Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

La memoria e il ricordo (ossessioni più o meno letterarie)

Libro apertoNel finale del film Un’altra donna (regia di Woody Allen, 1988), uno dei film più bergmaniani del regista newyorkese, l’attrice Gena Rowlands pronuncia una battuta che mi è sempre rimasta impressa, anche quando la trama del film si era ormai quasi dissolta nella mia mente: “Chissà se i ricordi sono qualcosa che hai perduto o qualcosa che hai trovato…”

Frase apparentemente elementare, eppure, come sempre nella genialità di Allen, rappresenta bene il bivio conoscitivo con cui ogni giorno la memoria e la coscienza ci costringono a fare i conti. E in questi giorni, leggendo il bel libro di Lorenza Foschini Il cappotto di Proust (Mondadori, 2010), ripensavo proprio a questo concetto di perduto e ritrovato.

Mnemosyne (dal greco “memoria”), nella mitologia greca, è appunto la personificazione della memoria: secondo la leggenda, dalle nove notti d’amore con Zeus nacquero le nove Muse, che presiedono il Pensiero in tutte le sue forme. E Mnemosyne è il nome che il grande iconologo e storico dell’arte Aby Warburg aveva posto come epigrafe sulla porta della sua biblioteca e che scelse per il suo grande progetto di un atlante di immagini.

Roma, Biblioteca Hertziana, 1929: Warburg tiene una conferenza dal titolo Mnemosyne, in cui espone il suo progetto di un atlante illustrato, Bilderatlas Mnemosyne, il suo grande sogno. Un atlante di immagini dell’antichità che potessero arrivare fino a noi, un patrimonio vastissimo di significati e simboli che si richiamano gli uni con gli altri, secondo quella che era la convinzione profonda di Warburg: che cioè se fosse rimasta in vita quella ricchezza di immagini e significati, l’umanità stessa avrebbe conservato la propria identità senza snaturare mai la propria vocazione alla conoscenza e la propria dignità di genere umano.

Poi, nella storia dell’Europa, gli eventi precipitano tragicamente. E nella notte del 31 dicembre del 1933, Fritz Saxl, l’allievo di Warburg, quello che forse più di tutti credeva nel sogno smisurato del suo maestro, decide con coraggio e risolutezza di trasferire a Londra tutto il patrimonio raccolto.

Warburg InstituteA tutt’oggi il Warburg Institute di Londra è a disposizione degli studiosi. Mi colpiscono le coincidenze: l’origine ebraica di Warburg, la decisione sensitiva dell’allievo di salvare la biblioteca di Warburg nella sua imponente classificazione, salvando in questo modo non solo il progetto, l’essenza, il traguardo del suo maestro (peraltro a quel tempo ancora in vita ma turbato da una seria malattia mentale, dalla quale in seguito sarebbe guarito) ma soprattutto la memoria.

Un altro modo di guardare alla memoria: gli oggetti. Una decina di anni fa il critico Francesco Orlando scrisse un saggio fittissimo, un vero e proprio archivio, dal titolo Gli oggetti desueti nella letteratura. Dove, tra elenchi e citazioni, è possibile ritrovare le tante ossessioni letterarie degli scrittori, cioè la memoria che gli scrittori possiedono delle cose, degli oggetti, a volte con feticistica sofferenza, a volte con malinconico conforto. Ed è sintomatico della sensibilità dello scrittore l’accostamento compiuto tra il personaggio e gli oggetti che ne preannunciano la comparsa in scena, o che ne ricordano simbolicamente la personalità.

Ritorniamo così alla domanda iniziale. A me sembra che tutta la letteratura sia percorsa da questa domanda sul ricordo, poiché l’uso stesso della parola letteraria si muove a volte da una memoria interna dello scrittore, che costruisce su immagini e suggestioni passate le trame dei suoi personaggi e delle sue storie. E a seconda di come risponde a questa domanda, vale a dire se un ricordo ci riporta qualcosa che abbiamo perso, o se invece, nel senso proustiano, recupera e ricostruisce l’essenza stessa della vita e dell’essere, ogni scrittore si spinge in un unico bivio fondamentale, comune a tutti noi in quanto umani.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.9 (15 voti)

Commenti

ho letto il libro, la recensione di debora Vagnoni me lo ha fatto apprezzare di più

" La memoria e il ricordo" La bella recensione di Debora Vgnoni, così profonda, ha il merito di farci guardare nel nostro passato popolato di sogni e di spettri. nel tempo tutto ritorna con forme e tempi non prevedibili.)

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.