14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

"L'ombra di Pietra", torna la rabdomante genovese di Lorenzo Beccati

"L'ombra di Pietra", torna la rabdomante genovese di Lorenzo BeccatiEsce per DeA Planeta L'ombra di Pietra, un nuovo romanzo di Lorenzo Beccati, autore di programmi televisivi, tra i fondatori di Striscia la notizia (sua è la celebre voce del Gabibbo, oltre ad alcuni tormentoni ricorrenti in Paperissima) che da diversi anni affianca all'attività per il piccolo schermo quella di scrittore di thriller a sfondo storico.

Questo nuovo romanzo riprende le vicende di un personaggio che aveva esordito qualche anno fa in Pietra è il mio nome (Nord, 2014): si tratta di una donna molto particolare, che vive nella Genova del 1606. 

Pietra è nota come rabdomante, ma in realtà i suoi presunti poteri sono solo frutto di una grande intelligenza e di un forte spirito d'osservazione, doti che le permettono di comprendere e risolvere fatti in apparenza oscuri. È per questo che il Doge della città la incarica segretamente d'indagare sulla misteriosa scomparsa del celebre pittore fiammingo Peter Paul Rubens, ospite di una delle famiglie più potenti di Genova, riguardo alla quale gli sbirri comandati dal Bargello non riescono a trovare neppure un indizio.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Negli stessi giorni, però, una misteriosa e terrificante figura che si copre il volto con una maschera da rapace compie degli omicidi in città, strangolando le sue vittime con un particolare tipo di cappio. C'è il timore che Rubens possa essere stato ucciso a sua volta, anche se nessuno riesce a collegare tra loro le vittime del misterioso assassino, la cui scoperta arriverà solo dopo molti colpi di scena e amare scoperte.

Abbiamo posto qualche domanda a Lorenzo Beccati prima della presentazione milanese di L'ombra di Pietra che si è tenuta qualche giorno fa alla libreria Lirus con Paolo Roversi.

"L'ombra di Pietra", torna la rabdomante genovese di Lorenzo Beccati

Com'è nato il personaggio di Pietra, e com'è stato tornare a parlare di lei dopo qualche anno?

Tutto è nato dalla lettura di un vecchio libro di rabdomanzia, in cui si diceva che praticamente le donne non potevano fare le rabdomanti perché le bacchette si ribellavano alle mani femminili, in quanto volevano essere dominate da un maschio: così le poche donne rabdomanti dovevano interpretare i segni della bacchetta al contrario.

Mi sono incuriosito e ho creato questo personaggio, che poi, come succede quasi sempre, è andato per conto suo. Ci sono giorni in cui non ho la più pallida idea di quello che scriverò il giorno dopo, perché ho una scaletta di massima, ma poi lascio andare i personaggi, seguo la loro evoluzione. Vi assicuro che a volte le storie cambiano, entrano in scena altri personaggi che mi fanno deviare, oppure mi fanno pensare che la mia prima idea fosse debole.

Scrivere un secondo libro mi sembrava naturale, perché Genova è piena di misteri da raccontare. Pietra come personaggio si è evoluta, soprattutto perché ha sei anni di più, è una donna più matura, più intelligente e deduttiva.

 

Perché è partito da un famoso quadro di Rubens, che ha un ruolo fondamentale nel romanzo?

Mi incuriosiva il fatto che da questo quadro famoso manchino due strisce, una in basso e una sul lato sinistro, presenti in tutti i numerosi disegni preparatori. Perché mancavano proprio quelle due parti, eliminando le quali cambia completamente l'ambientazione del ritratto? Come appare oggi il ritratto è ambientato in un interno, mentre nelle parti mancanti c'era un paesaggio.

Non si è mai saputo la ragione di questi due tagli, per cui nel libro ho proposto una mia soluzione.

"L'ombra di Pietra", torna la rabdomante genovese di Lorenzo Beccati

Perché lei che lavora in televisione, immerso nel presente, ha scelto di scrivere romanzi storici?

La storia a Genova la vedi ogni giorno. Io,che ci sono nato e cresciuto, posso dire che quando cammini nei "carugi" ti rendi conto che sono sempre gli stessi, sono uguali a quand'ero bambino ma anche a come dovevano essere secoli fa: luci, odori, profumi.

Da trent'anni lavoro tutti i giorni a Striscia la notizia, immerso nel presente, ma credo che questo presente derivi sempre dal passato, che ci sia un filo conduttore a spiegare perché certe cose accadono oggi in un certo modo.

Ho cercato di scrivere con un ritmo veloce, con colpi di scena e capovolgimenti di fronte come nei gialli contemporanei, ma al tempo stesso d'inserire tanti piccoli dettagli e notizie che possono interessare il lettore.

 

Anni fa ci aveva raccontato di voler scrivere di un rabdomante, e infatti poi ha raccontato la storia di Pietra. Aveva già in mente di creare un personaggio femminile? Ed è stato difficile da scrittore pensare come una donna?

In principio il personaggio era un uomo. I rabdomanti un tempo non cercavano solo l'acqua, ma anche persone smarrite, cadaveri, addirittura coglievano le vibrazioni negative nelle case. Erano temuti perché si pensava che il loro potere venisse dal demonio e molti di loro sono anche stati bruciati. Poi ho letto quel libro di cui parlavo prima e ho trovato più interessante farne un personaggio femminile: il fatto di entrare nella sua testa e nei suoi sentimenti non è stato facile, lo ammetto, ma ho cercato di documentarmi.

Del resto, in famiglia sono circondato da donne e ho preso spunto anche da loro, mami sono sforzato davvero molto di entrare nella psicologia di Pietra.

Scrivere questo secondo libro mi è stato senz'altro più facile rispetto al primo. Tra questi due romanzi ne ho anche scritto un altro, Aenigma (Nord, 2016), che ha a sua volta una protagonista femminile.

"L'ombra di Pietra", torna la rabdomante genovese di Lorenzo Beccati

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Qual è invece la difficoltà, per un autore di romanzi storici, nel momento in cui si deve calare nella psicologia di personaggi che vivono  in epoche passate?

Si cerca di entrare nell'atmosfera del passato leggendo. Io sono un assiduo frequentatore dell'Archivio di Stato, ho letto moltissimi documenti del Seicento, ed essendo genovese, quindi parsimonioso, ormai resto in quell'epoca, di cui presumo di sapere quasi tutto: quello che non finisce in un libro verrà buono per il successivo.

La parte più difficile sta senz'altro nel ricordarsi cosa esistesse già e cosa no, oppure a che punto fosse la medicina, che rimedi si usassero per curare le malattie, come trattassero gli animali…

 

Cosa legge per svago?

Sono onnivoro, ho una biblioteca di circa quarantamila libri, che non so più dove mettere, e mi piace leggere veramente di tutto.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.