Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

“La donna alla finestra”, un thriller voyeurista

“La donna alla finestra”, un thriller voyeuristaLa donna alla finestra (Mondadori 2018) il nuovo libro di A.J. Finn, tradotto in italiano da Stefano Bortolussi, è uscito in Italia solo poco tempo fa mentre negli Stati Uniti ha già riscosso un grande successo al punto che Joe Wright, fresco del successo di L'ora più buia, riporta su The Hollywood Reporter che ne trarrà un adattamento cinematografico.

Il romanzo stesso richiama a un elevato numero di riferimenti cinematografici, in quanto la protagonista, Anna Fox, trascorre le sue giornate rinchiusa in casa, in seguito a un brutto trauma familiare, bevendo vino, chattando con sconosciuti e, soprattutto, guardando vecchi film noir.

Anna ha una vera e propria passione per i misteri:

«Oggi leçon di francese, e stasera Les Diaboliques. Un marito bastardo, quel “piccolo rudere” di sua moglie, un'amante, un omicidio, un cadavere scomparso. Esiste qualcosa di meglio di un cadavere scomparso?»

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Il cinema noir fa da sfondo a tutto lo svolgersi del romanzo. Anna Fox spia i vicini, ipotizzando le loro vite e scatta immagini nascosta dietro la finestra con la sua Nikon D5500. Il suo essere voyeur spesso la riempie di vergogna ma ne ha bisogno per sentirsi viva e proprio non può farne a meno:

«Ma ora la vergogna mi percorre il corpo come una scarica elettrica. Ripenso a tutte le persone e le cose che ho catturato nel mio obiettivo: vicini, sconosciuti, baci, crisi, unghie mangiucchiate, monetine cadute, passi decisi, passi falsi. Il figlio dei Takeda che suona ad occhi chiusi, facendo fremere le corde del suo violoncello. I Gray con i bicchieri di vino levati in un brindisi gioioso...

… Penso al mio hard disk, zeppo di immagini rubate. Penso a Jane Russell, a come mi ha guardata attraverso il parco senza battere ciglio. Non sono invisibile. Non sono morta. Sono viva, ed esposta, e mi vergogno.»

“La donna alla finestra”, un thriller voyeurista

Il mirino della Nikon è concentrato sui Russell, i nuovi vicini di casa, dalla vita apparentemente normale. Eppure una notte ciò che Anna mette a fuoco dalla finestra, ma che non riesce a catturare con i suoi scatti, è un episodio violento che metterà ancora di più a repentaglio il suo fragile equilibrio.

I colpi di scena si susseguono. Gli agenti di polizia coinvolti non le credono a causa della sua vita sgretolata, del tasso alcolico elevato e del numero di psicofarmaci dei quali è imbottita. Purtroppo l'alcool è un ingrediente necessario perché Anna possa sopravvivere ai suoi dolori pur causandole un mare di guai:

«Come diceva George Bernard Shaw: mi cito spesso, aggiungo pepe alle mie conversazioni. Shaw diceva anche che l'alcool è l'anestetico grazie a cui sopportiamo l'operazione della vita. Buon vecchio Shaw.»

 

Ma Anna non ha avuto un’allucinazione, ciò che ha visto corrisponde a verità, e la forza dei fatti sarà il motore che la farà di resistere fino all'ultimo scenario da brivido. Ogni intreccio del romanzo di Finn è sempre accompagnato o premesso da citazioni di film thriller. Prima dell'ultimo colpo di scena il televisore sta trasmettendo la scena finale di Nodo alla gola, film del 1948 di Hitchcock.

“La donna alla finestra”, un thriller voyeurista

La donna alla finestra evoca senz'altro un altro grande noir del 1954: La finestra sul cortile di Hitchcock, nel quale James Stewart, immobilizzato su una sedia a rotelle e affiancato dall’iconica Grace Kelly, assiste a un omicidio. Sarà quindi una sfida anche per il regista Joe Wright cimentarsi con l'inevitabile paragone con il film di Hitchcock, eccezionale lezione di teoria del cinema e inesauribile fonte di spunti concettuali. Quello di Hitchcock è un cinema snello, privo di ogni inutile sbavatura, calibrato e perfetto nel susseguirsi degli eventi. Jeff, il voyeur di Hitchcock, esattamente come Anna, è impossibilitato a uscire e sono entrambi “guardoni”, pratica di per sé immorale, ma che inevitabilmente lo spettatore sostiene. Il rapporto che intercorre tra ciò che il voyeur guarda e la costruzione del film assume le forme del “cinema muto”. I film muti sono la parte più incontaminata del cinema, ed è su questo che Hitchcock gioca, sui movimenti della macchina da presa e le scenografie piuttosto che sui dialoghi seppur arguti.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

La donna alla finestra di A.J. Finn tiene avvinti fino all'ultima pagina, ricorda in parte il John Grisham dei primi tempi per il quale la giustizia privata sopperisce a quella pubblica che interviene solo in un secondo momento e viene invece valorizzata la sensibilità delle persone.

Non resta che rimanere in trepida attesa dell'uscita del film. Il film sarà prodotto da Scott Rudin e da Eli Bush, gli stessi di Lady Bird. Ancora non ci sono nominativi rispetto ai protagonisti.


Per la prima foto, copyright: Alexandre Chambon.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.