Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

“La bocca delle carpe”, illuminanti conversazioni con Amélie Nothomb

“La bocca delle carpe”, illuminanti conversazioni con Amélie NothombScriveva J.D. Salinger nel terzo capitolo de Il giovane Holden: «Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere e tutto quel che segue vorresti che l'autore fosse tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira». Immaginate che uno dei vostri libri preferiti sia stato scritto da Amélie Nothomb. Immaginate di essere lo scrittore e artista visivo Michel Robert, caro amico della scrittrice. Immaginate di avere quindi il suo numero di telefono e di chiamarla, d’incontrarla, di bere un caffè con lei. Ciò che ne risulterebbe è esattamente il volume pubblicato in Italia nel giugno 2019 da Volandnella traduzione di Sara Manuela Cacioppo, ovvero La bocca delle carpe.

Come anticipa il sottotitolo, si tratta di una serie di conversazioni con l’autrice: un serrato botta e risposta che non necessariamente segue un filo logico e che – fattore determinante per valutare la qualità dell’intervista – è privo di retorica, di luoghi comuni e di risposte preconfezionate. Dopotutto, conoscendo il carattere eccentrico dell’intellettuale belga sarebbe stato strano il contrario. In questo modo quantomeno non stupisce avere conferma della sua attrazione per l’orrido inteso come mezzo attraverso il quale pensare al bello, o scoprire che con la sorella maggiore Juliette ha da sempre un legame quasi simbiotico.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Un elemento ancora più interessante del breve ma densissimo volume in questione è costituito dalla naturalezza con cui Nothomb parla del proprio talento. Non se ne fa un vanto, non nomina i suoi romanzi come se fossero dei trofei da esibire e ha nei confronti della lingua francese, della cultura e della creatività artistica un rispetto profondo, a tratti reverenziale. D’altro canto, non ostenta neppure una falsa modestia che stonerebbe con la sua schiettezza congenita: accetta con serenità le contraddizioni dell’esistenza, il suo genio letterario e i suoi fallimenti in altri ambiti della vita, rivelando con un candore quasi inconsapevole il suo punto di vista sugli argomenti più disparati.

“La bocca delle carpe”, illuminanti conversazioni con Amélie Nothomb

Il titolo della pubblicazione, per esempio, prende spunto da un episodio risalente a un pomeriggio in cui l’autrice, a soli quattro anni, nel vedere una carpa aprire la bocca in un laghetto artificiale ne rimase turbata a tal punto da gettare la testa in acqua e rischiare di morire soffocata. Temi inquietanti si alternano tuttavia al suo debole per i cappelli o ai suoi esperimenti culinari, ai riti quotidiani meticolosi e alla riservatezza sull’esistenza di Dio e sulla natura delle sue relazioni amorose. Ricordi d’infanzia e dittature politiche convivono con elegante equilibrio grazie alle fila ben gestite da Robert, che senza mai diventare una figura troppo presente riesce in ogni caso a conferire al dialogo la spontaneità e la credibilità di cui ha bisogno per risultare autentico e gustoso.

“La bocca delle carpe”, illuminanti conversazioni con Amélie Nothomb

Con la medesima naturalezza affiorano fra un rigo e l’altro delle verità incredibili sulla nostra maniera di stare al mondo, sul rapporto fra l’Europa e il Giappone o sul ruolo degli intellettuali nella collettività. A proposito di questi ultimi, nello specifico, dichiara: «Non dico che, puntualmente, non si battano per cause giuste, ma per quanto riguarda l’evoluzione della società… Certo, abbiamo il diritto, se non il dovere dell’indignazione, ma il modo in cui gli intellettuali lo hanno espresso mi è sembrato comunque inefficace», salvo poi soffermarsi sulla sua avversione per il numero 2 e sull’adorazione per il 4.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Da un tale quadro solo a prima vista frammentario emerge, quindi, la figura di una donna carismatica, con una spiccata intelligenza emotiva e priva di vanità, per quanto incline ai piccoli e grandi piaceri della vita. Il modo in cui Robert ne riporta le considerazioni è, peraltro, straordinariamente affine allo stile utilizzato dalla scrittrice nei propri testi narrativi, quasi che la sua penna sia un riflesso sincero della sua lingua. Di conseguenza, se si apprezzano le storie di Amélie Nothomb, La bocca delle carpe è una chicca imperdibile; se non le si apprezza o non le si conosce ancora, poco male. Come sostiene l’autrice stessa, «è possibile non amare i miei libri e andare perfettamente d’accordo con me»: provare per credere.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.