Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di scrittura creativa

“La bicicletta volante” di Fabio Giallombardo

Fabio Giallombardo, La bicicletta volanteLa bicicletta volante è il primo romanzo di Fabio Giallombardo, uscito per Autodafé Edizioni, piccola ma agguerrita casa editrice di Milano, nel marzo 2014. Giallombardo, classe 1973, padovano di nascita e palermitano “di adozione”, e forse anche per vocazione, ha vissuto nel capoluogo siciliano la propria infanzia e parte della giovinezza, muovendosi nell’ambito del volontariato e in particolare tra il Capo, la Kalsa e Ballarò, espressioni massime della cultura e della storia palermitana, antica e recente.

La storia che questo agile romanzo racconta è fatta di più racconti, uno dentro l’altro, tenuti assieme da una narrazione più grande, quella della storia d’Italia nel Novecento; nello specifico, storia italiana che parte dalla storia della città di Palermo, nei primi anni Novanta, con le sue pieghe e contraddizioni, fra degrado e alta società, strade polverose e interni di lusso. Nel Prologo, un procuratore, Ettore Toselli, riceve da uno sconosciuto, tale Giovanni Paolo Fava, un plico che contiene un manoscritto redatto su un Moleskine da un noto cardiochirurgo, Gaspare Traina, e una lettera, vergata dallo stesso e indirizzata, così come il manoscritto, al figlio Salvatore, pochi giorni dopo la morte prematura del giovane. Il procuratore Toselli inizia la lettura, e noi lettori, con lui, scopriamo, pezzo dopo pezzo, il “diario segreto”, che diventa “diario in pubblico”, di Gaspare, a cominciare dall’arresto di suo padre, Achille Traina, stimato medico, accusato, a seguito di alcune dichiarazioni di un pentito, Ignazio La Rosa, di essere “il medico della mafia”.

Il romanzo di Fabio Giallombardo si alimenta così del fiume di ricordi di Gaspare Traina, che delinea la propria complessa storia familiare, intrecciata a quella della altrettanto nota famiglia La Rosa. Da un lato, un esempio quasi paradigmatico di alta e ricca borghesia, strutturata secondo un preciso codice di onestà, onorabilità, rispetto della stratificazione sociale; dall’altro un codice altrettanto rigido, ma dalla parte opposta di una linea di demarcazione molto più sottile di quanto si possa immaginare. Come ci dice il narratore, «quel confine che io non volevo guardare, per non scoprirlo molto più vicino a noi di quanto non volessi far credere a me stesso».

Con La bicicletta volante siamo di fronte, perciò, a un testo complicato nel senso etimologico del termine, più che complesso, in cui diversi personaggi sembrano reclamare, a turno, la voce e il palco, per dire la propria in un affresco esteso, anche se, come detto, svolto dal suo autore con una certa rapidità. La lingua utilizzata da Fabio Giallombardo è intimamente segnata da una dualità, che a tratti sfocia in contraddizione; a noi, nel complesso, non è dispiaciuta, tuttavia potrebbe costituire per taluni lettori un elemento di relativa criticità. 

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Fabio GiallombardoLa fondamentale alternanza di due “voci”, una più elevata secondo una prospettiva diastratica, e una decisamente più modesta per collocazione sociale, non corrisponde sempre a una sensibile variazione di registro. Ed è in questo modo che i ricordi di un uomo colto e ricco trovano realizzazione in una performance linguistica che è molto simile pure quando deve parlare (o, almeno in un caso, addirittura, far parlare direttamente) di degrado, prostituzione, affari illeciti e regole del malaffare. Di certo, anche stando solo all’aggettivazione, non si può dire che non si “senta” la prima professione dell’autore, insegnante in un liceo classico.

In ordine allo stile, per i motivi già esposti, preferiamo i luoghi testuali nei quali la fa da padrone un lessico marcato in senso regionalistico, con l’utilizzo di calchi, quando non di veri e propri prestiti, dal siciliano. Per i non palermitani, un breve dizionario in appendice può sollevare da qualche imbarazzo.

Nel complesso, dunque, è un buon romanzo, questo La bicicletta volante di Fabio Giallombardo. Interessante nella costruzione, ben scritto (anche troppo, potrebbe dire qualcuno), è un testo lucido nel mettere a fuoco la tragedia della storia italiana: essere espressione di un mai inveterato equilibrismo.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (12 voti)
Tag:

Commenti

Un libro che incanta e sembra chiederti di esaurirne la lettura in massimo un paio di giorni. Consigliato al siciliano che prova sdegno per la fatiscente alterigia della propria terra senza tuttavia riuscire ad osservarne le proterve anomalie con assoluto distacco. Consigliato a chi non ha ancora aperto gli occhi di fronte a tale incessante decadenza. Consigliato a chi da lontano guarda quell'isola quasi geometricamente triangolare come unico marasma di un'atavica e indissolubile fusione fra mafia e politica, per rendersi invece conto che quel luogo costituisce solo un epicentro geofisico e culturale dal quale, nella fattispecie, anche i personaggi del romanzo cercano spesso invano di fuggire, ma ritrovano ineluttabilmente sotto altre forme. Ho riso, ma anche pianto nella seconda parte; il resto delle riflessioni lo serbo dentro di me in un vortice inarrestabile.

Ho letto il romanzo d'un fiato, in ventiquattro ore, la storia è di straordinaria intensità. Il personaggio di Rosalia La Rosa mi ha commosso, l'autore è riuscito ad imitare il linguaggio più basso, dandogli un tocco di sublime tragicità e mescolandolo ad un registro alto e colto. Non so cosa sia vero della storia che questo libro narra, ma mi sembra di conoscere i personaggi ad uno ad uno. La visione della mafia che emerge è spaventosa, ma fedele alla relatà. Il romanzo trasuda amore per la Sicilia da ogni rigo, ma non risparmia critiche molto dure a quella terra. Da leggere, da vivere. Consigliatissimo.

Un libro da leggere e meditare....coraggioso e sconvolgente per l'argomento trattato.
L'autore ha saputo analizzare bene le varie situazioni dei singoli personaggi.
Bravo Fabio...!!!!

Romanzo di sangue e di cuore, che strappa la pelle

Ottimo il contenuto e la particolare attenzione dedicata ai dettagli di questo romanzo sviluppato su una base veritiera.Consigliata la lettura anche ai duri cuore.

In effetti, l'ambivalenza tra amore per la Sicilia e constatazione delle storture che insistono su quella terra (dalla quale provengo anche io che ho recensito il romanzo di Giallombardo) mi sembra l'elemento di maggior rilievo, nonché quello che più si presta a persistere nella memoria del lettore.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.