Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

La musica nell’antica Grecia

La musica nell’antica GreciaLa musica, il canto e la danza facevano parte integrante della vita del popolo ellenico.

Orfeo, Museo, Lino sono le più antiche figure del mito come poeti e musici, mentre finanche in Omero l’eroe Achille, nell’Iliade, accompagnandosi con la cetra canta le gesta dei valorosi guerrieri.

Vari erano gli strumenti utilizzati e venivano distinti in strumenti a corde, a fiato, a percussione.

Gli strumenti a corde formavano tre famiglie: a corde uguali nella lunghezza disposte  parallelamente, a corde disuguali e il gruppo dei liuti.

La lira fu il vero strumento nazionale dei Greci. L’inventore sarebbe stato Ermes bambino, che su un guscio di tartaruga avrebbe prima disteso un pezzo di pelle di bue, poi connesse ai lati due braccia fermate in alto da un giogo, e tra giogo e cassa di risonanza avrebbe teso sette budella di pecora. Duplice era il modo di toccare le corde. O venivano pizzicate con le dita o fatte vibrare per mezzo del plettro.

Altri strumenti a corde erano la cetra e l’arpa.

Gli strumenti a fiato vanno classificati in due famiglie: ad ancia e a bocca. Il più comune dei primi era l’aulo, una specie di clarino. Era formato da un tubo, di spessore, lunghezza e numero di fori vario secondo i tipi. A tale tubo veniva adattata un’imboccatura a forma di piccolo bulbo allungato che nella parte superiore portava un’ancia cioè una linguetta semplice o doppia.

Strumento a bocca era la siringa, monocalamo, corrispondente al nostro flauto o policalamo, inteso comunemente come flauto di Pan, che constava di più canne ad altezza decrescente saldate in modo che l’imboccature fossero tutte sullo stesso piano

Tra gli strumenti a percussione avevano il primo posto i timpani, tamburi di cassa larga e altezza breve, su cui la pelle era tesa da una parte sola, i cimbali, coppe bronzee a svasatura ampia, che, battuti l’un contro l’altro, avevano funzioni simili ai nostri piatti, i crotali, somiglianti a forcine impugnate per il manico dal crotalista, antenati delle castagnette spagnole.

 

Ben presto la musica entrò a far parte del sistema educativo, mentre musicologi e filosofi come Pitagora e Platone studiarono e sistemarono la teoria e la tecnica delle arti del ritmo.

Negli stessi agoni panellenici le gare musicali fanno parte del programma e dell’assegnazione dei premi, in base alla bravura dimostrata.

Diversi poi sono i canti popolari e di lavoro che accompagnavano giorno per giorno i lavoratori.

Tutta la poesia classica non può prescindere dalla musica: gli aedi e i rapsodi recitano canti epici accompagnandosi con la cetra. La poesia lirica, monodica e corale, è un insieme di parole e musica, le parti liriche della tragedia e della commedia sono la fusione armoniosa delle parole della danza e della musica del coro.

Tuttavia, se escludiamo gli schemi metrici, nulla ci è pervenuto della melodia. Inoltre bisogna aggiungere che i Greci non conoscevano la polifonia così come viene modernamente concepita, cioè come la molteplicità simultanea di tre o più suoni. Essi infatti col termine polifonia intendevano la molteplicità dei suoni usati in un brano musicale. Il coro cantava all’unisono. Sembra però che l’accordo simultaneo di due suoni fosse applicato al kommos, cioè nella tragedia greca era il dialogo tra il coro e gli attori.

I Greci considerarono il ritmo elemento primo e fondamentale della musica, chiamarono armonia un’ordinata successione di suoni formanti modo (ritmo). Tre erano i generi dell’armonia: il diatonico, il cromatico e l’enarmonico.

Era detta diatonica l’armonia che procedeva con note succedentesi ad intervallo di tono; era detta cromatica quella che presentava tre note succedentesi ad intervallo di semitono, l’enarmonica infine accoglieva anche intervalli di quarto di tono. Di essi il genere più antico fu quello diatonico, il più recente l’enarmonico.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3.2 (33 voti)
Tag:

Commenti

Sto cercando qualcuno che mi sappia chiarire:
1) a quali note corrisponde la nomenclatura greca di: nete, paranete, mese, paramese, hypathe
riportata da Athanasius Kircher.
2) se queste note corrispondono alle corde della Kithara
3) se la Kithara è una cetra o una lira
4) perchè solo cinque note quando trovo che questi strumenti avevano 7 corde?
Grazie

ciao! :)
provo a rispondere alle tue domande.

Premetto che sarebbe impossibile fare un paragone attendibile tra le sonorità antiche e il nostro orecchio moderno; è solo possibile una approssimazione, derivata da secoli di trasmissione orale.

Una Ottava era formata da due tetracordi (diatonici - tono, tono, semitono) disgiunti :

- nete (mi)
- paranete (re)
- trite (do)
- paramese (si)

- mese (la)
- lichanos (sol)
- parhypate (fa)
- hypate (mi)

La Kithara, definita da Aristotele "technikon organon", appartiene alla famiglia delle lire, e tra esse è lo strumento tipico dei professionisti dell'età tardo-arcaica; particolarmente elaborata dal punto di vista formale, aveva una cassa lignea molto grande, atta ad un impiego in competizioni pubbliche, da sola o in associazione con il canto.

Infine, ad ogni corda dello strumento corrispondeva una nota, e ogni strumento aveva una sua "voce", dunque una sua gamma di suoni e particolari intervalli. Nelle origini la kithara aveva tre-quattro corde.
Le note utilizzate nell'antica Grecia erano esigue, e il concetto di polifonia non era contemplato.

Spero di esserti stata utile.

le mie fonti:
E.Rocconi:" mousikè technè"
A.Barker: "Euterpe - ricerche sulla musica greca e romana"

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.