Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

“La dittatura dell’inverno” di Valeria Ancione: la sfrontatezza dell’amore non è mai silenziosa

Valeria Ancione, La dittatura dell’invernoSe cercassimo un mantra tra le pagine de La dittatura dell’inverno (Mondadori), il primo romanzo di Valeria Ancione, sarebbe senz’altro: “L’amore non ha sesso”. Mantra, coronamento delle molte storie dentro al racconto, sintesi assoluta dello spirito della protagonista del romanzo, colophon scritto sulla pelle del lettore. È un libro giocato a carte scoperte, che senza preamboli ci porta quasi in media res di un amore tra donne, dove l’esperienza è automaticamente conoscenza, è toccare e quindi sapere e subito raccontare. Senza mediazioni gentili, con tutta l’urgenza del volere.

In origine c’è un orizzonte tradizionale, invidiabile, dove «funzionava tutto: il lavoro, la famiglia e io, perché come mai nella vita mi sentivo bella». Tre librerie, cinque figli, una casa, la vita di Nina scorre senza scosse tra numeri dispari; ci voleva per forza l’arrivo di Eva a portare il pari, il due, un inatteso due al femminile. «Mi piaceva tutto di lei, era come volevo essere io. Non solo era bella, era libera, senza vergogna, senza inibizioni. Libera nei sentimenti, aveva il coraggio di esprimerli, non chiedeva niente in cambio, era pura». Inutile cercare in un matrimonio scassato l’appiglio per giustificare la fuga di Nina verso l’amore per Eva. Michele, il marito, è l’uomo perfetto e anche questo emerge con chiarezza fin dalle prime pagine del romanzo; sposo, padre, amante, libraio senza ombre, un totem di generosità, calma e comprensione.

Nina, Michele, i ragazzi, i loro luoghi, la casa di Roma ingarbugliata ed effervescente, quella di Ventotene che serve a riordinare i cuori dopo l’inverno, le librerie, dove i clienti condividono lo spirito familiare grazie alle crostate che Nina prepara con le sue mani. Che bisogno c’era, ci si chiede, di aggiungere rumore a tutto questo. Perché «quando si muove nella mia vita Eva fa rumore», la sfrontatezza dell’amore non è mai silenziosa.

Lì per lì i sentimenti di Nina verso Eva indossano la maschera dell’amicizia, flessibile e adattabile nel coprire lo sbigottimento causato dal desiderare una donna. Poi spuntano la “curiosità” e la preoccupazione, al primo approccio più intimo, di non aver «commesso niente di sconveniente». Infine, dopo il primo bacio fiorisce sulle labbra anche l’ossessione di non dare a vedere di aver «combinato qualcosa di grosso». C’è tutto il linguaggio dei luoghi comuni fin dalle prime battute, un prevedibile glossario che lo spiegarsi dei sentimenti tra le due donne dovrà depennare. Parole come “libertà”, “dittatura”, “democrazia” delineano quella specie di disordine istituzionale amoroso vissuto dalla protagonista nella «piccola fuga, senza pretese» alla scoperta dell’amore per Eva.

La piccola fuga di Nina diventa un viaggio lungo due inverni per ritrovare sé stessa. Il suo rapporto con Eva riaccende il desiderio di essere desiderata, il bisogno di riprendersi il corpo dopo le gravidanze: «mi aiutava a capire che in fondo mi piacevo». È anche un costante misurarsi con la propria età, col giro di boa dei quaranta che sbatte addosso all’innamoramento per una ragazza di trenta e crede ormai di essere fuori tempo massimo per donarsi, «mi sentivo tremendamente vecchia». L’alternativa al donarsi a una donna è darsi a due uomini.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Valeria AncioneContemporaneamente al rapporto con Eva, Nina inizia storie di sesso con un professore e con il direttore di una rivista, due clienti delle librerie, due binari lungo i quali tenta in qualche modo di ripristinare i parametri della “normalità” nel rapporto uomo/donna. Sono storie senza sentimento, vissute come guardandosi da fuori, nella necessità di lasciarsi svuotare per poi riempirsi di nuova linfa, di una nuova consapevolezza di sé. «Non mi vergognavo di me, di essermi fatta scopare, di aver dato il mio corpo senza emozioni. Ero troppo diversa da ciò che pensavo di essere e gli incontri con quei due uomini non avevano chiarito nulla. Tranne che potevo fare del mio corpo quello che volevo, come cederlo al desiderio di una persona e restare spettatrice fredda». Il romanzo è costruito su un’impalcatura di forte fisicità come mezzo per comunicare e a questi amanti occasionali viene affidato il compito arduo di dimostrare che l’uomo, per la donna, è o dovrebbe essere sempre la soluzione migliore. I due forniscono invece fiotti di umori tra il ridicolo e l’avvilente e un ritratto scanzonato del peggio dell’ego maschile: «li ho visti accudire il loro pene e riporlo nella custodia come un gioiello», nel gioco adolescenziale che immagina «un accordo su chi mi avrebbe portato a letto per primo». Come non cercare riparo nel cuore e sul corpo di Eva, con simili presupposti.

Eppure è un uomo a resettare con delicatezza il disco duro sballato della vita di Nina. Michele, suo marito, che l’aiuta a trovare il modo di salvare il file del suo amore per Eva nell’archivio giusto, affinché rimanga sempre in memoria e sia consultabile in ogni momento, qualcosa di presente e assimilato al tempo stesso. Michele che capisce che non ha senso competere con qualcosa che non conosce, l’amore di una donna per sua moglie. Michele che è «un calmante», l’unico confidente. Michele da cui Nina impara «la dignità dell’amore» e riceve il primo impulso a non lasciarsi consumare dal vuoto dell’impossibilità di Eva.

Se la ricomposizione è possibile per tutti, lo si deve solo a un assioma ineluttabile: «L’amore è un moltiplicatore d’amore, non si divide». Solo così si azzerano i sensi di colpa e i luoghi comuni dei sentimenti. Parole come “tradimento”, “adulterio”, “colpa”, “giudicare” vanno rivoltate come calzini e sostituite con «comunicazione, bisogno di conoscersi e partecipare». «Ho cancellato il senso di colpa, non mi sento di aver tradito nessuno», dice Nina. Nessun concetto tradizionale si può applicare a queste pagine senza svilire il senso dell’amore della protagonista per Michele e per Eva. Il significato del rumore e del disordine va cercato in un “atto rivoluzionario” nel cammino verso la «ricerca di una vera e autentica identità mai strutturata» da parte di Nina.

La dittatura dell’inverno alla fine si rivela blanda, si esercita a fior di pelle su uomini e donne in apparenza mai segnati dal dolore. All’incastrarsi frenetico di situazioni, sensazioni e corpi manca profondità; alla macina delle emozioni servirebbe il sassolino che fa saltare l’ingranaggio, minacciando seriamente la perdita irreparabile di qualcosa o qualcuno. È un mondo lieve e facile quello di Nina, dominato dalla bellezza e dalla fiducia: la libreria l’aprono i clienti quando i librai non possono, i mariti non sono mai sfiorati dall’ombra del risentimento, le madri incoraggiano le figlie a esplorare territori insoliti senza farsi troppe domande. Tutto vale purché Valeria Ancione ci convinca, attraverso Nina, che l’amore non ha sesso e che il conformismo è frutto de La dittatura dell’inverno.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (4 voti)
Tag:

Commenti

Splendida narrazione, il libro di una donna per le donne. Mille spunti di riflessione.

Probabilmente solo una donna poteva avere il coraggio di avviare una riflessione sul fatto che non sempre l'uomo è la soluzione migliore per la propria vita (e viceversa). E che anche quando gli schemi prestabiliti sono armoniosi, compiuti (la protagonista ha saputo costruire col suo compagno una perfetta famiglia tradizionale, e lo dico senza ombra di sarcasmo, è davvero una famiglia di cui funzionano tutti gli ingranaggi), quando gli esseri umani hanno l'intelligenza di guardarsi dentro e di riconoscere in onestà che l'inesplorato e il dubbio importano ancora, che la voglia di conoscere e conoscersi è sempre viva, allora le storie accadono. E nascono i buoni romanzi che le raccontano.

Proprio il fatto che un'esordiente riesca con tale efficacia a trattare un tema così apparentemente spinoso, ci fa credere che la letteratura d'autore è ancora viva e non può essere mortificata da mode o da scrittori improvvisati. La dittatura dell'inverno è romanzo complesso che offre diverse chiavi di lettura. La donna diventa archetipo della libertà e nessuna libertà potrà mai essere mortificata dalle convenzioni di una società retrograda. Aspettiamo con impazienza un nuovo romanzo di Valeria Ancione, una delle scrittrici italiane più convincenti e capace di indurre nel lettore una infinita voglia di leggere trame così affascinanti come nella dittatura dell'inverno.

Romanzo che riesce proprio ad emozionare il lettore! Mirabile concetto dell'amore visto in senso universale, senza barriere precostituite... l'amore ha la stessa valenza sia che rientri nei parametri dell'eterosessualità, sia che, invece, venga rivolto verso una persona dello stesso sesso. Concordo anche sull'idea che l'autrice esprime riguardo la libertà della donna: rimanere costretti entro gli ambiti familiari, senza concedersi emozioni fuori dalle mura domestiche, anche quando le stesse ci calzano a pennello (almeno questo risulta dalla vita della protagonista)! Tra una crostata e l'altra, tra un impegno familiare e l'altro, ci si può ritagliare uno spazio tutto proprio, nascosto agli occhi del mondo e che aiuti a superare la tristezza della "dittatura dell'inverno"! Complimenti all'autrice che, peraltro, riesce a condire la trama con una scrittura elegante!

Il concetto dell'"amore moltiplicatore di amore" è semplice e definitivo e si declina leggero nel cuore di tutte le persone che compongono la vita di Nina, da Michele ai ragazzi, da Eva al mondo brulicante della Tana. Ma, soprattutto, lo fa con una dote che è forse superiore alla capacità di amare: senza ferire nessuno e senza perdere dignità. Ê forse questo lo spazio più grande che la protagonista riesce a ritagliarsi per sempre quando "la dittatura dell'inverno" finisce.

Resta il fatto che il marito è un gran cornuto!

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.