In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

La guerra afghana vista con altri occhi. Il racconto di Elliot Ackeman

La guerra afghana vista con altri occhi. Il racconto di Elliot AckemanCon Prima che torni la pioggia (Longanesi, 2016 – traduzione di Elisa Banfi) assistiamo all’esordio come romanziere di Elliot Ackerman, un veterano dell’esercito statunitense, nel quale ha prestato servizio per otto anni, diventando ufficiale delle forze speciali e guadagnandosi un’onorificenza al valor militare. Dopo il congedo, ha svolto altre mansioni per l’amministrazione del presidente Obama: attualmente vive a Istanbul, da dove segue le vicende della guerra siriana.

Il romanzo è ambientato in Afghanistan, Paese dove Ackerman ha svolto la maggior parte della sua esperienza militare, e racconta una vicenda che si colloca approssimativamente nei primi anni Duemila, subito dopo l’arrivo nel Paese del contingente di truppe americane impegnate a combattere le milizie talebane.

Protagonista del romanzo è Aziz, un adolescente che, a seguito della distruzione del suo villaggio da parte di una banda armata, perde entrambi i genitori e si ritrova a vagabondare nel paese più vicino col fratello maggiore Alì, mantenendosi grazie a lavoretti occasionali e al buon cuore dei commercianti del bazar. Alì vorrebbe mandare Aziz a scuola, ma il giorno in cui una bomba esplode all’improvviso nel bazar viene gravemente ferito, finendo in ospedale. Qui, mentre cerca di capire cosa ne sarà di Alì, Aziz incontra un ufficiale dello Special Lashkar, una milizia composta da afghani, reclutati dagli americani per combattere le tribù ribelli, che lo convince ad arruolarsi: con la sua paga, Aziz potrà pagare le cure al fratello e permettergli di restare in ospedale il più a lungo possibile.

Da quel momento in poi, il ragazzo si trova quindi coinvolto in prima persona nella guerra, impegnato non solo a partecipare a numerose azioni di guerriglia, ma anche a cercare di comprendere i ruoli giocati dai vari personaggi con cui entra in contatto, sia afghani, sia americani, e gli oscuri moventi che guidano le loro azioni.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

La guerra afghana vista con altri occhi. Il racconto di Elliot AckemanNel corso della sua lunga permanenza in Afghanistan, Ackerman ha avuto modo di conoscerne a fondo il territorio e gli abitanti, che vivono in un ininterrotto stato di guerra da quasi quarant’anni, da quando cioè l’ex Unione Sovietica invase il Paese nel 1979: in pratica, la stragrande maggioranza della popolazione, la cui età media non supera i cinquant’anni, non ha tuttora la minima idea di cosa significhi vivere in tempo di pace.

Ackerman ci racconta perciò una vicenda che potrebbe essere assolutamente reale, e che contiene di sicuro molti elementi attinti alla sua esperienza personale di militare in guerra.

La narrazione è semplice e lineare, senza fronzoli di nessun tipo, come può essere quella di un adolescente cresciuto in un villaggio sperduto, la cui istruzione non è mai andata oltre i primi rudimenti delle materie di base: leggere, scrivere, contare, imparare il Corano.

Eppure, è proprio questa totale mancanza di enfasi nel raccontarci la storia di Aziz che fa apparire ancora più sconvolgenti agli occhi del lettore le realtà descritte nel romanzo.

In particolare, ciò che colpisce di più di questa guerra è la sua continua ambiguità: se da un lato ci sono gli americani, che pure si muovono in uno stato d’incertezza, non è per nulla chiaro chi si trovi davvero sul fronte opposto, così come non è possibile comprendere del tutto chi siano i loro alleati.

Le milizie locali, divise per bande che agiscono agli ordini di improvvisati comandanti, il cui tratto distintivo è spesso solo la ferocia con cui ordinano ai loro uomini di uccidere la popolazione inerme e devastare i centri abitati, non sembrano perseguire un disegno politico preciso: manca del tutto la volontà di combattere allo scopo di costruire un paese unito e moderno, mentre ciò che spesso sembra contare più di ogni altra cosa è il regolamento di conti personali e vendette tribali rimaste in sospeso.

Un bel romanzo di guerra, in definitiva, che potrà piacere sia agli amanti del genere, sia a coloro che siano interessati a saperne di più riguardo all’Afghanistan e alla sua tormentata situazione attuale, ai quali consigliamo la lettura di Prima che torni la pioggia di Elliot Ackerman.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.