In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

La minaccia continua della guerra

GuerraUno degli aspetti della contemporaneità è l’irruenza con la quale la minaccia della guerra ci attanaglia, ci pervade, s’intrufola nella nostra vita facendoci sentire lontani dalle decisioni, dai centri del potere politico e militare. È quello che penso da quando in Siria come in Ucraina si combatte una guerra civile che di civico ha ben poco. Gli spiragli di pace, nel globo, si assottigliano e si allarga la platea dei Paesi dove, armi alla mano, manipoli di terroristi e governanti violano le più elementari regole della civiltà.

Qualche giorno fa in Nigeria il gruppo islamista Boko Haram ha rapito centotrenta ragazze in una scuola per deportarle in un luogo impervio e oscuro. Alcune liberate, altre forse avviate al traffico internazionale del sesso mercenario per finanziare l’attività di questo gruppo violento, tra i più violenti del continente africano. Tra attentati, rapimenti, stupri, eccidi, i gruppi militari organizzati stanno prendendo piede in Africa centrale destabilizzando la precarietà politica del continente ora che Gheddafi e Mandela (capi carismatici assoluti) sono defunti. Nel mezzo la popolazione, già vessata dalla fame e dalla malattia, che scivola in una condizione di paura e di terrore che non ha eguali nella storia africana.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

 Lo dice la rivista «Jeune Afrique» nei suoi editoriali, registrando il diffuso clima di terrore nel continente a noi più vicino. Ma l’Europa tace, aspetta che qualcuno intervenga e considera la Nigeria un Paese ostile, mortificando chi chiede asilo, chi scappa dalla morte.

I nostri Cara sono pieni di nigeriani in attesa da mesi, ma nessuno muove un dito. Le nostre statali sono zeppe di giovani nigeriane vendute e schiavizzate per pochi euro, ma il dibattito laico langue, sull’argomento. Rendiamoci conto, tutti, che quello che accade lì ci tocca da vicino e dovrebbe muovere la nostra coscienza verso una presa d’atto e un movimento che liberi l’Africa dalla pena, dal dolore, dalla schiavitù. Dobbiamo farlo per migliorare il pianeta, per vivere meglio, per andare oltre la sopravvivenza spicciola e il pericolo di morte.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (5 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.