Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

L'Italia è omofobica

L'Italia_è_omofobicaL'Italia è omofobica e pare non abbia nessuna voglia di cambiare. Lo dicono gli episodi di cronaca, lo dicono i sondaggi, lo dice anche la politica. A pochi giorni dalla Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia, in programma per il prossimo 17 maggio, il nostro Paese per molti versi sembra fermo al Medioevo.

Lo dice la cronaca, che l'Italia è omofobica. Risatine, sbeffeggiamenti e ironie sono all'ordine del giorno, ma spesso lasciano il campo a vere e proprie aggressioni, verbali o fisiche. Episodi “normali”, purtroppo, in tante scuole, per le strade e spesso anche nei luoghi di lavoro. Guardando i titoli degli ultimi 30 giorni sui soli giornali online si trovano notizie come Aggredito dopo un bacio al compagno. La comunità gay: Polesine omofobo [pubblicato sul corrieredelveneto.it il 21 aprile 2015], Andria, omofobia all'ipermercato: 'Insultati dai commessi perché siamo gay' [pubblicato su bari.repubblica.it il 5 maggio 2015], Arcigay: «C’è anche omofobia nel caso De Luca» [pubblicato su corrieredelmezzogiorno.itil 6 maggio 2015], oppure 'Kill the Faggot', ritirato il videogame omofobo. Ma il gioco è ancora online [pubblicato su www.ilfattoquotidiano.it il 6 maggio 2015].

L'Italia_è_omofobica

Anche dai sondaggi non emergono notizie confortanti, tutt'altro. Le immagini che ne escono sono di un'Italia che ha sempre più a che fare con l'intolleranza e con l'omofobia. Secondo una recente indagine dell'Agenzia europea per i diritti civili in Italia, ad esempio, il 96% degli intervistati pensa che per gli italiani sia normale fare battute offensive sui gay, mentre il 69% ritiene che in Italia possano verificarsi aggressioni fisiche ai danni del mondo LGBT (contro il 31% del Regno Unito, il 26% della Germania e il 23% della Spagna). Da un altro sondaggio riportato recentemente dal settimanale «Panorama» emerge che secondo il 59,7% degli intervistati è "sbagliato" che le coppie omosessuali (anche se conviventi) possano sposarsi, mentre per quanto riguarda il fronte adozioni il no arriva all'81,9%. Può bastare per dire che l'Italia è un Paese omofobico?

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pintereste YouTube]

Ma il vero problema, in Italia, è a livello politico. L'omofobia, l'intolleranza in generale, è una questione su cui ancora troppo spesso la politica fa leva per ottenere facili consensi. E anche quando si tratta di prendere decisioni la paura di mettersi contro la maggioranza (votante) del Paese la fa da padrona. Così in Italia, finora, si è sempre fatto un gran parlare, ma non si è ancora presa nessuna decisione concreta su matrimoni gay, unioni civili o, più in generale, per i diritti degli omosessuali. Tantomeno si è fatto qualcosa per le adozioni da parte di coppie gay.

L'Italia_è_omofobica

Cosa aspettarsi, d'altronde, da una politica che non è capace di sentirsi libera e soccombe sotto il peso di ingerenze di gruppi tradizionalmente dominanti. Una politica abituata da sempre a pensare in piccolo, a limitare una libertà piuttosto che ampliarne una già esistente, perché in fin dei conti è sempre meglio lasciare le cose stanno. E allora ecco il ministro dell'Interno Angelino Alfano che (limitandosi ad applicare la legge esistente) annulla le trascrizioni, nei comuni italiani, delle coppie gay sposatesi all'estero; ecco che si grida allo scandalo se si propongono a scuola libri che parlano (anche) di omosessualità, come è accaduto a Venezia, e si organizzano censimenti delle scuole dove si parla di gender, come accaduto a Milano, dove la curia ha chiesto agli insegnanti di religione di trasformarsi in una sorta di “spie”, mentre un noto settimanale cattolico pubblica online “Gender a scuola, un decalogo per difendersi ”.

C'è molto da fare, soprattutto a livello di formazione, per poter dire con fierezza, un giorno, che l'Italia non è omofobica.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Non capisco una cosa del suo articolo, se come lei stesso cita percentuali bulgare contro il matrimonio o l'adozione perché il politico che deve rappresentare i suoi elettori dovrebbe portare avanti queste istanze?
Se 81,9% degli Italiani sono contro l'adozione omogenitoriale perché deve essere fatta una legge a favore?

Ciao Oscar,
se intendiamo per "politica" la ricerca di facili consensi e l'inseguimento di un voto con l'utilizzo di argomenti populistici probabilmente hai ragione, l'articolo non ha molto senso. Ma ti assicuro che chi sogna una Politica capace di guidare/formare, un Paese un senso lo trova.

Questo dimostra l'arretratezza culturale del nostro paese, che probabilmente si merita la grave crisi che sta attraversando, che non è soltanto economica o politica, ma è proprio una crisi dell'individuo, privo ormai di valori e senso di civiltà. In uno stato moderno, non dovremmo neppure dire se è giusto o sbagliato che due persone dello stesso sesso possano sposarsi, dovremmo essere già oltre, e di certo l'omosessualità non è nè giusta nè sbagliata, semplicemente è, fa parte della natura di alcuni esseri umani, così come il cielo è blu. Prima ancora che politico, il problema nasce poco dal basso, dalla bassezza di molte persone (famiglie, in primis, che dovrebbero allevare e far crescere dei bambini aperti e tolleranti) che continuano a puntare il dito, a guardare male due uomini se si baciano, a farli sentire diversi. Ecco, nel momento in cui questa diversità verrà a mancare allora saremo uno stato moderno, aperto, tollerante, allora saremo un esempio di civiltà, anziché restare ai regni barbarici.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.