Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

La lotta per accettare se stessi. “Mànasteinn, il ragazzo che non è mai stato” di Sigurjòn Birgir Sigurosson

La lotta per accettare se stessi. “Mànasteinn, il ragazzo che non è mai stato” di Sigurjòn Birgir SigurossonPuntata n. 81 della rubrica La bellezza nascosta

 

«Quella notte il ragazzo aveva sognato per la prima volta, a quanto ricordasse. Le uscite al cinema Variaghi si conclusero lì e lui smise di partecipare. Si accordò con l’anziana donna affinché invece di ricominciare a fumare potesse andare al cinema. E adesso il ragazzo vive nei film. Quando non li incamera con gli occhi, li rivede mentalmente dentro di sé. Dormendo, sogna i film che ha visto, in varianti che includono nella trama eventi della propria esistenza. Ma ancora non ha sognato Sòla Guob-.»

 

Accettare noi stessi, spesso, è un viaggio lungo e tortuoso. S’inizia da lontano, da quando, bambini, muoviamo i primi passi, articoliamo le prime parole e ci confrontiamo per la prima volta con una figura che dicono ci somigli; una figura che vediamo riflessa in una lastra che tutti chiamano specchio. Con il tempo riusciamo a scovare molti modi per sabotare quella figura, per ostacolarci, per denigrare e umiliare noi stessi.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

L’accettazione di sé è forse il tragitto più tortuoso, il più difficile da percorrere, e su questa strada lastricata di pericoli esistono mostri che hanno nomi conosciuti.

La lotta per accettare se stessi. “Mànasteinn, il ragazzo che non è mai stato” di Sigurjòn Birgir Sigurosson

Siamo capaci di inventare i modi più disparati per sfuggire da quell’immagine dentro lo specchio che ci accompagna sin da bambini e che è cresciuta con noi; quel riflesso che in nessun modo siamo riusciti a staccarci di dosso.

Ci costruiamo, poi, vie di fuga. Ce le costruiamo montando impalcature, o semplicemente, scavando cunicoli a mani nude. L’arte, la passione per una forma d’arte, è quanto di più vicino alla salvezza possa esserci per chi, ancora, non riesce a voler bene a sé stesso.

Sigurjòn Birgir Sigurosson, in arte Sjòn, è nato a Reykjavìk (Islanda) nel 1962; il romanzo Mànasteinn, il ragazzo che non è mai stato è stato pubblicato in Italia da Federico Tozzi Editore.

La lotta per accettare se stessi. “Mànasteinn, il ragazzo che non è mai stato” di Sigurjòn Birgir Sigurosson

Siamo negli ultimi mesi del 1918 a Reykjavìk, Màni Steinn Karlsson è un ragazzo di sedici anni che vive in povertà. Dorme in una soffitta con la sorella della bisnonna e si guadagna da vivere prostituendosi. Il ragazzo lotta continuamente con un passato che vuole mantenere nascosto e affronta le sue giornate grazie alla sua smisurata passione per i film. Poi le sale vengono chiuse a causa di un’epidemia, e Màni si trova a lavorare fianco a fianco con una ragazza, Sòla Guob-,che gira in moto e somiglia incredibilmente a Musidora, la sua attrice preferita.

Sjòn, sin dalle prime pagine, mostra un’abilità di scrittura notevole; il suo stile e la sua tecnica rendono preziosa la narrazione e regalano al lettore, oltre che una storia coinvolgente e a tratti allucinata, anche il piacere della pura e semplice letteratura.

 

LEGGI ANCHE – Tutte le puntate di La bellezza nascosta

 

Mànasteinn, il ragazzo che non è mais statoparte con una trama che appare lineare e saldamente strutturata, ma con lo svolgersi della storia, gli eventi iniziano a sembrare, man mano, sempre più il frutto di un sogno (un incubo) in cui il protagonista, Màni, cerca di muoversi e di sopravvivere.

«Mentre si dirigono al pronto soccorso il ragazzo vede che la sala riunioni e tutte le aule del primo piano sono state convertite in corsie d’ospedale. In ogni letto giace un paziente gravemente ammalato. Dal corridoio si sentono i gemiti di dolore, lamenti, pianti di adulti e di bambini. Sui tavoli posti qua e là ci sono fornelli a gas per scaldare l’acqua e da grandi pentole si alzano nuvole di vapore.»

 

A tratti, questo libro, mi ha ricordato i film apocalittici degli anni Ottanta, per l’aria che si respira, per le immagini che arrivano dalle parole, per la crudezza e lo splendore della penna di Sjòn.

Sigurjòn Birgir Sigurosson

Un romanzo che è un libro sulla speranza e sulla difficile convivenza con noi stessi, forse la più grande lotta umana. L’intera storia, così raccontata, somiglia alla fase REM del sonno, quel momento in cui il dormire si mischia a sogno.

«Màni Steinn tiene l’orecchio incollato alla porta della stanza in cui è rinchiuso e cerca di distinguere la conversazione che si svolge di là. Nessuno concorda con la proposta di questo individuo sovreccitato che urla di volerlo sgozzare. Né il ragazzo è impaurito da quei rosiconi. Si è reso conto che gli uomini che discutono del suo destino non sono quel tipo di persone. L’agitato urla più che altro a se stesso e non a gli altri.»

 

Vi consiglio vivamente la lettura di questo peculiare e bellissimo romanzo, figlio di una letteratura, quella islandese, che andrebbe scoperta e riscoperta con cura e con pazienza.

Mànasteinn non ha niente da invidiare a nessuna grande storia, si resta attaccati alla pagina, e ci si perde nel mondo, tra le strade, nei pensieri e nelle nevrosi di Màni.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Se da se stessi non si scappa, è possibile smettere la guerra, cercare una pace, un accordo, chiedendo in cambio, dalla vita, un pezzo di realtà che assomigli almeno un po’ a quello visto dentro la sala di un cinematografo, su uno schermo, a occhi spalancati, con il cuore che scostumato salta qualche battito.


Per la prima foto, copyright: Andrew Neel su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.