In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

"La donna che pensava di essere triste", una lieve fiaba contemporanea

"La donna che pensava di essere triste", una lieve fiaba contemporaneaMarita Bartolazzi, consulente editoriale romana, dopo aver scritto libri d'altro genere esordisce nella narrativa con La donna che pensava di essere triste (Exòrma, 2017), un romanzo che non è facile inquadrare in un genere preciso, perché si presenta al lettore come una combinazione tra lo schema classico di un viaggio iniziatico e la pura divagazione onirica. Un viaggio, insomma, che si svolge nel mondo dei sogni di una donna, di cui noi conosciamo pochissimo, ma che vediamo muoversi in una sia pur deformata realtà contemporanea.

In una città senza nome seguiamo quindi le vicende di una protagonista destinata a restare senza nome, di cui sappiamo solo che "pensava di essere triste", definizione che viene ripetuta ogni volta come un mantra.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Il suo viaggio si compie attraverso luoghi di una quotidianità che può essere la stessa di un qualsiasi lettore – il tram per andare al lavoro, l'ufficio, il supermercato, la casa –, ma che presentano sempre qualche aspetto particolare: l'ufficio, ad esempio, compare e scompare a giorni alterni, al supermercato si acquistano soltanto sogni di ogni tipo, forma e dimensione e le cassiere hanno teste da coniglio o da giraffa. E ancora, sul tram si fanno strani incontri e passando per un parco dove giocano tranquillamente i bambini ci si può fermare a scambiare due chiacchiere con un monumento di bronzo.

Cercando qualcuno che le possa confezionare una coperta di tristezza, la donna che pensava di essere triste passa quindi da un sogno all'altro, incontra parti di se stessa abbandonate in passato lungo la strada della vita, che potrebbero essere fasi superate della crescita o forse rimpianti di possibilità scartate, senza però spiegarci mai il motivo della sua tristezza.

"La donna che pensava di essere triste", una lieve fiaba contemporanea

Di tristezza si parla molto, in questo libro ma, paradossalmente, questo non rende affatto triste la narrazione, che si snoda in modo leggero e uniforme per guidare il lettore in un viaggio fantasioso, oltre che carico di forti suggestioni letterarie.

Il primo romanzo a cui viene subito in mente di accostare l'opera della Bartolazzi è senz'altro il classico Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carroll, al cui Stregatto si può accostare il gatto parlante che dialoga con la protagonista, ma è possibile trovare anche riferimenti al personalissimo mondo delle favole creato dal grande maestro Gianni Rodari nei suoi libri, mentre, in campo cinematografico, non si può fare a meno di pensare al meraviglioso personaggio della Tristezza del recente film disneyano Inside Out.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Si tratta quindi di un libro destinato a lettori che prediligono le storie insolite e poco convenzionali, che hanno qualche nostalgia del mondo delle fiabe, ma soprattutto che amano viaggiare con la fantasia.

"La donna che pensava di essere triste", una lieve fiaba contemporanea

Il viaggio in tutte le sue accezioni – reale o immaginario non importa – è del resto uno dei temi fondamentali dell'interessante catalogo di Exòrma, casa editrice piccola ma che presenta scelte editoriali molto interessanti, pubblicando letteratura di viaggio, narrativa, divulgazione, arte, cinema e fotografia, oltre a patrocinare il "Festival della Letteratura di Viaggio" che si tiene ogni anno a Roma alla fine di settembre, da cui scaturisce la pubblicazione di un FestBook ufficiale della manifestazione.

La donna che pensava di essere triste, con il suo lungo viaggio tra i sogni della protagonista, entra dunque a pieno titolo in questo interessante progetto editoriale.


Per la prima foto, copyright Ariel Lustre.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.