Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

“La casa dei sette ponti” di Mauro Corona

La casa dei sette pontiIl lettore mainstream è abituato ormai ai Follett che popolano il mondo letterario e ad un fiume di parole spesso usato per rendere l'atmosfera storica o sociale del momento in cui viene raccontata la vicenda.

Ci sono però autori che non hanno bisogno di tutto ciò; a loro bastano poche parole (complice forse anche l'essere connazionali) per lasciarti interagire coi personaggi. Un “vedo/nonvedo” letterario, una meccanica semplice che non lascia spazio né a fronzoli né a interpretazioni troppo vaghe e inconcludenti. Nella “Hall of Fame” degli scrittori italiani con questo stile, io ci metto Mauro Corona. Uomo di montagna, e lo si capisce da subito. È il tipo di persona che non si perde a descrivere un tramonto, lo vive e te lo fa rivivere. In molti hanno contestato il suo cambiamento, di poco tempo fa, di porsi, di vestirsi, un abbandono e un tradimento di ciò che è stato. Io invece lo percepisco come un Divenire, il moto perpetuo che porta un uomo a migliorarsi o a peggiorarsi, ma comunque ad evolversi. A costo, a volte, anche di perdere le persone intorno a sé.

La casa dei sette ponti, in effetti, parla di una persona che subisce una trasformazione, se vogliamo un ritorno alle proprie origini dimenticate fra lavoro e orgoglio. Per dovere di cronaca anche il suo penultimo libro, Come sasso nella corrente, tratta di un mutamento, anche autobiografico, di un uomo che, in maniera introspettiva, compie un giro di boa. L'ultimo romanzo si protrae per 61 pagine. Più ringraziamenti. Scritto con caratteri grandi, molti “punto e a capo”, tante pagine bianche. Ai limiti della lunghezza di un racconto.

Eppure riesce ad essere quasi del tutto completo, pur essendo conciso. La contemporaneità descritta da Corona è la più minimale che si possa immaginare ma che ti circonda a tutto tondo. Tutto parte dall'ossessione di un industriale di Prato per una cascina con lunghi teli colorati che ricoprono il tetto; una casa che lui vede ogni volta che passa per il suo paese natale mentre viaggia per lavoro. Questa ossessione diventa coraggio e spingerà il protagonista a rompere con la routine e bussare alla porta della cascina per scoprire chi ci abita.

Da lì partirà un viaggio fisico e psicologico lungo sette ponti che dal paese riportano all'abitazione così misteriosa. Come va a finire non ve lo posso dire, ma se devo commentare l'ultima parte, posso dire che stona e può essere percepita come forzatura, se accostata al resto della storia che si presenta dura e vera. Aleggia un certo buonismo nella scelta dell'autore di una chiusura che pacifica l'animo del protagonista.

Forse di questo industriale non è stato reso bene il suo conflitto interiore fin dal principio, con conseguente vuoto finale?

Il paradosso che ho proposto tra la completezza dello stile di Corona e lo sbandierare una mancanza per concludere il libro, non è così inconciliabile come può sembrare se si percepisce che la conclusione cela un desiderio del protagonista; mostra la via più semplice da percorrere e allo stesso tempo più difficile da cominciare. Come la scelta di un bambino che deve decidere se mangiare il gelato o un piatto di insalata e sa che la mamma lo sgriderà se farà la scelta ovvia e quindi tentenna.

Forse ragionandoci sopra c'è una cosa di cui avrei dovuto accorgermi prima: lo stile asciutto, alcuni elementi magici, il finale a lieto fine. Corona non sta facendo nient'altro che raccontarci una fiaba moderna. E il mio fanciullo interiore ne è rimasto affascinato.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.