Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

La carica dei papà blogger con Francesco Uccello, autore di “Mo’ te lo spiego a papà”

Francesco Uccello, Mo’ te lo spiego a papàUn blog simpatico, utile e intelligente quello di Francesco Uccello, autore di Mo’ te lo spiego a papà.

Il contatto con il noto papà blogger napoletano, che cura una rubrica per la rivista femminile «Gioia», diventata anche un libro edito da TEA, è arrivato dopo l’intervista di Sul Romanzo a una mamma blogger che spiegava il fenomeno interplanetario delle mamme che raccontano sul blog la vita insieme ai loro adorati pargoletti, con tutti gli annessi e i connessi del caso. Come accade nella vita reale, anche il web, dunque, ha fatto spazio alle mamme, lasciando distanziati i papà che, però, qualche rivincita se la stanno lentamente prendendo. E noi di Sul Romanzo non potevamo esimerci dal trattare l’argomento.

Educatore, marito della principessa Stefania, padre di due figli, rispettivamente di 7 e 6 anni, Francesco Uccello affronta nel suo blog tutti gli argomenti, anche i più disparati, da quelli legati alla vita del bebè in fasce a quelli che riguardano il mondo di tutti i giorni, eventi spiegati a modo suo, in maniera brillante, divertente e soprattutto fondata, senza prendere in giro i più piccoli. Care mamme e cari papà, se cercate qualche risposta, potete senz’altro consultare il blog di Francesco Uccello.

 

Come è nata l’idea del blog?

L’arrivo di un figlio stravolge completamente la tua vita che non sarà più la stessa di prima. Avevo bisogno, in qualche modo, di “sfogare” tutto ciò che stavo vivendo, nuove emozioni, nuove paure e ansie che si affacciano nella tua giornata. Il mio non è un blog di consigli, sia chiaro. Mentre le mamme si scambiano suggerimenti per l’allattamento, lo svezzamento, l’inizio dell’asilo o della scuola, a me non interessano consigli pedagogici perché ci sono già sul web e sono riportati da persone assai più competenti di me in materia. Sono stato spronato da mia moglie che è solita relegare a me il compito di spiegare come va il mondo. “Va’ da papà che te lo spiega” ed è così che è nato il blog, come terapia per tenere testa alle piccole e grandi difficoltà che ci troviamo ad affrontare noi genitori ogni giorno e per ridimensionare i problemi di pappe, pannolini, carrozzini o di un ginocchio sbucciato. Mò te lo spiego a papà è un modo tutto speciale, spesso ironico, per capire e decodificare le cose del mondo, attraverso gli occhi e le esperienze dei piccoli. Provo ad essere un domatore di bambini.

 

Allora, lei è alla guida del movimento dei papà blogger alla riscossa…

Il web è “razzista”. Le mamme blogger sono il triplo e tra di loro hanno formato uno scudo, una comunità coesa e compatta. Negli ultimi tempi, però, si sta verificando un’inversione di tendenza e i papà stanno imparando a mettersi in gioco e, forse, e sottolineo forse, sono riuscito ad aprire una breccia fra le mamme. Certamente, sarebbe d’aiuto se anche i media tradizionali parlassero di più dei padri. Di certo, il blog non è una community, anche se nel tempo il blog è cresciuto, ogni giorno sempre nuove lettere e comunicazioni.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Francesco UccelloDove ha imparato?

Sul campo, con l’esperienza e dagli errori. L’uomo impara ad essere papà col tempo, mentre per le mamme è più facile e immediato perché c’è la parte istintuale che facilita il compito, senza dimenticare la pletora di mamme, nonne, zie, amiche, cugine che hanno già avuto figli e si trasmettono questi saperi e consigli di saggezza millenaria. In Inghilterra ci sono i corsi post-parto, le ostetriche vengono a casa a controllare che tutto vada bene, che la mamma sappia allattare bene il bimbo, un’eccellente risposta di welfare. Qui in Italia non c’è questa prassi che in realtà sarebbe molto utile. Per il papà, poi, è ancora diverso. All’inizio arriva questo bambino che è quasi un competitor perché assorbe tutte le energie e le attenzioni di tua moglie, per la quale non esisti praticamente più. Per fortuna ho lavorato per 15 anni in campo educativo e quando ho avviato il blog ho ripensato tutte le mie attività anche in quella chiave.

 

Insomma, racconta gioie e dolori di una vita normale: sempre più spesso sentiamo dalla cronaca notizie tremende di tragedie in famiglia…

Beh, i figli ti mettono a dura prova con capricci o richieste assurde, a tutte le ore, per non parlare dello stress del lavoro o dei normali contrasti con tua moglie per lo stile educativo. I figli catalizzano tutto ciò che succede intorno. Ma è una vita normale, per fortuna, in cui ci si arrabbia per evitare di tenere sempre tutto dentro, si può piangere, ci si inventa qualcosa per ravvivare la routine di tutti i giorni. Insomma, le emozioni ci sono tutte in una vita normale per fortuna per metterle sul tavolo della vita, quelle belle e quelle brutte, purché in un “normale” canale. E va bene così.

 

Che cosa dicono i bambini mentre è al computer a scrivere?

Diciamo che sono abituati a vedermi lavorare da casa e scrivere al computer. Ormai non ci fanno più caso. Il piccolo, solo una volta, ha esclamato che da grande vorrebbe fare il lavoro di papà e scrivere. Vedremo se ciò dovesse accadere. In ogni caso cerco di dare loro stimoli positivi argomenti come il senso di responsabilità, la paghetta, e quei “no” che aiutano a crescere.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.