Conoscere l'editing

Curiosità grammaticali

Interviste a scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

La letteratura umoristica oltre i cliché. Intervista a Francesco Muzzopappa

La letteratura umoristica oltre i cliché. Intervista a Francesco MuzzopappaDopo il successo dei precedenti romanzi, Francesco Muzzopappa torna in libreria con Un uomo a pezzi (Fazi, 2020), una vivace raccolta di storie brevi e in gran parte autobiografiche in cui ci viene raccontato molto della vita quotidiana dell’autore, copywriter di successo nato a Bari e trapiantato a Milano: sempre un po’ in bilico tra due mondi, presenta al lettore le tradizioni e i cambiamenti, ma anche i cliché della sua città natale e della metropoli in cui vive ormai da molti anni, in uno stile agile e privo di quel repertorio di doppi sensi e battute volgari che fin troppo spesso infesta un certo tipo di letteratura considerata umoristica.

Ogni capitolo ci racconta un episodio dell’autore bambino, adolescente o adulto, introducendo irresistibili comprimari come la compagna Carmen, che sintetizza alla perfezione tutto quel settore di mode alimentari, salutiste ed ecologiste in costante aumento nel mondo contemporaneo.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Ma come si diventa scrittori umoristici e qual è la situazione attuale di questo genere letterario? Ne abbiamo parlato con l’autore.

 

Per diventare scrittori umoristici occorre soprattutto un talento naturale oppure si può imparare a sviluppare anche l’umorismo?

Occorre anzitutto leggere tantissima narrativa umoristica per imparare tecnica, costruzione delle frasi e tempi comici. E poi serve amare molto il genere, capire che l’umorismo ha diverse sfaccettature e forme, che non tutti i lettori ridono allo stesso modo delle stesse scene. E avere forse una naturale propensione all’ironia aiuta, certo. Io fortunatamente ce l’ho.

La letteratura umoristica oltre i cliché. Intervista a Francesco Muzzopappa

Il passaggio da copywriter, ovvero autore di testi pubblicitari, a scrittore di romanzi, per lei è stato facile?

Lavorare per la pubblicità insegna anzitutto a maneggiare la brevità, a dire tanto in estrema sintesi, a usare le parole che servono senza sprecarle, a non perdersi in chiacchiere, perché nello spazio di uno spot di 30” devi necessariamente essere asciutto cercando di coinvolgere. Nei miei romanzi cerco di infilare lo stesso ritmo che uso in comunicazione, con la consapevolezza (e questo la pubblicità te lo insegna in maniera netta) che non è mai scontato che qualcuno ti stia ad ascoltare. La tentazione di cambiare canale è simile a quella di un lettore che chiude il libro, interrompendo per sempre la lettura. Ecco perché sono molto attento a creare agganci forti nelle prime pagine. Quei 15 euro del prezzo di copertina cerco di meritarmeli, anche se non arrivano tutti a me, ovviamente.

 

La letteratura umoristica vanta grandissimi autori in tutto il mondo, ma l’impressione che si ricava dal panorama italiano è che qui da noi sia considerata un genere quasi di serie B, appannaggio soprattutto dei comici diventati famosi grazie alla tv. Lei cosa ne pensa?

I libri dei comici televisivi sono grosso modo una raccolta di battute. Scrivere narrativa umoristica vuol dire partire da un impianto di narrativa base aggiungendo poi tutta una intelaiatura ironica. Non si tratta di essere “simpatici”, ma di far ridere, cosa difficilissima su carta. Che il genere che amo venga talvolta guardato con spocchia è la prassi. Non posso combattere il pregiudizio, posso solo continuare a migliorarmi e lavorare al massimo delle mie possibilità. So che c’è molto lavoro da fare, e lo farò. Non mi spaventa la serie B. Sarà più bello e meritato arrivare, negli anni, in serie A.

La letteratura umoristica oltre i cliché. Intervista a Francesco Muzzopappa

C’è qualche autore italiano di questo genere che le piace in modo particolare?

Che la festa cominci di Niccolò Ammaniticredo sia uno dei più grandi capolavori del grottesco degli ultimi decenni.

 

In Un uomo a pezzi si parla molto di Bari e Milano. Cosa le piace di più e cosa di meno delle due città in cui ha vissuto e che le è piaciuto raccontare nel libro?

Amo e ho amato le due città allo stesso modo. Mi hanno accolto e regalato opportunità, amicizie, legami stabili. Di Bari amo molto il bianco accecante del tufo che d’estate diventa uno specchio per il sole. Amo meno il pesce crudo, con cui non riesco ad andare d’accordo da sempre. Di Milano amo la rete di connessioni che mi ha offerto negli anni. Amo meno la necessità di lavorare oltre l’orario di lavoro, abitudine che tuttora stento a comprendere.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Quale sarà il suo prossimo progetto di scrittura?

Ad Halloween DeAgostini pubblica il mio primo libro-game, realizzato in collaborazione con Fraffrog, un’illustratrice fantastica. Il prossimo anno ho molta carne al fuoco, soprattutto testi per ragazzi: ho appena consegnato un progetto immane che mi ha tolto ogni energia, di cui però sono molto, molto soddisfatto.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Per la prima foto, copyright: Steve Johnson su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.