In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

Corso online di Editing

L’oblio nell’animo e negli abissi. “Sommersione” di Sandro Frizziero

L’oblio nell’animo e negli abissi. “Sommersione” di Sandro FrizzieroDifficile fare ordine tra i sentimenti che un libro come Sommersione (Fazi editore) suscita. È un romanzo che risulta convincente e drastico, vero e arido, come arido è l’animo del vecchio pescatore a cui Sandro Frizziero si rivolge direttamente, usando la seconda persona. Un animo scuro che si riflette nel buio degli abissi del suo conosciuto mare, in cerca di un oblio che gli potrebbe permettere di dimenticare un arcano senso di colpa.

Pescatore e abitante di un’isoletta non meglio definita nell’Adriatico, il nostro “innominato” passa le giornate immerso nella sua misera vecchiaia, nei ricordi della gioventù e delle persone conosciute e nel gioco di mentali maldicenze e malumori continui. Con la scelta dell’uso della seconda persona singolare sembra che Sandro Frizziero voglia parlare direttamente al protagonista, ricordargli tutti i misfatti e la pochezza dei suoi pensieri, sbatterglieli in faccia e ridestarlo. Durante la narrazione, però, gradualmente questo grido diventa solo un sordo rimprovero inascoltato. Allo stesso tempo è proprio la voce narrante a entrare negli angoli più ombrosi della mente del protagonista, nelle sue giustificazioni assurde rispetto alle azioni riprovevoli compiute. Si arriva via via a scavare in un terreno arido, quasi che narratore e protagonista diventino a tratti la stessa persona, in uno scambio probabilmente voluto tra scrittore-narratore-personaggio-lettore che ci invita a esplorare anche la nostra, di mente, e riconoscere anche le nostre, di pochezze.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

La narrazione diventa dunque la messa in scena dei pensieri e dei ricordi del vecchio pescatore, che passa in rassegna eventi e persone nella sua mente, mostrandoci uno spaccato alquanto inquietante della vita nell’isola. Veniamo così a conoscenza di quanto misogino e fondamentalmente misantropo sia il pescatore, di quanto egli abbia usato violenza sulle donne in vari modi, fisici e psicologici, di come le abbia disprezzate. Sono molte le donne menzionate e descritte, da sua moglie Cinzia, picchiata e sfruttata, denigrata anche in punto di morte, a sua figlia Simonetta, considerata una noncurante approfittatrice. Dalle compaesane odiate alle prostitute umiliate. Non sono solo le donne, però, oggetti dell’odio del nostro protagonista, ma fondamentalmente tutti: giovani e vecchi, religiosi e laici, uomini, animali e piante. Insomma, egli odia il mondo intero, niente e nessuno esclusi.

L’oblio nell’animo e negli abissi. “Sommersione” di Sandro Frizziero

È la rappresentazione dell’odio stesso come un sentimento unitario, che non può conoscere differenze o differenziazioni. Un odio atavico, universale. Una prigione degli istinti più bassi e immondi, un vero e proprio inferno. Il lettore si ritrova ad aspettare un cambio di prospettiva, un’apertura di luce, una possibilità di cambiamento. Cerchiamo speranzosi nel nostro cuore quel sentimento di pietà che vogliamo trovare, eppure non possiamo. Pagina dopo pagina realizziamo che questo vecchio pescatore non ha speranze, che questo personaggio è di una staticità spaventosa, e che non c’è e non ci sarà alcuna prospettiva. E la paradossalità di questa sensazione è che, seppur dura e fastidiosa, risulta credibilissima. Anzi, è forse proprio questo che infine ci convince e ci fa apprezzare il romanzo e il suo scrittore: la decisione tenace di raccontarci una verità nera, ovvero di affrescare l’animo di qualcuno che non possiamo apprezzare in quanto recidivo e intrappolato nelle sue più buie convinzioni.

L’oblio nell’animo e negli abissi. “Sommersione” di Sandro Frizziero

Il nostro protagonista, così come gli altri abitanti dell’isola, non può fare altro che aspettare di morire, osservando le lancette di un tempo che non passa mai. Non sappiamo nulla più di questo, eppure ci basta per realizzare quanto profondo sia l’abisso del suo cuore, dove incastonato resta un unico vero richiamo di umanità: uno strano senso di colpa che però, ahimè, non risulta sufficiente a farci empatizzare con lui in alcun modo, anche se lo vorremmo fortemente. La speranza espressa da Sandro Frizziero rispetto al lasciare aperta la possibilità di trovare un po’ di compassione, di bene, non viene attesa. Il senso di colpa del pescatore, così vago e sbiadito, quasi incerto, non basta a giustificarlo in nessun modo. Nondimeno, il punto di forza di Sommersione è proprio questo senso di rammarico generatosi nel lettore. Il fatto che, inaspettatamente, non ci sia nessun risvolto positivo, non avvenga ciò che speriamo.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Seppur amaro, questo non trovare le nostre aspettative soddisfatte conferisce un’originalità al romanzo e un merito al suo scrittore che non ci accontenta, ma resta fedele al vero. Un libro di qualità, che mostra le oscurità più profonde di un animo e l’odio che avvolge tutto e tutti, dall’uomo alla natura intera, sommergendo ogni speranza e facendola sprofondare negli abissi dell’oblio.


Per la prima foto, copyright: Jacek Dylag su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.