Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

L’ultimo racconto scritto da Virginia Woolf

L’ultimo racconto scritto da Virginia WoolfSono quarantacinque i racconti scritti da Virginia Woolf nell’arco della sua vita e in gran parte pubblicati postumi.

Oggi giungono in Italia per la prima volta in un unico volume, Lunedì o martedì, edito da Bompiani, e a opera di un solo traduttore: Mario Fortunato, che già si era cimentato con la traduzione di Mohamed Choukri, Patrick White ed Evelyn Waugh e autore dei recenti Le voci di Berlino, Tre giorni a Parigi e Noi tre, tutti editi da Bompiani.

Qui di seguito vi riportiamo, su gentile concessione dell’editore, l’ultimo racconto di Virginia Woolf, scritto a poco meno di un mese dalla sua morte, il 28 marzo 1941.

 

LEGGI ANCHE – I consigli di Virginia Woolf a un giovane poeta

 

La stazione balneare

 

Come tutte le piccole città di mare, era pervasa dall’odore di pesce. I negozi di souvenir erano pieni di conchiglie lucidate, dure e fragili al tempo stesso. Perfino la gente del luogo aveva un aspetto da conchiglia – un aspetto fatuo, come se l’animaletto che vi si annida fosse stato estratto dalla punta di uno spillo, lasciando soltanto il guscio esterno. I vecchi sul lungomare erano conchiglie. Le loro ghette, i calzoni da fantino, i loro binocoli parevano trasformarli in souvenir. Non potevano essere stati veri marinai o veri cavallerizzi più di quanto le conchiglie incollate sulle cornici dei portaritratti e degli specchi fossero state di casa nelle profondità marine. Anche le donne, con i loro pantaloni, le scarpe con i tacchi a spillo, le borse di raffia e le collane di perle, sembravano gusci di donne vere, che la mattina escono per fare la spesa.

 

LEGGI ANCHE – Un documento straordinario: l’unica registrazione della voce di Virginia Woolf

 

All’una in punto, questa fragile, lucida popolazione di crostacei si radunava al ristorante. Il ristorante aveva un odore di pesce, l’odore di un peschereccio che abbia tirato su le reti colme di sardine e aringhe. Il consumo di pesce in quella sala da pranzo doveva essere enorme. L’odore pervadeva perfino il locale sul mezzanino alla cui porta era scritto “Donne”. Solo una porta divideva il locale in due scompartimenti. Da un lato della porta, venivano soddisfatti i bisogni della natura; dall’altro, davanti al lavabo e allo specchio, la natura era sottoposta alla disciplina dell’arte.

L’ultimo racconto scritto da Virginia Woolf

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Tre giovani donne si trovavano in questa seconda fase del rituale quotidiano. Stavano esercitando il diritto a migliorare la natura, sottomettendola con i loro piumini da cipria e con piccoli dischetti rossi. Mentre lo facevano, chiacchieravano; ma le chiacchiere vennero interrotte come dal sorgere di una marea montante; quando la marea si ritirò, si udì che una di loro stava dicendo:

“A me lei non è mai piaciuta – quella smorfiosa… E a Bert non sono mai piaciute le donnone… Lo avete visto da quando è tornato? Con quegli occhi… così azzurri… Come due laghi… Anche Gert… Hanno gli stessi occhi, tutti e due… Ci puoi guardare dentro… Hanno pure gli stessi denti… Lui ha dei bellissimi denti bianchi… E anche Gert… Però i suoi sono un po’ storti… quando sorride…”

L’ultimo racconto scritto da Virginia Woolf

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Uno scroscio d’acqua. La marea spumeggiò, ritirandosi. Subito dopo si poté udire: “Ma dovrebbe stare più attento. Se lo beccano, rischia la corte marziale…” A questo punto, un altro scroscio d’acqua venne dallo scompartimento attiguo. La marea, alla stazione balneare, sembra avanzare e ritirarsi di continuo. Lascia scoperti questi pesciolini; poi li inonda. Un’altra volta si ritira, ed eccoli di nuovo, con quell’intenso e strano odore che sembra permeare il luogo intero. Ma di sera la piccola città appare piuttosto eterea. C’è un chiarore bianco all’orizzonte. Per le strade, orecchini e crinoline. La città affonda giù nell’acqua. E solo lo scheletro spicca nel cerchio fatato dei lampioni.


Copyright: 2017 Giunti Editore S.p.A. / BOMPIANI

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.