Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

La colonna sonora della scrittura

scrittura e colonna sonoraOgni scrittore ha una musica in testa, ne sono convinto.

Mi sembra un’evidenza quasi lapalissiana. Ci sono casi meno palesi di altri, tuttavia è innegabile che ogni romanzo, racconto, capitolo, scena è accompagnato da una colonna sonora unica che, forse inconsapevolmente, l’autore adotta e porta nel suo zaino da viaggio, lungo il cammino verso la creazione della sua opera.

Non tutti i romanzi sono uguali e non tutte le musiche sono le stesse. Ci sono romanzi teneri e profondi che sondano la psiche umana e lasciano un profondo solco nella nostra coscienza, opere che vedo bene accompagnate da un notturno di Chopin o da una bella ballata come Mr. Tamburine Man di Bob Dylan. Poi ci sono, invece, romanzi energetici, potenti, concitati, in cui l’azione si svolge rapidamente, senza lasciare il tempo di riprendere il fiato. Con questi vedo bene un pezzo vigoroso come Whole Lotta LovedeiLed Zeppelin o Smells Like Teen Spiritdei Nirvanao, ancora,Starlightdei Muse, insomma, brani che spaccano i coni delle casse del vostro stereo (se ancora siete tra quelli che ne posseggono uno e non siete ancora passati alle cuffiette degli Mp3). Infine, mi vengono in mente quei racconti psichedelici, quasi surreali e anche un po’ melanconici, all’interno dei quali sento risuonare le note di The End dei The Doors, giusto per fare un esempio.

Gli scrittori, come i pittori e gli scultori, sono influenzati dalle arti che li circondano, vivono di suggestioni, immagini fugaci, inafferrabili e riversano sulla pagina bianca queste sensazioni, a volte sedimentate e fermentate per anni, altre morse e ingerite voracemente in un batter d’occhi. Allora il concetto di colonna sonora può essere allargato, scompigliato, per raccogliere anche le altre arti che, in un modo o nell’altro, costituiscono quel panorama di influenze dentro cui lo scrittore è immerso e con cui, volente o nolente, deve a un certo punto fare i conti, per una questione di onestà intellettuale – se volete –, per tributare un omaggio a coloro che, alla fine dei conti, rappresentano le sue ispirazioni.

scrittura e colonna sonoraSarei curioso di conoscere le colonne sonore dei libri che ho letto, per comprenderli un po’ di più, per addentrarmi in quel sottobosco rappresentato da tutto ciò che vive oltre i confini del testo, per non soffermare la lettura al semplice significato letterale, per andare oltre la semplicità e osservare più da vicino il mondo che sta dentro e fuori la narrazione.

Tutto questo, tuttavia, non può non tenere conto di un aspetto importante e che fino a questo punto ho tenuto da parte: la colonna sonora della lettura. Sì, perché a ogni scrittura, con la sua colonna sonora, quella che ha accompagnato l’autore, corrispondono migliaia, milioni di letture, distanti nel tempo e nello spazio. Letture che avranno una loro propria colonna sonora, per la quale vale lo stesso ragionamento fatto riguardo alla fase di creazione del testo. Tra scrittura a fruizione esiste un dislivello notevole dato dalla distanza tra autore e lettore, non una distanza semplicemente fisica, ma anche culturale e temporale. Dante Alighieri è molto distante da me che vivo oggi, settecento anni dopo, in un’Italia profondamente diversa, sottoposto a stimoli culturali (più o meno) che poco hanno a che vedere con quelli dei suoi tempi.Quale sarà stata la colonna sonora di Dante? Quale quella di Ludovico Ariosto? E quella di Emily Brontë o di Walter Scott o di Alessandro Manzoni? E quale quella di John R. R. Tolkien?

Mentre le colonne sonore degli scrittori rimarranno immutate nel tempo, quelle dei lettori si evolveranno, muteranno assumeranno la forma che il tempo vorrà dare loro. Eppure la storia sarà sempre lì, uguale a se stessa eppure diversissima, circondata da una musica che non appartiene a lei, ma a colui che la stringe tra le mani e ne assorbe una dopo l’altra le parole.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.2 (6 voti)

Commenti

Interessante articolo. La prosa riecheggia davvero la musica del periodo in cui è stata scritta: o per essere più precisi, la musica ascoltata dall'autore. Sono straconvinta che l'interesse per un certo tipo di musica rispetto ad un'altra influisca nella ricerca stilistica, eccome: per una questione di approccio alla materia artistica, generalmente parlando.
Se penso al diciannovesimo secolo, in cui ad esempio un Liszt reinterpretava Goethe o nel secolo scorso a un Thomas Mann che scrive sul Tristano o nel Doctor Faustus sulla musica dodecafonica...Baudelaire assistette alla prima del Tannhäuser a Parigi e ne fu talmente entusiasta, da scrivere la prima e unica sua recensione musicale.
Bei tempi, quelli,in cui i compositori leggevano i grandi autori del momento e i letterati si lasciavano galvanizzare dai grandi compositori e dalle grandi opere a loro contemporanee.
Trovo che moltissimi autori nostri contemporanei invece pecchino di una prosa non-musicale, e sono convinta che spesso questa non-musicalità derivi appunto da uno scarso interesse per la musica o tutt'al più un interesse che non va al di là di un approccio pop.

Hai ragione. Ho scritto questo articolo proprio dopo avere finito un capitolo durante il quale avevo avuto – a corrente alternata – musica di sottofondo. Poi ho riflettuto sul rapporto tra quello che scrivo (tutto quello che scrivo) e la musica e sul ruolo che essa ha avuto nel mio passato e che ha nel mio presente e ho capito la sua centralità, la sua importanza.
È vero, forse oggi non c'è compenetrazione, come invece v'era un tempo. Si procede per compartimenti quasi stagni e questo non giova né alla letteratura né alla musica.
Non è importante – a mio avviso – l'approccio, che sia alto o popolare non fa differenza, purché la musica, la pittura, la letteratura, tutte le arti non dimentichino il ruolo fondamentale della contaminazione, del melting-pot. Io ho apprezzato molto quanto fatto, a esempio, da Licia Troisi nelle sue "Guerre del Mondo Emerso" in cui ogni libro della saga è aperto dalla citazione di una canzone che, in un modo o nell'altro, accompagna la storia, mi sembra un bel modo per tributare un omaggio alle proprie contaminazioni.

Cara Anna, sottoscrivo il tuo commento.

Quando la musica viaggia sulla stessa linea della scrittura viene fuori qualcosa di magico. Molto spesso è una canzone a fare scattare la molla che mi porterà a scrivere per ore.

Bellissimo post.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.