Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

L’omosessualità nella letteratura italiana del Novecento

L’omosessualità nella letteratura italiana del NovecentoFrancesco Gnerre è cresciuto in una piccola comunità nella quale «l'omosessualità semplicemente non esisteva», ovvero ci si riferiva a essa solo attraverso «qualche vago accenno offensivo e denigratorio».

L'offesa che vuol diventare “semplice” presa in giro nella certezza che se la comunità e la Chiesa la pensano allo stesso modo allora si è per forza dalla parte giusta. Ed è il diverso, l'altro che proprio in quanto tale “deve” aspettarsi un simile trattamento.

Il problema è che questa mentalità non riguarda solo le piccole comunità del Sud Italia e non riguarda solo l'epoca della giovinezza dell'autore.

Gnerre, giovane adolescente alle prese con i primi innamoramenti, non trovando nella sua comunità punti di riferimento, prova a cercarli nei libri. Così scavando, spulciando, leggendo trova ciò che cercava ma non la risposta a tante, troppe domande. Perché questi amori vivono clandestini? Perché sono circondati da un alone di peccaminoso?

La lotta all'omofobia è ancora agli inizi ma l'autore ha sempre trovato conforto nel leggere «certi libri», un aiuto per difendersi «dalle offese della vita».

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Nel nostro Paese il lungo e difficile cammino verso «la legittimazione di comportamenti di tipo omosessuale» è stato molto più lento che altrove e «non può dirsi ancora del tutto compiuto». La posizione rigida della Chiesa cattolica certamente ha contribuito e, per certi versi, complicato il tutto. L'atteggiamento del fascismo che ha sempre «propagandato una virilità eterosessuale» è noto a tutti e l'inclinazione al confino è proseguita anche oltre il regime. Ma la loro parte l'hanno fatta pure i comunisti, almeno fino agli anni Settanta, i quali hanno considerato l'omosessualità una «degenerazione borghese». E ancora oggi di certo non basta l'approvazione di una legge che legittima le unioni civili tra persone dello stesso sesso «per rimuovere gli strati di menzogna e le zone di silenzio che hanno accompagnato per secoli ogni comportamento legato all'omosessualità».

L’omosessualità nella letteratura italiana del Novecento

La letteratura raramente ha altresì osato rappresentare amori omosessuali, e quando qualche scrittore lo ha fatto «ha dovuto farei i conti con enormi e spesso insormontabili problemi di censura o di autocensura», o con un indifferente silenzio, caratteristica persino della critica letteraria, «spesso più oltraggioso della stessa condanna».

 

LEGGI ANCHE - Rolandina, la transgender condannata al rogo. Intervista a Marco Salvador

 

Un libro, L'eroe negato. Omosessualità e letteratura nel Novecento italiano (Rogas edizioni) di Francesco Gnerre, una sorta di canovaccio che l'autore modifica e accresce di pari passo alle esperienze di vita e alle letture e ricerche effettuate, che mai si sono arrestate da quando era ancora solo un ragazzo. Pubblicato prima nel 1981, poi nel 2000 con Baldini Castoldi e nel 2018 con Rogas Edizioni, il suo testo non vuole assolutamente essere o diventare un catalogo degli autori omosessuali del Novecento italiano, piuttosto una sorta di enciclopedia, di approfondimento sul tema dell'omosessualità nella letteratura del '900, studiata attraverso gli autori e le loro opere. Che può rappresentare anche una base di partenza e di conoscenza per meglio apprendere l'evoluzione e le caratteristiche della produzione letteraria del nuovo Millennio che affronta il medesimo tema.

L’omosessualità nella letteratura italiana del Novecento

Se, infatti, dal punto di vista sociale e civico l'Italia è sempre stata e lo è tuttora indietro rispetto ad altre nazioni, a livello di rappresentazione letteraria «c'è stata una vera e propria rottura col passato, il clima è totalmente mutato».

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

La letteratura che ha testimoniato e accompagnato la trasformazione sociale e culturale dell'ultimo secolo, «dalla paura dell'omosessualità a una sua sostanziale accettazione», pone oggi nuove domande. Continuando a mettere in discussione norme e valori codificati e a «sperimentare, attraverso la scrittura, nuovi modi di vivere i rapporti umani».


Per la prima foto, copyright: Jordan McDonald.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.