In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

La bellissima lettera di ammirazione di Charles Dickens a George Eliot

La bellissima lettera di ammirazione di Charles Dickens a George EliotÈ ormai risaputo che per evitare i biasimi della società sua contemporanea, Mary Ann Evans si dedicò alla scrittura con lo pseudonimo di George Eliot, col quale è diventata una delle autrici più importanti della storia della letteratura. La sua prima occasione si presentò, nel 1857 quando aveva 37 anni, con la pubblicazione di Le tristi avventure del reverendo Amos Barton, il primo libro delle sue Scene della vita clericale, sul «Blackwood’s Magazine» per poi pubblicarlo in volume l’anno successivo. Eliot si assicurò che finisse nelle mani delle persone giuste, e infatti nella prima settimana del 1858 ne spedì copie a Dickens, Thackeray, Faraday, Ruskin, Tennyson e Carlyle. Il libro incontrò un certo successo, tutte le 1500 copie furono vendute e i primi recensori lodarono l’autore per la «sua conoscenza del cuore umano». Secondo alcune voci, l’opera si sarebbe dovuta attribuire a Joseph Liggins, che cercò di negare, salvo poi doversi rassegnare ad accettare l’immeritata celebrità.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

La testimonianza più viva del talento di Eliot è presente in una lettera scritta da Charles Dickens (che riprenderiamo al sito BrainPickings) che la inviò all’editore di Eliot prima che la sua identità fosse svelata.

Sebbene la lettera cominci con «Caro Signore», Dickens, che Eliot aveva già incontrato nel 1852 e si era detta «delusa per la mancanza di benevolenza nel suo viso e io penso che ce ne sia poca anche nel cuore», puntualizza la sua intuizione che, nonostante le voci sempre più diffuse, l’autore fosse in realtà una donna.

 

LEGGI ANCHE – 8 cose che (forse) non sai su “Canto di Natale” di Charles Dickens

 

18 gennaio 1858, Londra

Mio caro signore,

Sono stato così fortemente colpito dai primi due racconti nel libro che avete avuto la gentilezza di inviarmi tramite i signori Blackwood, che spero mi scuserete se vi sto scrivendo per esprimere la mia ammirazione per il loro straordinario merito. Non ho mai visto nulla di simile alla squisita verità e delicatezza, sia dell’umorismo sia del pathos, di queste storie; e mi hanno impressionato in una maniera tale che mi è molto difficile descrivervelo, sempre che io avessi l’impertinenza di provare a farlo.

 

LEGGI ANCHE – Come affrontare la perdita del marito. I consigli di Charles Dickens

 

Nel rivolgere queste poche parole di gratitudine al creatore delle tristi fortune di Mr. Amos Barton e alla triste storia d’amore di Mr. Gilfin, sono (o almeno presumo) costretto ad usare il nome che questo eccellente scrittore ha avuto piacere di adottare. Non posso suggerirne uno migliore, ma avrei dovuto essere fortemente disposto a rivolgermi al detto scrittore come a una donna, se avessi potuto fare di testa mia. Ho osservato infatti quelli che mi sembrano essere dei tocchi femminili in questi commoventi racconti che, persino adesso, l’assicurazione sulla copertina non è sufficiente. Se fossero originati senza l’intervento di nessuna donna, credo che nessun uomo prima abbia avuto l’arte di farsi così simile a una donna, almeno mentalmente, da quando il mondo ha avuto inizio.

 

LEGGI ANCHE – Ecco come finì l’amicizia tra Charles Dickens e Hans Christian Andersen

 

Non pensate che io abbia il desiderio volgare di afferrare il vostro segreto. Menziono quest’aspetto come uno di grande interesse per me, non per mera curiosità. Se dovesse mai essere in linea con la vostra convenienza e inclinazione farmi vedere il volto dell’uomo o della donna che ha scritto in modo così affascinante, sarebbe un’occasione davvero memorabile per me. Altrimenti, manterrò intatto il mio attaccamento amoroso e il mio rispetto per questo impalpabile personaggio e mi arrenderò a tutte le future dichiarazioni che provengono dalla stessa fonte, con una fiducia perfetta nel fatto che mi renderanno più saggio e migliore.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Il vostro obbligato e fedele Servo, e ammiratore.

CHARLES DICKENS.

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.