Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

“La metafora”: da ornamento del linguaggio a fondamento del pensiero

MetaforaNell’ambito delle scienze umane non c’è forse nessun altro argomento che abbia ricevuto, fin da quando gli uomini hanno cominciato a riflettere sulla natura del pensiero e del linguaggio, un’attenzione così diffusa e generale come la metafora; filosofi, psicologi, studiosi della poesia e del linguaggio, hanno guardato alla metafora come ad uno dei luoghi privilegiati, e al tempo stesso più problematici, per la verifica delle proprie ipotesi.

 

Così Patrizia Violi, nell’introduzione all’edizione italiana (da lei curata nel 1982) di Metafora e vita quotidiana, opera fondamentale degli americani George Lakoff e Mark Johnson, descrive in modo eloquente il trattamento che la metafora, nel corso dei secoli, ha subìto da parte degli studiosi di ogni ramo e formazione, suscitando un interesse trasversale e, forse, maggiore rispetto ad ogni altra “figura retorica”. Considerata spesso come la “figura fondante”, il “genere” di cui tutte le altre (figure) sono la specie, in termini tradizionali la metafora rappresenta, a partire dalla retorica latina e con Quintiliano (I sec. d.C.), un procedimento di “sostituzione di una parola con un’altra il cui significato letterale abbia una qualche somiglianza col senso letterale della parola sostituita”. In altre parole, consisterebbe (banalmente) in una sorta di similitudine contratta e scorciata del come, che nel paragone esplica e rende chiara la somiglianza.

 

Ma la gran parte degli studi moderni, sulle orme di Vico (il primo a intenderla come “forma originaria del linguaggio”, nel 1725), riconosce alla metafora ben altri ruoli, primo fra tutti quello di apportare informazione alla frase, non limitandosi, cioè, ad abbellirne o nasconderne il significato letterale. Ad esiti sorprendenti, soprattutto, pervengono le tesi di Lakoff & Johnson (rispettivamente, filosofo e linguista), che si spingono ad affermare che «la metafora è diffusa ovunque nel linguaggio quotidiano, e non solo nel linguaggio ma anche nel pensiero e nell’azione: il nostro comune sistema concettuale, in base al quale pensiamo ed agiamo, è essenzialmente di natura metaforica». La metafora, quindi, si riscontrerebbe in ogni ambito e momento della nostra vita quotidiana, rappresentando uno strumento senza il quale sarebbe impossibile qualsiasi delle nostre operazioni concettuali, dalle più banali alle più complesse.

 

Per dimostrare la natura metaforica dei concetti che strutturano le nostre attività quotidiane, gli studiosi prendono in esame un concetto metaforico assodato quale “il tempo è denaro”, nonché tutte le espressioni a esso collegate, come “sto sprecando tempo”, “hai perso un sacco di tempo, ecc. Partendo dal presupposto, ormai unanimemente condiviso, che il “tempo”, nella nostra cultura, è una merce pregiata e una risorsa limitata, Lakoff & Johnson passano in rassegna i molti modi diversi in cui “il tempo è (diventato) denaro”: nei salari a ore, negli scatti telefonici, nelle tariffe delle camere d’albergo. Diventato, perché «tutte queste pratiche sono relativamente recenti nella storia della razza umana, e non sono assolutamente comuni a tutte le culture. Esse si sono costituite nelle moderne società industriali e oggi strutturano le nostre fondamentali attività quotidiane in modo molto profondo».

 

Per dirla con altre parole, così come la nostra società è abituata ad agire come se il tempo fosse una risorsa limitata, così è portata a concepire il tempo allo stesso modo. Da qui dipendono tutte le espressioni e i concetti metaforici sopra riportati, e soprattutto la nostra tipologia di “concettualizzazione” del tempo, che non è affatto comune a tutti gli esseri umani, e nemmeno l’unica possibile. In base a questa specifica concezione metaforica del tempo, la società vive e agisce in quel modo specifico: è la cosiddetta “coerenza culturale”, secondo cui i più fondamentali valori di una data cultura sono coerenti con la struttura metaforica dei più fondamentali concetti di quella stessa cultura.

 

Da ornamento del linguaggio, da belletto della frase e della parola, la metafora si scoprirebbe quindi fondamento di gran parte della nostra conoscenza e, di conseguenza, del nostro modo di concepire e vivere il mondo.

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (4 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.