrittore era affascinato da questi ragazzi, che considerava differenti dai “ragazzi di vita” romani, in quanto figli della borghesia e spinti a comportarsi da piccoli delinquenti non per necessità, come nel caso dei proletari e sottoproletari delle borgate, ma soprattutto per noia e spirito di emulazione.

Si trattava di scrivere non un romanzo ma la sceneggiatura di un film, che gli era stata commissionata da due oscuri registi, alla quale dopo vari ripensamenti finì per dare il titolo La nebbiosa.

I curatori della mostra hanno cercato di immaginare e rappresentare quella Milano in gran parte scomparsa, o almeno profondamente modificata, che passò allora davanti agli occhi di Pasolini e che avrebbe dovuto essere protagonista di un film rimasto sconosciuto al pubblico, dal momento che i registi che alla fine lo realizzarono alterarono profondamente la sceneggiatura originale e cambiarono il titolo, creando un prodotto che sparì dalla circolazione dopo soli cinque giorni di proiezioni in una sala milanese.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Sono state dunque selezionate numerose fotografie dagli archivi del Museo Fotografico Contemporaneo e dell’agenzia Contrasto, scattate a Milano tra il 1950 e il 1965 da fotografi celebri come Ferdinando Scianna, Gianni Berengo Gardin, Federico Garolla, Mario Cattaneo e altri, allineate a formare un percorso ideale scandito da frasi tratte dalla sceneggiatura scritta da Pasolini.

La Milano della crescita frenetica e disordinata degli anni del boom, tra la ricostruzione degli edifici distrutti dalla guerra e il desiderio di modernizzazione, simboleggiato dai primi grattacieli e da nuovi quartieri periferici, per l’epoca avveniristici, come Metanopoli, si presenta ai visitatori con tutte le sue luci e le sue ombre: osterie che oggi non ci sono più, vigili che dirigono il traffico nella nebbia, nuove case costruite in mezzo ai campi incolti della periferia, ragazzi che si affollano attorno ai meravigliosi juke-box e scorrazzano in motoretta nelle loro notti brave.

A questa prima parte della mostra, basata sulle immagini d’autore, è destinata ad affiancarsi, dal 5 giugno, una seconda sezione che dovrà essere costruita attraverso le fotografie d’epoca più significative in possesso dei cittadini milanesi, che sono invitati a consegnarle a Palazzo Moriggia in occasione della visita.

Fino a 1850 immagini potranno essere selezionate, ristampate ed esposte in apposite bacheche contrassegnate dal nome dell’offerente, per andare a costituire quella che, nelle intenzioni dei curatori della mostra, dovrà essere la prima social exhibition milanese, per creare e condividere una storia collettiva che, come la sceneggiatura di Pasolini, non ci è stata mai raccontata.

Se questa iniziativa avrà successo, Il Saggiatore ripeterà l’esperimento il prossimo anno basandosi su un testo di Camilla Cederna per raccontare gli anni Settanta.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (3 voti)

Commenti

Una bella idea, senz'altro. Non mi perderò la mostra.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.