Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

La diabolica frittata di Michail Bulgakov

La diabolica frittata di Michail BulgakovMichail Bulgakov, ne Il maestro e margherita, tra le altre cose descrive la Mosca degli anni Trenta, soffermandosi anche sul gruppo di scrittori pagati dalle autorità sovietiche per fare propaganda e glorificare il regime. Il punto d’incontro preferito da questi scrittori era la Casa Griboedov, famosa in tutta Mosca per le sue specialità gastronomiche.

Scrive Bulgakov:

«Alcuni di noi vecchi abitanti di Mosca ancora ricordano il famoso Griboedov. Ma i filetti bolliti di pesce persico non erano niente, mio caro Ambrose! Che dire dello storione, storione in una padella argentata, filetti di storione serviti tra code di aragoste e caviale fresco? E le uova in casseruola con purea di funghi presentate in piccole ciotole?».

 

E proprio questa è la ricetta che vi presentiamo oggi come la diabolica frittata di Bulgakov:

 

LEGGI ANCHE – La torta preferita di casa Tolstoj

 

Ingredienti

1 uovo a porzione

1 cucchiaio da tavolo di burro per porzione

1 cucchiaio da tavolo di formaggio a pasta dura grattugiato per porzione

1 cucchiaio da tavolo di pane grattugiato per porzione (opzionale)

La diabolica frittata di Michail Bulgakov

500 grammi di funghi (champignon)

100 ml di panna da cucina

1 cipolla grande

Burro

Sale, pepe

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Preparazione

Affetta i funghi e friggili con la cipolla. Frulla il tutto fino a ottenere una purea. Aggiungi sale, pepe e la panna. Metti un po’ del composto in piccoli vasi di terracotta o tazze con pareti, dopo averli unti di burro. Rompi un uovo in ogni porzione. Copri con il formaggio grattugiato unito al pan grattato e cuoci al forno fino a quando il bianco d’uovo non diventa denso.

 

LEGGI ANCHE – Le cotolette che ispirarono Aleksandr Puškin

 

Fateci sapere se avete provato questa diabolica frittata di Bulgakov e, soprattutto, se è piaciuta a voi e ai vostri ospiti.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.