Conoscere l'editing

Curiosità grammaticali

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Diffondi libro

“L’inverno più nero”, un libro tra le indagini per omicidio e l’inferno del 1944

“L’inverno più nero”, un libro tra le indagini per omicidio e l’inferno del 1944Tra le indagini del commissario De Luca, quella che Carlo Lucarelli racconta ne L’inverno più nero è senza ombra di dubbio la più intricata e particolare. Soprattutto perché il noto autore e conduttore televisivo, in questo suo sesto lavoro dedicato al citato personaggio, ha sviluppato un intreccio narrativo che si snoda attraverso tre vicende separate.

Ma come amava scrivere e ripetere spesso lo stesso Lucarelli, partiamo dal principio...

La storia è ambientata a Bologna, nel 1944. Un periodo cupo e tragico, che vede la città occupata dai tedeschi, martoriata dai bombardamenti e vittima di continue e ripetute incursioni dei partigiani. E non solo. È teatro di scontri tra questi ultimi e le Brigate Nere, ferita da atti di violenza e oppressa dalle molte organizzazioni e squadriglie che portano avanti i propri ideali e la propria giustizia.

È nel bel mezzo dell’inverno più nero, come recita il titolo, arena di misteri, intrighi e sotterfugi, in cui sguazzano criminali noti e personaggi corrotti, che si contrappongono alla gente comune, spesso alla ricerca di cibo e di un lavoro per tirare a campare.

In questo caos il commissario De Luca, ormai facente parte della polizia politica di Salò, si troverà a dover far i conti con tre differenti omicidi. Tre cadaveri ritrovati nella Sperrzone, al centro di Bologna, un luogo sorvegliato dai soldati della Feldgendarmerie. Dovrà lavorare per tre differenti committenti, rimanendo in bilico tra i pericoli e l’angoscia di un tempo che Lodovico Terzi etichetta come “senza gloria”. Un tempo fatto di allarmi antibomba e sirene che urlano paura.

“L’inverno più nero”, un libro tra le indagini per omicidio e l’inferno del 1944

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Il romanzo, edito da Einaudi nella collana Stile libero big, si caratterizza – come già scritto – per l’intreccio creato dal suo autore. L’indagine raccontata da Lucarelli si dipana in tre vicende separate, che vedono il protagonista impegnato nel seguire più piste nello stesso momento. Ed è forse per questo motivo che la storia sembra partire piano, sembra non decollare di botto come, spesso, l’autore è abituato a fare nei suoi scritti.

Ma è una sensazione che dura poco.

L’ambientazione suggestiva, la descrizione minuziosa dei personaggi attraverso le azioni che compiono, i macabri ritrovamenti dei cadaveri e, in particolar modo, i rischi che il commissario De Luca sopporta, e che provengono in parte dagli stessi committenti della risoluzione dei casi, accrescono di colpo la suspense. E allo stesso tempo sottolineano la bravura nella scrittura e tutta l’esperienza di uno scrittore navigato come Lucarelli.

A dispetto di quanto si potrebbe pensare, infatti, vista la difficile opera del dover incastrare tanti elementi derivanti da tre differenti indagini, la lettura non risulta quasi mai priva di tensione narrativa. Anzi, afferra il lettore e lo trascina, riga dopo riga, fino in fondo alle circa trecento pagine che compongono la foliazione del libro.

Lo stile usato dall’autore è il solito: pochi fronzoli e un linguaggio diretto, puntuale. Quasi “parlato”. Chi conosce il modo di esporre i fatti tipico di Lucarelli, quella che lo stesso autore utilizzava ad esempio durante la nota trasmissione Tv Blu notte, non farà fatica e riconoscere il suo caratteristico sistema di descrivere le vicende. Scarsa propensione ad allungare le frasi con descrizioni superflue o eccessivamente dettagliate, una preferenza evidente nel presentare ogni personaggio mediante il racconto per immagini o facendo compiere allo stesso delle azioni che lo descrivono.

“L’inverno più nero”, un libro tra le indagini per omicidio e l’inferno del 1944

Per quanto riguarda il genere, il sesto libro che ha come protagonista il commissario Achille De Luca può essere inquadrato esattamente come i precedenti (Carta bianca, Sellerio, 1990; L’estate torbida, Sellerio, 1991; Via delle Oche, Sellerio, 1996; Intrigo italiano, Einaudi, 2017; Peccato mortale, Einaudi, 2018). Ovvero, come un poliziesco/storico, che spesso si avvicina al noir, visto che in quest’ultimo caso si ha tipicamente un racconto dal punto di vista dell’antieroe e che De Luca è stato, e lo tuttora, un personaggio positivo ma, allo stesso tempo, alquanto controverso.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Riassumendo, L’inverno più nero, di Carlo Lucarelli, è libro che merita di essere letto, soprattutto dagli amanti del genere poliziesco/noir e da chi ha la passione per la storia. Perché oltre a trasportare il lettore all’interno delle indagini, infatti, è in grado di catapultarlo in un mondo suggestivo e lontano, fatto di guerra e paura, come lo era il 1944. Ed è questa, forse, una delle caratteristiche migliori del romanzo: la presenza di molti elementi legati al periodo poco conosciuti o, comunque, non raccontati abbastanza. Elementi che fanno da sfondo all’intricata trama inventata dall’autore.


Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 2.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.