Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

La catacresi. La retorica nel linguaggio quotidiano

Messaggio nella bottiglia, catacresiLa lingua di fuoco impiegò meno di un’ora a propagarsi dai piedi alla cresta del monte. I pompieri, a cavallo di un’autobotte, calzarono i guanti e si misero al lavoro per spegnere l’incendio. Solo nel tardo pomeriggio, quando le fiamme erano ormai state domate, fu trovato il collo di una bottiglia incendiaria nel letto del fiume.

 

Per parlare di quanto la retorica sia presente, in modo più o meno consapevole, nella quasi totalità dei nostri discorsi, ho voluto iniziare con un esempio. Premetto da subito che non si è badato troppo alla forma, nell’inventare la sequenza di frasi in questione e che l’esempio non avanza, pertanto, alcuna velleità di tipo artistico. Al contrario, queste poche righe rappresentano piuttosto fedelmente un livello “standard” di comunicazione ordinaria, che si potrebbe cioè ritrovare in una conversazione telefonica o, magari, tra le pagine di un quotidiano di cronaca locale. In una parola, è perfettamente utile al nostro scopo.

Proprio qui, infatti, in una manciata di proposizioni che riguardano l’episodio di un incendio sui generis, si annidano almeno otto catacresi, segnalate dal corsivo. Tradotto: in almeno otto occasioni si sta usando un procedimento retorico, conosciuto appunto come catacresi, che consiste nel «ricorrere a un neologismo o all’uso estensivo di un termine già esistente nella lingua […] quando si deve designare un certo oggetto o nozione per cui [la medesima] lingua non dispone di un vocabolo specifico». In altre parole, la catacresi (dal lat. catachresis, gr. κατ-χρησις, propr. «abuso») «è un uso ‘deviato’, un abuso» di parole che designerebbero propriamente qualcosa di diverso da ciò che vengono a denotare in una parola o locuzione usata estensivamente. Essa consiste, dunque, in una risorsa utile nel caso della cosiddetta inopia (mancanza, carenza) lessicale, e «risponde a un’esigenza di economia: si usufruisce del già esistente anziché introdurre neoformazioni» (Bice Mortara Garavelli, Manuale di retorica, Bompiani).

 

Nella fattispecie, la “lingua” di fuoco, i “piedi” del monte, il “collo” della bottiglia rappresentano, all’interno di queste locuzioni o modi di dire ormai consolidati, parti di oggetti o luoghi che non corrispondono al significato primario dei termini — in questo caso tutti appartenenti al campo semantico e lessicale del “corpo umano” —, ma, piuttosto, a un significato secondo, a «una specie di connotazione originaria, diventata denotazione nell’uso» (Tommaso Casanova).
«Data una catacresi come la gamba del tavolo, solo se la si considera come se fosse stata inventata per la prima volta si può capire perché […] l’inventore della catacresi abbia scelto gambe piuttosto che braccia. Solo riscoprendo così la catacresi siamo indotti, contro ogni nostro automatismo linguistico precedente, a vedere una tavola umanizzata. Pertanto occorre avvicinarsi a una metafora o a un enunciato metaforico partendo dal principio che esista un grado zero del linguaggio — rispetto al quale anche la catacresi più trita risulti felicemente deviante» (Umberto Eco, I limiti dell’interpretazione, Bompiani).

Una catacresi, infatti, trattandosi nella maggior parte dei casi di un’antica (e ormai “spenta”) metafora o metonimia, può essere sempre smascherata e rivitalizzata (scrive la Garavelli) «in poesia, nei giochi di parole, nel racconto fantastico (favole in cui i denti del pettine mordono, il cane del fucile abbaia, lo zoccolo delle pareti scalcia) […] e perfino in convenzioni culturali, mode, atteggiamenti (si pensi, ad esempio, alla pruderie vittoriana, disturbata dalla vista delle gambe ‘nude’ del tavolo…)».

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Un procedimento inverso alla catacresi ha indotto a dare forma di coscia alla parte superiore delle gambe del tavolo barocco. Sarebbe assurdo pensare che un linguaggio debba disporre di una serie indefinita di parole e verrebbe da dire, con un apparente controsenso, che il numero di queste sia inversamente proporzionale alla creatività di chi le usa. L'italiano dispone di circa un terzo delle parole che ha la lingua anglosassone che, ai nostri occhi, appare essere così povera. Incomparabilmente superiore alle lingue occidentali sono le orientali che si avvalgono di ideogrammi, così elasticamente disponibili a poter esprimere una estesa gamma di significati in dipendenza del contesto in cui l'ideogramma si trova. Nelle lingue tradizionali e antiche, come il sanscrito, la necessità di riferirsi al trascendente e alle questioni più complesse che una modalità espressiva deve affrontare, ostacola le possibilità di mutamento del linguaggio, perché il sacro non muta.
Dunque, se da un lato una lingua dovrà essere elastica per dar forma a una realtà mutevole... dall'altro lato c'è la necessità che alle parole non sia agevole sostituire il senso originario perché è attraverso quello che il significato non cambia.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.