In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

“La carta e il territorio” di Michel Houellebecq

“La carta e il territorio” di Michel Houellebecq

Michel Houellebecq, classe '58, è un narratore furbo, un arguto e preciso mestierante. Ciò serva da stringata ma perentoria premessa a questa rapida analisi del suo ultimo romanzo, La carta e il territorio, uscito per Bompiani, nella collana Narratori Stranieri, con la traduzione di Fabrizio Ascari.

 

Non siamo abituati a raccontare la trama di quanto analizziamo; non crediamo granché nell'utilità di un'operazione simile; una volta di più, non lo faremo, anzi a maggior ragione si cercherà di evitare quanto più possibile di agganciarci ai fatti, in verità non molti, messi in scena dall'autore francese. Houellebecq è uno scrittore onnipresente nei suoi volumi; interviene nella narrazione aggiungendo riflessioni, rievocando teorie scientifiche, sociologiche, economiche, riflettendo su oggetti, mode, usi, orientamenti. Tende ad un'opera d'arte letteraria “enciclopedica”, per certi versi “totale”. E, in un modo del tutto personale, ci riesce.

Fa questo anche in La carta e il territorio: il protagonista si chiama Jed Martin, artista ormai disilluso e cinico. Il coprotagonista è Houellebecq stesso, proprio lui, l'autore che si rende parte della storia, si fa carne e sangue (letteralmente, come avrà modo di scoprire il lettore) nella diegesi. Operazione di vanità, dirà qualcuno; stratagemma astuto ma non condivisibile, grideranno altri. In realtà, Houellebecq si rende un pezzo da museo, si scava dentro e riempie di sé l'opera; non c'è nulla che non sia “l'autore”, in La carta e il territorio, cosa che, sic et simpliciter, non necessariamente costituisce un vantaggio. Ma il nostro è così, take it or leave it.

 

Houellebecq costruisce un romanzo di estrema scorrevolezza, addirittura quasi eccessiva e “d'appendice”, ma sotterraneamente chiude i propri personaggi, tra cui, come si diceva poco sopra, se stesso, in quella che, nel contesto di certa produzione di Pirandello, è stata definita una “camera della tortura”. Quella di Houellebecq ha un'estensione notevolmente maggiore, in quanto gli attanti si muovono costantemente nello spazio ma, in fin dei conti, rimangono confinati, ciascuno nelle profondità del proprio guscio umano (si confronti, con inedito slancio “multimediale”, My body is a cage, brano musicale dei canadesi Arcade Fire, traccia finale dell'album Neon Bible).

 

La carta e il territorio raccoglie frutti da gran parte delle opere pregresse di Houellebecq, e imbastisce una nuova semina, senza tuttavia far perdere nulla alla complessità e alla coerenza interna della bibliografia di quest'autore. Il romanzo, in qualche modo, si apparenta alle altre opere: “è” Estensione del dominio della lotta perché realizza l'allargamento di un contesto competitivo, dalla sfera lavorativa a quella esistenziale; “è” Le particelle elementari in quanto affresco senza speranza dei rapporti interpersonali; “è” Piattaforma nel centro del mondo nelle elucubrazioni sul turismo e in generale su quel fenomeno attualissimo che è la compressione spazio-temporale.

 

È, da ultimo, un romanzo che conduce, di nuovo, nelle lande desolate esplorate con coraggiosa rassegnazione in La possibilità di un'isola e che riecheggia molte poesie contenute nel volume La ricerca della felicità (edito, sempre da Bompiani, nel 2008). Jed Martin vive perso nell'esistenza, smarrito negli anni che rotolano via. Per citare la materia viva, il romanzo stesso: «Qualche volta aveva l'ipermercato tutto per sé – il che gli pareva fosse un'approssimazione abbastanza buona della felicità»; è un essere che conosce successo, in parte amore, delusioni molte, e in conclusione si trova ad essere «tranquillo e senza gioia, definitivamente neutro».

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)
Tag:

Commenti

L'ho letto da qualche mese e devo dire che condivido in toto l'interessantissima recensione, sottolineando, ancora una volta, l'arguzia dell'autore ma anche il supporto di uno stile definito e conclamato, una ironia di fondo che è preziosa per la riuscita del romanzo e quella tristezza senza confini che si avverte come monito ma anche punto d'arrivo, quasi fosse una speranza per il futuro.

Grazie.

C.M.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.