Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

L’Olocausto raccontato dagli ologrammi

New Dimensions in TestimonyLa memoria è importante. Soprattutto la memoria storica. Perché? Almeno per capire che il progresso temporale, il mero svolgersi della cronologia del mondo, spesso non corrisponde a istanze di un progresso “culturale” in senso ampio.

 

Ricordare cosa è stato l’Olocausto, anche se appare più proprio dire Shoah, è importante. Questa è l’idea alla base del progetto New Dimensions in Testimony, promosso dalla collaborazione tra USC Shoah Foundation e USC Institute for Creative Technologies: rendere eterna, attraverso la presentazione di "ologrammi interattivi", la testimonianza di molti sopravvissuti a quella “soluzione finale della questione ebraica”, follia tra le molte che hanno punteggiato, per non dire caratterizzato, l’intera storia dell’umanità.

 

Come? Registrando le testimonianze e facendone degli avatar olografici. In breve: il testimone viene intervistato e l’intervista viene registrata utilizzando la Light Stage Technology, che permette di ottenere una riproduzione fedele dell’intervistato, osservabile da molte angolazioni.

 

Un’ulteriore sfida è rappresentata dalla possibilità di interagire direttamente con l’ologramma, ponendo delle domande; non è come una testimonianza “di prima mano”, certo, ma se pensiamo a un tempo più lontano, ci rendiamo conto di quanto uno strumento del genere potrà essere prezioso, a livello didattico, e non solo.

 

In qualche modo sembra di rileggere, seppur al contrario, il racconto di Isaac Asimov Chissà come si divertivano, del 1951. Chissà come si divertiranno.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.