Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

“La grande bellezza”: una nuova strada per il cinema italiano?

La grande bellezzaLa vittoria de La grande bellezza nella notte degli Oscar, al di là delle critiche legittime che possono essere mosse al film, rivela la necessità di cambiare passo nel cinema italiano.

Le commedie familiari e familistiche, il piagnisteo cafone o la comicità pecoreccia non innalzano il nostro cinema al bello, ma lo trascinano verso il basso di modelli vecchi e banali. Allora va bene la vittoria di Sorrentino, dietro la quale c’è una carriera, un profilo registico, un’autorevolezza artistica smarrita nella maggior parte della produzione cinematografica italiana.

La via non è l’imitazione di Sorrentino, ma la ricucitura di un rapporto tra arte e società, attraverso visioni e narrazioni più ampie della commediucola intradomestica all’italiana.

Il cinema è l’arte del racconto novecentesco, con potenzialità ancora inespresse e una forte disposizione tecnica a far credere, a far compiere atti di fede verso le storie. Allora perché il cinema italiano pare quasi sempre così inverosimile? Forse perché realisticamente piatto, senza sugo, privo di grandi storie, di epica, di coralità.

Il merito davvero indiscutibile del film di Sorrentino, di questo suo ultimo film, è proprio la concentrazione corale del racconto su un pezzo medio-alto di Italia, assenti le classi medie e popolari. Ma tutta la cialtroneria italiana esce, e ne esce colpita e affondata. In qualche misura, sia pure con un registro differente e con altre intenzioni, esce sconfitto il Paese dal film Tir di Fasulo: un documentario lucido sulla vita dei camionisti sottoposti a regime si sfruttamento da parte dei medi e grandi padroni italiani.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Due film per un cinema nuovo, con echi e richiami alla storia della nostra cinematografia, il neorealismo e il fellinismo, la maschera e il dolore, il circo e la strada. Ecco tracciate due strade, che sono già esempi discordanti, fuori dal coro. Altri se ne possono fare, ma soprattutto si può cominciare a costruire un altro cinema, un’altra visione dell’Italia, un altro sistema culturale e narrativo che riparta dall’interno del Paese. Allora son contento della vittoria di Sorrentino, come son contento di aver visto Tir, e sono ancora più contento quando guardo un film interessante viaggiando oltre lo schermo nell’immedesimazione felice con quel che accade dentro la pellicola. Tutto il resto è noia.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (15 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.