Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

“La Casa del Sollievo Mentale” di Francesco Permunian

 

“La Casa del Sollievo Mentale” di Francesco PermunianLa prima idea che mi è balzata alla mente imbattendomi nell'ultimo romanzo di Francesco Permunian La Casadel Sollievo Mentale (Nutrimenti, 2011) è la stretta parentela con la poesia delle "macchine inutili" di Bruno Munari, per loro stessa concezione ed essenza affrancate dall'urgenza di profitto. E come esse, ogni narrazione di Permunian è scevra da certo spicciolo utilitarismo mimetico, oggi di gran moda; la letteratura essendo restituita alla sua genuina natura di creazione, pura inventio che solo per via del tutto indiretta può rappresentare vizi ed orrori del nostro tempo.

L'amore per il congegno ben oliato, che avevamo già conosciuto con il romanzo che lo ha portato all'attenzione della critica e del pubblico (Cronaca di un servo felice, Meridiano Zero, 1999), lo ritroviamo qui intatto nell'allestimento dell'ennesimo assurdo e grottesco teatrino meccanico, infarcito di verve citatoria e sustanziato di follia, nevrosi, tic, oscenità, fatti strampalati o verità innominabili. Ne vien fuori la parodica ed eccitata rappresentazione di un mondo fuori sesto (che si carica nel finale di un'inattesa impennata noir), arpeggiato sul tono dominante di un grottesco la cui peculiarità risiede nell'insinuarsi sul crinale delle intermittenze al limite estremo tra assurdo e cruda realtà, non-senso e profondità di ragione.

A dipanare l'intreccio di destini abitati in modo diverso dalla follia è Ludovico Toppi, un colto bibliotecario del lago di Garda (la stessa professione dello scrittore) e a suo modo, come peraltro già il "servo felice", un indagatore del caos, le cui innocue follie (l'intrapresa filologica di compilare un Piccolo Catalogo Portatile della Risata Bresciana e il fidanzarsi con due bambole di gomma) lo aiutano a sopportare la più crudele follia d'una presunta normalità. È lui a raccontare le vicende di uomini e donne unti dal crisma dell'insania, personaggi bizzarri e insieme inquietanti: a cominciare dal suo migliore amico, lo strampalato barone Alfonsino Manotazo, tratteggiato sulla falsariga di tanti eccentrici baroni della provincia italiana, puttaniere, scapolo e discepolo di un Guido Ceronetti venerato al pari di una divinità; o la sorella Reginalda Manotazo, in pieno marasma devozionale, sessualmente disturbata, che crede di evangelizzare il prossimo istigandolo ai piacere della carne; zia Arpalice, ninfomane ossessionata dalle visioni mariane; Girolamo Toppi, il padre del bibliotecario, ex falegname ipocondriaco che riesce a confidare solamente nell'agioterapia; l'Incendiario (il nuovo fidanzato di Arpalice), scienziato pazzo che approfondisce le ricerche sul fuoco dell'universo; Armandino, il necroforo sodomita; le signorine Eburnea e Leocadia, due Real Dolls, bambole di silicone capaci di sentimenti (?); l'esimio dottor Camillo Gruber, psichiatra infantile di fama mondiale il cui segreto indicibile è una «macabra anagrafe» e il suo allievo, Diomede Korea, direttore della Casa del Sollievo Mentale (una ex-fortezza austro-ungarica trasformata in sanatorio di provincia dai metodi di cura non convenzionali), seguace del Duce dalle ambizioni letterarie.

Incredibili figurine di «varietà manicomiale», le chine amniotiche e brumose partorite dalla mente «teatrale e barocca» di Permunian, oltre a celebrare il nostalgico de profundis per un mondo di bellezza ormai svanito, offrono al lettore una radicale implicita critica a una contemporaneità irrimediabilmente malata, oscena e insensata in ogni sua manifestazione, e dove perfino l'afflato religioso è superstite solo nelle apparenze, ridotto a visionarietà blasfema, circo devozionale tenuto in vita per esorcizzare l'infinita paura della prossima inevitabile estinzione. Non mancano poi affondi ironici e sberleffi diretti alla società letteraria: si legga l'esilarante capitolo dell'incursione dell'allegra comitiva capeggiata dal barone Alfonsino Manotazo (con tanto di bambole al seguito) al festivaletteratura di Mantova per rendere omaggio al divino maestro Guido Ceronetti, che alla lontana, per l'effetto epifanico, ricorda (tenuto conto delle dovute proporzioni) la memorabile apparizione di Aleister Crowley nel 1920 in quel di Cefalù di cui racconta in Nottetempo, casa per casa (1992) il politico e barocco scrittore siciliano Vincenzo Consolo.

Non so se abbia ragione Luca Doninelli ad ascriverlo alla schiva tradizione degli «scrittori crudeli per obbligo» (Piovene, Comisso, Parise, Berto, Zanzotto), ma il suo nutrirsi di libri e di parole (si rammenti che Permunian è anche un raffinato poeta), lo rende uno scrittore certamente palinsestuoso, che alimenta ogni sua pagina col fuoco della letteratura; mosso da una necessità quasi di svelare, specificare, mettere in abisso ogni reperto citatorio (che si tratti di ripescare le Varie Avvertenze Utili e necessarie agli Amatori de' buoni Libri del bibliomane padovano padre Gaetano Volpi o l'«espediente quagliesco» di Antonio Ranieri). Di contro agli ardui tentativi, persi in partenza, di descrizione in presa diretta del reale, con le sue fiabesche e teatrali "macchine inutili" Francesco Permunian continua a far piazza pulita del pregiudizio realista per leggere sotto altra chiave la «ridanciana laidezza» del nostro tempo. 

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.