Corso online di editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di scrittura creativa

“La macchinazione”, al cinema il film sugli ultimi giorni di Pasolini

“La macchinazione”, al cinema il film sugli ultimi giorni di PasoliniLa macchinazione di David Grieco racconta gli ultimi giorni di vita di Pier Paolo Pasolini. La pellicola, tratta dall'omonimo libro dello stesso Grieco, pubblicato da Rizzoli, arriverà nelle nostre sale il prossimo 24 marzo e si propone di raccontare la verità relativa all'omicidio dell'intellettuale italiano, ucciso all'Idroscalo di Ostia il 2 novembre del '75. Ma è possibile parlare di “verità” in relazione al caso di Pasolini? Negli ultimi quarant'anni sono stati numerosi gli articoli, i saggi, i film che hanno voluto dire la loro su una vicenda mai del tutto chiarita che, alla fine, ha riconosciuto un unico colpevole in Pino Pelosi.

 

LEGGI ANCHE – “La nebbiosa” di Pier Paolo Pasolini

 

Nel maggio 2015 è stata archiviata l'ultima inchiesta sull’omicidio di Pasolini: per la procura non era stato possibile dare un volto ai cinque profili genetici rinvenuti sul luogo del delitto. Il legale della famiglia di Pasolini, Stefano Maccioni, aveva poi presentato al presidente della Camera, Laura Boldrini, diecimila firme raccolte con lo scopo di caldeggiarel'istituzione di una commissione d'inchiesta parlamentare, volta ad approfondire ulteriormente le indagini sulla mortedi Pasolini. Nel corso della conferenza stampa de La macchinazione, la richiesta di una commissione d'inchiesta è stata rinnovata, in presenza del regista, dell'attore protagonista (Massimo Ranieri), degli onorevoli Paolo Bolognesi e Serena Pellegrini, e di Silvio Parrello, poeta, pittore e amico di Pasolini.

“La macchinazione”, al cinema il film sugli ultimi giorni di Pasolini

LEGGI ANCHE – Pier Paolo Pasolini, «La sua morte è un drammatico, disperato rapporto con la madre»

 

Ma che cosa racconta, di preciso, La macchinazione? Come anticipato all'inizio, il film è incentrato, appunto, sugli ultimi giorni di vita di Pasolini. Grieco lascia intendere che l'omicidio sia in parte legato alla scomparsa dei negativi di Salò o le 120 giornate di Sodoma, sottratti il 26 agosto 1975 dall'edificio della Technicolor. Dal tentativo di recuperare quei negativi scattò la trappola mortale che decretò la morte di Pasolini, impegnato, in quel periodo, oltre che su Salò, anche nella stesura di Petrolio, la sua opera rimasta incompiuta. Grieco non manca di contestualizzare il suo film in un preciso momento storico, collocandolo in quella Roma in cui muoveva i suoi primi passi la Banda della Magliana, diventata, negli anni successivi, una delle organizzazioni criminali più famose d'Italia.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Un paio di mesi fa è stato messo online il poster de La macchinazione. In primo piano c'era una macchina Lettera 22 della Olivetti con inserito un foglio, su cui spiccavano le parole «io so i nomi», che aprono «Cos’è questo golpe? Io so», un articolo scritto da Pasolini e pubblicato sul «Corriere della Sera» il 14 novembre 1974. Sotto la Lettera 22 vediamo scorrere del sangue, quello di Pasolini, sulla scritta «un popolo di poeti, di artisti, di eroi, di santi, di pensatori, di scienziati, di navigatori, di trasmigratori», che troviamo scolpita sul Palazzo della Civiltà Italiana a Roma.

“La macchinazione”, al cinema il film sugli ultimi giorni di Pasolini

LEGGI ANCHE – I primi, difficili esordi letterari di Pier Paolo Pasolini

 

Che a uccidere Pasolini non sia stata una mera faccenda tra omosessuali è fatto risaputo (o meglio, è difficile credere davvero a questa versione degli eventi), così com'è noto che la voce di Pasolini, negli ultimi tempi, si era fatta ancora più forte nella sua opera di denuncia. Tuttavia, al di là delle congetture, non si è mai giunti a una chiara e univoca verità giudiziaria sui fatti, anche solo per l'impossibilità di stabilire l'appartenenza di quei profili genetici ritrovati all'Idroscalo. Il regista de La macchinazione, che è stato anche collaboratore di Pasolini (e tra i primi a giungere all'Idroscalo dopo la sua morte, insieme al medico legale Faustino Durante), promette di raccontare qualcosa di nuovo sull'episodio e noi ci chiediamo, in effetti, quale sia questa sua verità. La risposta alle affermazioni di David Grieco la troveremo, forse, nelle sale la prossima settimana, con La macchinazione

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.9 (8 voti)
Tag:

Commenti

Ebbene, sì, sì. Tra l'altro, è anche possibile guardare un film fresco sulla "Pasolini prossimo nostro" in esso... ( http://www.altadefinizione.one/3140-pasolini-prossimo-nostro-2006.html )

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.