Corso online di Scrittura Creativa

Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

“La coppia inattuale”, un’analisi spietata dei rapporti di coppia contemporanei

“La coppia inattuale”, un’analisi spietata dei rapporti di coppia contemporaneiLa coppia inattuale (Tau Editrice, 2019) è un manuale in cui Elio Paoloni, scrittore salentino autore del bel libro sul Camino de Santiago Abbronzati a sinistra (Melville Edizioni, 2019) analizza lo stato attuale dei rapporti di coppia.

Il suo è un approccio che parte dalla visione personale di un cattolico tradizionalista, anche se l’autore sostiene di voler indirizzare le sue pagine agli atei, agli agnostici e ai tiepidi: a coloro, insomma, che appaiono lontani dalle certezze della fede e presumibilmente confusi dai cambiamenti avvenuti nella società negli ultimi decenni, a partire proprio dal concetto di coppia e, di conseguenza, di famiglia.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Per Paoloni, prima di tutto, non esiste una “famiglia tradizionale”, nel senso che non concepisce nemmeno la possibilità che esistano tipi di famiglie alternative: esiste dunque solo ed esclusivamente la “famiglia naturale”, con buona pace di chi ha reso possibili e legali le unioni civili fra gay, considerate un falso abominevole, seconde nell’orrore soltanto alla possibilità di adozione da parte delle coppie omosessuali.

Famiglia, dunque, composta da un uomo e una donna e allietata dai loro figli, ma messa oggi duramente in crisi dal mutamento profondo avvenuto nei ruoli “naturali” di maschio e femmina. Per Paoloni, l’uomo deve fare il capofamiglia, la donna deve essere subordinata, e va da sé che il fatto che lavori fuori casa e non sia perennemente occupata a gestire figli, famiglia e possibilmente fare la calza (considerato un impegno positivo e rilassante per tutti, visto che lo praticano persino le dive di Hollywood) è considerato il peggior attentato possibile all’equilibrio e all’armonia della famiglia.

Bisogna dire che alcuni punti toccati nel corso di La coppia inattuale sono senz’altro condivisibili. La spettacolarizzazione delle nozze, ad esempio, divenute molto spesso spettacoli fastosi e pacchiani a uso e consumo di parenti e amici, più preoccupati di fotografare, filmare e registrare i momenti salienti della cerimonia anziché riflettere sul suo significato, se non religioso, perlomeno morale: anche un matrimonio civile è uno scambio di promesse, un impegno che due persone si assumono per costruire qualcosa di profondo e di possibilmente duraturo nel tempo.

“La coppia inattuale”, un’analisi spietata dei rapporti di coppia contemporanei

La possibilità di divorziare, però, ha reso il matrimonio qualcosa di “facile” e di superficiale, a cui si può porre fine con troppa facilità e noncuranza, svuotandolo quindi del suo significato primario di patto indissolubile. Ci si sposa troppo tardi, così da perdere anche in molti casi la possibilità di avere dei figli, e si divorzia troppo spesso: questo è lo sconfortante quadro contemporaneo secondo Paoloni, che però dimentica il fatto che lo spostamento in avanti dei matrimoni è dovuto spesso non solo a egoismo personale, ma anche, se non soprattutto, alla precarietà economica in cui sono relegate le ultime generazioni.

Sposi superficiali e poco consapevoli non possono che diventare genitori altrettanto poco responsabili nei confronti dell’eventuale prole,soprattutto perché i padri hanno smesso di essere severi e autoritari e le madri non sono abbastanza madri, per non parlare della mostruosità delle cosiddette “famiglie allargate”, che qui diventano semplicemente “famiglie sfasciate”.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Che dire ancora? Si possono senz’altro apprezzare alcune analisi negative sulle famiglie attuali e sui modelli educativi, o piuttosto diseducativi, che si sono diffusi negli ultimi anni, perché è innegabile il fatto che il passaggio dall’eccesso autoritario delle generazioni passate all’eccessiva permissività più recente in molti casi non sia propriamente positivo, ma il tipo di società auspicata e rimpianta da Paoloni nella sua analisi deLa coppia inattuale, al netto di molte osservazioni acute e condivisibili, appare ormai francamente anacronistico.


Per la prima foto, copyright: Marc A. Sporys su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.