14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

La forza di rinascere nonostante tutto. “Il rumore del mondo” di Benedetta Cibrario

La forza di rinascere nonostante tutto. “Il rumore del mondo” di Benedetta CibrarioChe rumori fa il mondo? È questa la prima cosa che viene in mente trovandosi tra le mani l’ultimo libro di Benedetta Cibrario intitolato Il rumore del mondo (Mondadori). Interrogativo banale? No, perché a ben pensarci il mondo emette tanti rumori, alcuni tenui e in sottofondo, altri più rimbombanti. I rumori sono tanti e il più delle volte scuotono le nostre menti come il suono di un clacson schiacciato con forza sul volante. C’è il rumore del tempo che passa e quello del cambiamento; c’è il rumore dell’attesa e quello della speranza. E ancora il rumore della natura selvaggia e quello della storia con i suoi mutamenti. Tra tutti questi innumerevoli rumori come può un individuo far sentire la propria voce?

Di anni dalla vittoria del Premio Campiello con il romanzo Rossovermiglio (2008) tradotto in diversi paesi e dal Premio Rapallo Carige con Sotto cieli noncuranti (2010) ne sono trascorsi parecchi, ma anche stavolta Benedetta Cibrario conferma di essere una tra le scrittrici più talentuose del panorama letterario italiano, capace di creare un romanzo storico delicato e intenso al tempo stesso che scuote il lettore dalla prima all’ultima pagina.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Il rumore del mondo è la storia di Anne Bacon, una londinese figlia di un ricco mercante di seta («figlia della seta» è così che viene definita la giovane protagonista), e del suo amore per Prospero Carlo Carando di Vignon, un uomo bellissimo e ben consapevole di esserlo, che si rivelerà presto un essere altezzoso, sicuro di sé e arrogante, deludendo tutte le aspettative che questa diciannovenne, la quale crede fermamente nell’amore e nell’unione suggellata dal matrimonio, può avere. Anne e Prospero si sposano e Anne deve raggiungere il marito che l’ha preceduta in Piemonte. Deve quindi lasciare «tutto quello che conosceva, e per sempre. Non soltanto i familiari o gli amici ma anche i luoghi» a lei più cari. Durante il viaggio Anne si ammala di vaiolo e quando giunge a Torino per ricongiungersi al marito non è più la donna di cui Prospero si era innamorato: «sembrava ancora più piccola di come la ricordava, come se fosse rimpicciolita dentro il vestito». Pur essendo sopravvissuta a una grave malattia, la giovane donna non sente di essere stata fortunata, poiché la malattia le ha non solo rovinato la pelle, ma deturpato il futuro e sciupato ogni cosa. La vita coniugale si rivela inoltre diversa da come l’aveva immaginata. L’amore di Prospero sembra essersi consumato come una candela e Anne non ha altre alternative se non rassegnarsi al fallimento del suo matrimonio. Persino l’intimità che avrebbe pensato naturale tra un marito e una moglie non viene mai nominata e lei comprende con amara sofferenza che «l’estrema metamorfosi dell’amore non è il dolore; è la sua assenza».

La forza di rinascere nonostante tutto. “Il rumore del mondo” di Benedetta Cibrario

Se la vita le ha giocato degli sgambetti inaspettati, Anne, personaggio forte e tenace, riesce a rimettersi in piedi e a ricominciare a camminare, con spirito ottimista, non vedendo tutto nero, ma imparando a vedere le cose da più punti di vista per cogliere quello più favorevole. Nella vita occorre sempre andare avanti, senza voltarsi indietro, qualunque cosa accada, perché come le ricorda la sua amica Theresa Manners, compagna di viaggio da Londra a Torino, e tra i personaggi degni di nota di questo libro, «dovranno cercare qualcos’altro in voi, e non accontentarsi di un bel viso. Voi fate in modo che lo trovino questo qualcos’altro e del viso non si ricorderanno più».

La forza di ricominciare Anne riesce a trovarla anche grazie alla vita di campagna. Il suocero Casimiro, un conservatore dell’ancien régime, per sbarazzarsi della presenza di questa «forestiera», di questo sbaglio compiuto dal figlio, la invita a occuparsi della loro proprietà di campagna, Il Mandrone. Dovrà tuttavia ricredersi sul conto della nuora quando scoprirà in lei un ottimo fiuto per gli affari e un grande spirito altruistico. Come tutti i proprietari piemontesi, i Vignon trascorrevano in città sei mesi all’anno e gli altri sei in campagna. In città si faceva vita di corte, tra salotti, balli e teatri, ma «i redditi necessari per una vita sociale dispendiosa traevano origine proprio da quella campagna in cui si viveva nel modo più frugale, apprezzando piaceri a cui, in città, nessuno avrebbe badato». Immersa in questo nuovo luogo, struggente e romantico come i quadri «dipinti da Turner, con le montagne sfumate nella foschia», Anne proverà la sensazione di aver trovato finalmente una nuova casa. Tra la natura e la dedizione per le opere benefiche e la vita operosa che vi conduce, come la promozione dell’istruzione, e grazie alla frequentazione di persone gentili che con modi semplici e amichevoli riusciranno a coinvolgerla e a farla sentire una di loro, Anne rinascerà di nuovo.

La forza di rinascere nonostante tutto. “Il rumore del mondo” di Benedetta Cibrario

La storia di Anne e della famiglia Vignon s’intreccia con quella dello spirito del tempo, con quella di un’Italia che giorno dopo giorno inizia a cambiare: «Guardati attorno. Spira ovunque, è il vento del secolo». È il periodo delle lotte per l’indipendenza dagli Stati invasori e per la conquista dell’unificazione nazionale italiana. Il Paese è in fermento, infiammato da nuovi orizzonti ideali e dai progressi compiuti nel campo dell’economia, della morale e della cultura. La nazione Italia appare ancora vista in lontananza ma come un obiettivo sempre più raggiungibile.

Il rumore del mondo percorre un decennio di storia italiana (1838-1848). Nelle ultime pagine del libro, in una lettera indirizzata alla sorella Grace, Anne scriverà: «A giugno saranno trascorsi dieci anni da quando ho lasciato Londra. Salendo in carrozza credevo di andare incontro al futuro più luminoso che potessi desiderare […] Ho vissuto, invece, soltanto in un’epoca di tempesta. Le ho attraversate cercando di non perdere mai la speranza».

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Lo stile di Benedetta Cibrario è molto attento ai dettagli e alle emozioni dei protagonisti. La narrazione è arricchita da più punti di vista; vi sono capitoli interi dedicati all’epistolario di Anne con i familiari lasciati in Inghilterra e tutti gli appunti di viaggio trascritti dall’umoristica Theresa Manners.

In mezzo a tutto il rumore del mondo Anne riuscirà alla fine a trovare il proprio posto, imparando a non tener conto dell’opinione di una società che vive solo di apparenza, sopprimendo i sentimenti, e a ricominciare una nuova vita, perché come lei stessa afferma in un passo del libro «Dopo una stagione buia deve esserci per forza una primavera di speranza».

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.