Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

"La Francia in Costa d’Avorio: Guerra e colonialismo". Intervista a Tony Akmel

Tony Akmel, La Francia in Costa D'Avorio: Guerra e NeocolonialismoÈ uscito da qualche mese, pubblicato da Nexus Edizioni, il saggio di Tony Akmel La Francia in Costa d'Avorio: Guerra e Neocolonialismo, che denuncia la reale situazione che questo Paese africano vive ormai da troppo tempo a causa della politica neocoloniale a cui è assoggettato. La stampa internazionale, tra l'altro, ha diffuso in molti casi informazioni incomplete o addirittura mendaci al riguardo, per cui colgo al volo l'opportunità di intervistare l'autore del libro.

Qual è il ruolo attuale del governo francese in Costa d'Avorio?
Il governo del presidente Hollande ha dichiarato di voler sviluppare relazioni chiare, trasparenti e oneste con la Costa d’Avorio e tutte le altre ex colonie. Egli intende richiamarsi al rispetto delle scelte sovrane. Per sottolineare questa sua volontà, quello che era il Ministero della cooperazione, anche chiamato “Ministero per l’Africa”, ormai è divenuto il Ministero per lo sviluppo.

Perché Laurent Gbagbo si trova in carcere con l'accusa di crimini contro l'umanità?
Durante lo svolgimento delle elezioni ci sono stati degli scontri a seguito dei brogli avvenuti nel nord del Paese; in essi morirono molte persone. Dopo la sua cattura ad opera delle forze francesi presenti nel Paese, la Corte dell’Aia ha richiesto il trasferimento di Gbagbo.

Ci spieghi cosa è accaduto al Presidente uscente Laurent Gbagbo?
Durante il secondo turno delle elezioni presidenziali, se nel sud del Paese, dove lo Stato funziona regolarmente, tutti i cittadini (sostenitori di entrambi i candidati) hanno potuto votare pacificamente, nelle regioni della parte nord i ribelli, fedeli a Ouattara, hanno malmenato tutti quelli che avrebbero potuto esprimere il loro voto a favore di Gbagbo. Non solo: le urne, prima ancora dell’apertura dei seggi, sono state riempite di schede di Ouattara al punto che, durante lo spoglio, le schede conteggiate superavano di gran lunga il numero degli iscritti nelle liste!!! Davanti a queste anomalie, il Presidente della Corte Costituzionale ha giustamente annullato i risultati in tre di quelle regioni. Emerge, pertanto, questa situazione: a seguito dell’esito elettorale, Ouattara otterrebbe la maggioranza nelle suddette regioni, secondo la non giusta decisione della Commissione Elettorale. Al contrario, annullando il voto per le irregolarità sopra denunziate, come sancito dalla Corte Costituzionale, Gbagbo risulterebbe il vincitore. Purtroppo, però, Gbagbo è stato considerato responsabile di scontri avvenuti non a causa del suo operato, ma a causa di chi vuole perseguire la vittoria, non con strumenti democratici, ma attraverso la violenza.

Nel tuo saggio, parli di “gangsterismo internazionale di Stato”. Cosa intendi esattamente?
Dopo le proclamazioni di indipendenza dagli anni Sessanta fino agli anni Ottanta, la Francia si è avvalsa dell’aiuto di cittadini locali per spodestare i presidenti che non soddisfacevano i suoi interessi. Un esempio lampante è l’uccisione, nel 1987, del presidente Thomas Sankara per mano dell’amico fraterno Blaise Compaoré, tuttora al potere nel Burkina Faso e che intrattiene stretti rapporti di amicizia con i vari presidenti francesi che si sono succeduti da allora.
A livello internazionale, definisco “gangsterismo di Stato” l’uso che la Francia talvolta fa del diritto di veto che possiede nel Consiglio di sicurezza: ad esempio fare adottare delle risoluzioni per bombardare i presidenti che giudica dei dittatori, come ha fatto con Ghedaffi. Assai più lampante è stata l’ingerenza nei confronti del presidente Gbagbo, che  avrebbe vinto le elezioni, secondo la Corte Costituzionale del proprio Paese.

La Costa d'Avorio è in realtà uno Stato ricco di risorse (petrolio, caffè, cacao in primis). Si tratta, molto semplicemente, dell'ennesimo caso di sfruttamento coloniale?
Certamente.  Nell’ambito della politica agricola, il presidente Gbagbo intendeva mettere in piedi una politica di liberalizzazione delle filiere (caffè, cacao), in modo da dare a ogni contadino la possibilità di vendere i propri prodotti all’acquirente finale, invece è stato frenato dalla ribellione armata del settembre 2002. Perciò, tuttora, sono le società di attività commerciale che comprano i prodotti per rivenderli e speculare. Un altro punto da non sottovalutare è l’assenza di gare d’appalto per la realizzazione delle grandi opere. Ossia, la costruzione delle infrastrutture (ad esempio strade, edifici ecc.) viene concessa ad aziende francesi che le attuano ad un costo superiore rispetto a una società di un'altra nazione, come potrebbero essere l’Italia, la Cina o il Giappone, che potrebbero realizzare gli stessi lavori a minor costo.

Cosa prevedono, in sintesi, gli accordi di Linas-Marcoussis?
Gli accordi di Marcoussis, voluti e promossi dal Governo francese nel gennaio 2003, prevedevano l’attribuzione di posti ministeriali nel governo di Gbagbo ai ribelli, purché rinunciassero alle armi; prevedevano, inoltre, la nomina di un Primo Ministro di consenso, il quale avrebbe assunto le prerogative dell’esecutivo a discapito del presidente legittimo. Gbagbo, pur di arrivare alla pace, ha dato il suo consenso alla designazione di questo Primo Ministro e ha assegnato i posti ministeriali ai movimenti ribelli armati. I ribelli, però, non hanno riconsegnato le armi, come prevedevano i medesimi accordi e, quindi, durante la consultazione del 28 novembre 2010, nel nord del paese, hanno malmenato, picchiato e violentato chiunque ritenevano che avrebbe potuto esprimere il proprio voto a favore di Gbagbo.

Quali sono le posizioni dell'ONU e di Amnesty International rispetto alla situazione?
La cosa buona è che l’ONU ha sempre cercato di fare rispettare il cessate il fuoco. Purtroppo, questa Organizzazione non indaga e soprattutto si avvale di un unico interlocutore. In questo caso, ha scelto la Francia che, con il suo status di membro permanente nel Consiglio di Sicurezza, ha presentato il presidente Gbagbo come il dittatore da togliere di mezzo. Amnesty International, nel suo rapporto stilato durante la crisi post elettorale (dal 28 novembre 2010 al 11 aprile 2011), ha denunciato le azioni commesse sia dai sostenitori di Gbagbo che di Alassane Ouattara. In un successivo  rapporto del 26 ottobre 2012, ha denunciato che il governo Ouattara detiene  in carcere, in modo arbitrario, più di 200 persone vicine a Gbagbo.

Tony, dal punto di vista di un cittadino ivoriano, quali possono essere le soluzioni per uscire dalla crisi che attanaglia il tuo Paese?
Ormai, la Francia ha designato e posizionato Alassane Ouattara e a questo punto è giusto che finisca il suo mandato con la relativa e totale dipendenza che ciò comporterà per la Costa d’Avorio nei confronti della Francia.
Vorrei invitare i miei connazionali, e in generale gli africani, in caso di elezioni a non schierarsi con i candidati sulla base dell’appartenenza etnica o religiosa, ma a prendere coscienza di che cosa comportano realmente i vari programmi di governo proposti loro da ogni candidato.


Link di approfondimento:
C’era una volta, Rai Tre

Rapporto Amnesty International del  26 ottobre 2012

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Si potevano ricontare i vori oppure rifare le elezioni, invece di mandare gli aerei e elicotteri francesi e onusiani a bombardare il palazzo presidenziale di Abidjan per catturare Gbagbo. E' uno stato sovrano!

Consiglio anche di vedere il video tratto dalla trasmissione "C'era una volta" (trovate il link sotto l'articolo). Ci sono pure immagini molto forti, ma chiariscono bene la situazione...

L’ingerenza francese, per l’autore del libro, scaturisce quasi certamente dall’intenzione di bloccare l’apertura del ricco mercato ivoriano alle multinazionali cinesi, giapponesi e americane, cosa che sarebbe stata e sarebbe anche oggi tutta a discapito degli interessi di Parigi.
Ciò che è impressionante è la constatazione inossidabile di quanto la “storia” si ripeta e di quanto grandi siano , in ogni tempo e in ogni luogo, costantemente, tanto l’avidità che l’egoismo dell’uomo, pronti a schiacciare come un rullo compressore il più debole e il più indifeso,non appena l’occasione è propizia.

Perche’ la classe politica e la stampa italiana non hanno il coraggio, come non l’ebbero nel 2002, di condannare una ribellione armata organizzata contro il Presidente Gbagbo legittimamente eletto nel 2000 dal popolo ivoriano? Soffrono del complesso di inferiorità oppure sono forse succubi della politica e dell’informazione stabilita dai cugini d’oltralpe ?
Faccio un esempio: in una trasmissione radiofonica Bruno Vespa si è permesso di affermare che a volte l’intervento della forza militare dell’ONU è auspicabile per spodestare i dittatori come è avvenuto in Costa d’Avorio… Ho scritto al sig. Vespa sia al suo indirizzo Rai che a quello di RTL, per un confronto, ma egli non ha risposto, probabilmente perché, come la stramaggioranza dei giornalisti italiani, ha riportato notizie veicolate dai media francesi, ossia definendo Gbagbo un dittatore senza nemmeno conoscere l’uomo e le sue lotte per la democrazia e contro l’ingerenza delle potenze occidentali nelle scelte e decisioni degli Stati africani.
Da libero cittadino, non esito a dire che furono le multinazionali francesi ad organizzare il 19 settembre 2002 il golpe contro Gbagbo che, anche se fallito, contribuì ad innescare quella ribellione armata successivamente legittimata dal governo francese di Chirac, nel gennaio 2003 durante gli accordi di Linas-Marcoussis a Parigi.
Si ricorda che il tentativo di colpo di Stato ai danni di Laurent Gbagbo, presidente della Costa d'Avorio, avvenne nel momento in cui egli aveva aperto il mercato del paese ad investimenti di società cinesi, statunitensi, giapponesi e brasiliane nel settore dei lavori pubblici e delle concessioni per l'estrazione del petrolio.
Per un lungo periodo, nei mercati sopra citati, avevano operato solo e soltanto gruppi economici francesi. In quel famigerato 19 settembre, uno sparuto gruppo di militari, con armi e mezzi più sofisticati e potenti di quelli dell'esercito regolare ivoriano, tentò di prendere possesso di tutti i punti strategici di controllo del potere.
La Francia non mollerà mai il suo predominio economico sulla Costa d’Avorio perché questa nazione, oltre alle sue risorse naturali quali greggio, gas naturale, diamanti, oro, manganese, minerali di ferro, cobalto, bauxite, rame, energia idroelettrica, è ricca anche di risorse agricole come caffè, banane, noci di cocco, mais, riso, zucchero, cotone, gomma, legname, ananas e olio di palma ed è anche il primo produttore di cacao al mondo…

La stampa italiana ha trattato questa crisi in modo alquanto generico, limitandosi a riportare ciò che hanno sostenuto i media francesi, ossia presentando il Presidente Laurent Gbagbo come un dittatore. Al contrario: la stampa d’oltralpe ha evitato di dire all’opinione pubblica che è stata l’apertura del ricco mercato ivoriano da parte di Gbagbo alle multinazionali cinesi, brasiliane, giapponesi, americane e italiane, che gli ha provocato l’inimicizia di Parigi, trattandosi di un contesto dove le aziende e società francesi hanno sempre fatto la parte del leone.

Perché scegliere la città di Firenze per lanciare una petizione internazionale con lo scopo di richiedere la liberazione di Laurent Gbagbo?Per la sensibilità dimostrata dagli abitanti di questa città, nel corso della storia: in effetti, fu culla del Rinascimento in Italia, Capitale del Regno d’Italia (tra il 1865 e il 1870) e Capoluogo del Granducato di Toscana, che fra l’altro fu il primo stato al mondo ad abolire legalmente la pena di morte il 30 novembre 1786 con l'emanazione del nuovo codice penale toscano.

https://secure.avaaz.org/it/petition/Hisashi_Owada_Presidente_Corte_Inte...

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.